Essenza Altis per il Grand Hotel di Lisbona

image_pdfimage_print

Il Grand Hotel, a pochi passi dall’Avenida dea Liberdade, è stato il primo tassello di un mosaico di emozioni e di eleganza che contraddistinguono il gruppo Altis. Moderne vibrazioni sulla tradizione.
di Antonella Iozzo

Altis-Grand-Hotel-Lisbona-ReceptionLisbona – Altis Grand Hotel Lisboa, la tradizione è una questione di stile che rinasce dal senso dell’ospitalità del Gruppo Altis fondato nel 1970 da Fernando Martins e dei suoi figli. Sette strutture nelle vie più importanti di Lisbona, sono il sunto di una filosofia incentrata sulla tradizione dell’ospitalità portoghese, mission di Altis.
Il Grand Hotel, cinque stelle nel centro dinamico di Lisbona, a pochi passi dall’Avenida dea Liberdade, è stato il primo tassello di un mosaico di emozioni e di eleganza che contraddistinguono il gruppo Altis. Una rinascita quotidiana che porta in se il fascino della storia e il ritmo dell’innovazione, tutto plasmato da gesti che ci rimandano al calore dell’accoglienza e all’efficienza del personale, al Grand Hotel, infatti, l’ospite è sempre al centro dell’attenzione.
Arte, cultura e tradizione
Altis-Grand-Hotel-Lisbona-Public-AreasArte, cultura e tradizione sono state le coordinate seguite dall’architetto Fernando Mirando e dall’interior designer Daciano Costa, quando tra il finire degli anni 60’ e l’inizio degli anni 70’ è stato costruito l’Hotel. Una parabola artistica alla quale ben presto si sono affiancati i maggiori artisti portoghesi. Pittori e scultori sono stati, infatti, i protagonisti di una messa in scena unica. Un’opera teatrale dove ogni espressività rappresentava e rappresenta tutt’oggi l’anima portoghese, la creatività intrisa di passione e di profondità intimistica. Un mistero capace di rivelarsi ad ogni sguardo, una pulsione che sfiora la perfezione, sembra quasi che l’Hotel sia stato stato progettato simile ad un museo da vivere nella sua interezza.
Altis-Grand-Hotel-Lisbona-RestaurantNel corso degli anni il Grand Hotel, è stato più volte restaurato e come una fenice ogni volta rinasceva dalle proprie ceneri sempre più splendente e carico di fascino. Luogo vissuto dalla città alla quale appartiene, fiero e orgoglioso di essere status symbol per eventi internazionali di prestigio, party ed incontri esclusivi, grazie ad un Centro Congressi composto da undici sale completamente attrezzate.
Segni, geometrie, linee come tracce da seguire in una composizione che si anima di vitalità, di effervescenza, di calore e ospitalità al servizio dell’ospite. E’ una storia che intreccia tradizioni e passioni, eleganza e grazia, impressioni artistiche ed evocazioni sensoriali, legami solidi e naturali al quale prestare ascolto, perché è come se ogni oggetto d’arredo che incontriamo in Hotel, dalla Hall alle camere, rilasciasse una quiete musicale intrisa di ricordi, di sentimento, di carica emozionale. È un raccontare per sensazioni, è un dialogare con l’altro volto del Grand Hotel, la sua anima che vibra di essenza vitale, di riverbero con l’autenticità del calore portoghese.
Face to face con le emozioni
Altis-Grand-Hotel-Lisbona-SuiteUna condizione fantastica che amplifica le emozioni cancellando le distanze tra l’ospite e le figure chiavi di un hotel, dalla reception al ristorante, dal bar alla SPA, ne nasce una sorta di performance esperienziale che sublima il soggiorno. Face to face con le emozioni ad iniziare dal Lobby Bar, in un’atmosfera piacevole si possono gustare deliziosi drink e ammirare la bellezza scultorea o dipinta. Sembrano essere forme sonore che narrano storie e pensieri disegnando l’anima del Grand Hotel. Design e contemporaneità si aprono alle suggestioni Delfi anni 70’, lampade, tavolini, sedute,ogni cosa, infatti, è rimasta fedele allo spirito del periodo. È un’armonica partitura che cadenza i ritmi della quotidianità alberghiera e scandisce le impressioni degli ospiti, è un lifestyle portoghese che si distende nella memoria e nell’ospitalità, cuore del Grand Hotel.
Moderne vibrazioni sulla tradizione, parte viva della scena, con i suoi colori, il suo infinito orizzonte che risponde al desiderio e richiama a se il profilo luminoso che avvolge gli spazi aperti. Altis-Grand-Hotel-Lisbona-RoomEsito felice dalla pianta libera è anche l’Herald Bar, dove un’intimità, quasi ovattata, ci riconduce verso riflessioni più intime e composte.
Il controllo della luce e dei dettagli sembrano raccontare infinite pagine d’arte e di design che siglano la peculiarità dell’Altis Grand Hotel, dove la decorazione viene interrotta dal vivace cromatismo dei quadri. Le superfici si dilatano, la luce inonda l’arredo e la vista, improvvisamente, irrompe maestosa sulla città, ci troviamo al dodicesimo piano, dove lo S. George Bar, offre invitanti cocktail per spensierati momenti. Sul lato opposto il Grill D. Fernando Restaurant, la suddivisione degli spazi è fluida e riverbera dello spirito degli anni 70’, comune denominatore a tutto l’hotel. Arte e architettura, scenografia e design ci rimandano indietro nel tempo e creano un ambiente che mostra tutta la sua poesia. Luogo ideale per gustare piatti della tradizione locale e internazionale sotto il cielo di Lisbona. La semplicità informale di un light lunch, si può gustare al Coffee Shop Rendez-Vous, dove le proposte gastronomiche rispecchiano le linee essenziali e dalla ben precisa personalità dell’ambiente.
Trame musicali che evocano lo spirito del luogo
Altis-Grand-Hotel-Lisbona-Presidential-SuiteElementi di design dalla grande qualità artigianale dettate dalla sensibilità e dal gusto degli artisti, sono resi seducenti da un sapiente gioco di luci calde e soffuse tanto da pervade e trasformare ogni camera in uno scrigno dove il confort è una dimensione altra che regala all’ospite: qualità, quiete, relax. Camere Superior, Deluxe, Deluxe Premier, e Suite sono spazi sempre vivi che dispiegano un percorso particolare, definito dai più piccoli dettagli e dove gli oggetti definiscono una lettura più profonda dello spazialità che ci circonda. Le tre Ambassador Suites, all’undicesimo piano, sembrano interpretare sensazioni di libertà e la città sembra essere lo sfondo ideale per valorizzarla. Nitore ed essenzialità, armonia e suggestiva spazialità fissano le direttrici prospettiche della Presidential Suite, decisamente moderna con arredi in ebano e finiture in acciaio, soluzione chiara, lineare e leggibile, in accordo con il marmo della stanza da bagno.
Altis-Grand-Hotel-Lisbona-SPATrame musicali che evocano lo spirito del luogo in un connubio di passato recente, presente e futuro, nascono da linee essenziali, classiche che diventano accordi melodici uniformi che donano la sensazione di spazi più ampi. 300 camere e suite dotate di tutti i confort, ricompongo l’anima di Lisbona, in una verve contemporanea armonizzata al sentimento in divenire di ogni ospite. Un gioco di volumetrie razionali abbraccia il Grand Hotel e una scansione quasi minimalista di forme e spazi scolpisce un preciso alternarsi di pieni e vuoti che caratterizzano le camere come i luoghi comuni. È quasi un dipinto ricco, emozionante, poetico, moderno ma incastonato nella storia dell’Altis Grand Hotel.
Raffinato linguaggio architettonico, affascinante e composito anche per la SPA by Altis Grand Hotel. Palestra, sauna, bagno turco, vasca idromassaggio, piscina riscaldata e centro benessere relax e benessere viaggiano all’unisono tra le movenze dell’acqua, il piacere del corpo non è un concept astratto ma è tensione sublime, inarcata verso l’equilibrio psicofisico, una condizione che si lascia accarezzare dalla professionalità di personale che rende ogni massaggio plus emozionale.
La vivace creatività portoghese e il calore dell’ospitalità conferiscono al Grand Hotel un magico effetto rinsaldato dal culto della tradizione, è un affresco vibratile vitale, uno sguardo interiore sull’anima di Lisbona e sull’essenza Altis.

Altis Grand Hotel
Rua Castilho, 11
1269-072 Lisboa
Tel: +351 213 106 000 Fax: +351 213 106 262
http://www.altishotels.com/

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (07/11/2014)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1