Gabriele Galieni and Lido Palace, carattere ed eleganza

image_pdfimage_print

Gabriele Galieni, direttore del Lido Palace, regala ai suoi ospiti un’esperienza paradisiaca, trattamenti SPA, ristorazione diversificata, un contesto piacevole come Riva del Garda. In poche parole un prodotto tailor maid.
di Antonella Iozzo

Gabriele Galieni-Direttore-LidopalaceRiva del Garda (TN) – Gabriele Galieni direttore del Lido Palace di Riva del Garda, vive il suo lavoro come una passione coniugata alle dinamiche manageriali. In sinergia con il suo team, amplifica e ridefinisce l’orizzonte del Lido Palace per una bellezza da 5 Stars Plus che conquista ospiti sempre più esigenti.
Lido Palace, un hotel storico reinterpretato in chiave moderna …
Si, l’hotel è stato re – inaugurato nel 2011 dall’architetto Alberto Cecchetto che ha saputo coniugare il patrimonio storico di questa struttura, con un concetto moderno di design. Il riscontro molto positivo dei noti ospiti dimostra la buona riuscita dell’intento.
Le forme dell’arte, le curve della cultura , le linee della sua direzione
Non credo che esista un settore in cui non ci sia arte. L’arte è la capacità di relazionarsi in maniera positiva, è saper creare un clima aziendale per cui i collaboratori vengono a lavorare contenti, un team straordinario sia in termini di competenze che come senso di appartenenza. L’arte è sempre presente, anche quando analizzo dei numeri. Credo che le linee della mia direzione compongono una performance dalle curve molto ampie.
Senso estetico, ospitalità, confort, in che misura convivono?
Marciano di pari passo, il senso dell’ospitalità, quindi, il calore, è importante come lo è affiancare alla bellezza l’efficienza.
Considera il Lido Palace un hotel di lusso?
Si, naturalmente. Abbiamo le persone, abbiamo il prodotto.
Il suo concetto di lusso?
Potremmo parlarne per giorni, ma sinteticamente, posso tranquillamente dire che per me è la possibilità di godere di qualsiasi desiderio senza avvertire, dopo averlo consumato, alcun senso di colpa.
Quando, secondo Lei, in un hotel la permanenza più divenire esperienza sensoriale?
Non è una questione di tempo, dal mio punto di vista, ma di qualità e professionalità nel comunicare e gestire ogni situazione. Mi spiego, quando siamo in grado di relazionarci, di offrire un servizio, di soddisfare qualsiasi richiesta, di rendere possibile i desideri dell’ospite, generiamo un’emozione.
La SPA valore aggiunto o servizio essenziale?
È un completamento del serivizio, parte integrante di questo percorso innovativo. Fra due anni sarà uno standard, ne sono certo, ma fra 5 anni, mi chiedo verso che cosa si dovrà tendere per innovarsi. Noi stiamo lavorando ad un progetto orientato sull’aspetto medico-estetico della SPA, con interventi sostenibili di media durata, in sintonia con il concetto del bello più che con la bellezza frivola.
Cos’è per Lei il culto del bello?
Il bello è pensare fuori dagli schemi, osare, sapere guardare oltre le difficoltà che mi possono frenare nella realizzazione di un progetto ambizioso. Bisogna pensare in bello e in grande.
La bellezza può essere pericolosa?
Si, ma come tutte le cose. Un capolavoro è la sintesi di un processo che implica impegno, lavoro e tantissimi tentativi.
L’ospite del Lido Palace?
Il Lido Palace è un prodotto di nicchia con solo 42 camere. I nostri ospiti desiderano un’esperienza paradisiaca con trattamenti SPA, con una ristorazione diversificata: informale di giorno con il bistrot Tremani, più sofisticata e ricercata la sera con il Re della Busa, in un contesto piacevole come Riva del Garda. In poche parole vogliono un prodotto tailor maid.
L’importanza di trovarsi a Riva del Garda, l’importanza del Lido Palace per Riva
Se si vuole attuare una progettazione a lungo termine che amplifica le prospettive di Riva, la città ha bisogno del Lido Palace, ma il Lido Palace deve rappresentare il primo anello di tale espansione. Solo così Riva può splendere come Portofino, i presupposti ci sono e il presidente è particolarmente creativo e ambizioso.
Il lato più piacevole del suo lavoro?
La capacità e la possibilità di relazionarsi con i clienti, i collaboratori, constatare i risultati, la crescita costante e in maniera importante
Se il Lido Palace non ci fosse?
Sarebbe una grande perdita, ma le alternative si trovano, basta cercare.

Lido Palace Hotel
Viale Giosuè Carducci, 10
38066 Riva del Garda Trento
Tel. 0464 021899 – http://www.lido-palace.it

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (07/07/2014)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1