Hilton Union Square, simbolico vitale contemporaneo

image_pdfimage_print

Hilton Union Square San Francisco un urban vision da esplorare. Moderno sul classico. Semplice sul contemporaneo, è lo stile delle camere sempre di notevoli dimensioni.

di Antonella Iozzo

San Francisco – La modernità, a volte, determina luoghi e spazi del quotidiano, reiventandoli, ridefinendoli, espandendoli, nascono nuove forme delle metropoli e gli Hotel divengono un tassello importante.

L’Hilton Union Square di San Francisco è una city-within-a-city con tre torri, una lobby imponente e ben 1.919 camere.

Moderno, dinamico, versatile, sembra consolidare la sua architettura nella vivace Union Square, a due passi da Market Street, dove è possibile trovare le opzioni di transito per l’aeroporto, il Golden Gate Park e Fisherman’s Wharf, senza dimenticare la Powell Street Cable Car e alcuni dei teatri più prestigiosi della città. Location perfetta, in sintonia con il suo esprit contemporaneo.

L’Hilton Union Square è un urban vision da esplorare. Se la dimensione volumetrica della lobby al primo impatto è un po’spiazzante, la luminosità e il flusso vitale che le imprime il ritmo e il carattere, lo rendono un luogo aperto, ospitale, sempre in movimento e in costante cambiamento, esattamente come il cuore pulsante di una piccola città.

La struttura si snoda in una spazialità disarmante, lobby, sale in soluzione di continuità, corridori che si diramano per condurci rispettivamente agli ascensori delle tre torri. È come esplorare la forma di un’idea nella solidità architettonica di un edificio che mette in relazione la funzionalità con la modernità. Naturalmente le strutture business sono l’epicentro dell’Hotel con 73 sale meeting completamente attrezzate. Gli ospiti, inoltre, possono rilassarsi dopo il lavoro alla piscina scoperta e al centro fitness.

Costruito nel 1964, ad un costo di 29 milioni di dollari, su progetto del famoso architetto William B. Tabler è stato inaugurato lo stesso anno. L’Hilton Union Square occupava un intero isolato e rimane una delle strutture simbolo della Brutalist architecture. Il progetto di Tabler impiegava anche una facciata con finestre a scacchiera e pannelli decorativi per mascherare i rinforzi sismici.
L’edificio originale era composto di 18 piani e 1200 stanze, ed era conosciuto per una particolarità: consentiva agli ospiti di parcheggiare direttamente accanto alle stanze del piano superiore.  Il layout distintivo del parcheggio è mirabilmente ripreso in alcune scene memorabili del film Petulia (1968), girato in parte in hotel.

Hilton Union Square. Stars, celebrity and cinema
Sin dall’inizio l’Hotel è stata la destination preferita dalle celebrità, anche i Beatles alloggiarono all’Hilton Union Square, durante il loro tour negli Stati Uniti che iniziò proprio a San Francisco il 18 agosto 1964. La seconda torre di 46 piani fu aggiunta nel 1971 ed unita all’ala originale da uno skybridge.

Stars, celebrity and cinema in California sono una costante e nuovamente nel 1972 l’Hilton Union Square diventa il set della commedia screwball “What’s Up Doc ?”, dove i personaggi principali soggiornano in un hotel che ospita una convention musicale. Le riprese si sono svolte nel nuovo grattacielo di 46 piani, tra la hall, il drugstore, la sala da ballo e il diciassettesimo piano, scene che formarono la prima ora del film.

Storie, leggende e gossip che incuriosisce da sempre e catalizzano l’attenzione, tramando situazioni come sequenze da films.
Si edificano verità e si ristrutturano situazioni. Dal 1985-1988, l’hotel è stato completamente ricostruito per un costo di 150 milioni di dollari, su progetto dell’architetto John Carl Warnecke, con l’aggiunta di una terza torre di 26 piani. La facciata a scacchiera originale di Tabler è stata rimossa e sostituita con una facciata più contemporanea in sintonia con la nuova ala.

L’Hilton Union Square fonde architettura e design
L’ultima ristrutturazione risale al 2017 con miglioramenti e aggiornamenti all’avanguardia.  Hilton Union Square rimane il più grande hotel della costa occidentale. Simbolico che si lascia ricordare con effetto vista e lifestyle, è la CityScape al 46 ° piano, ottima carta vini, deliziosi ed originali cocktail ed un menu di piccoli snack creativi. Giochi di corrispondenze fra sensazioni e visioni. Lo spettacolo nasce in noi, tutto il resto è il reale da una nuova prospettiva.

L’Hilton Union Square fonde architettura e design caratterizzando profondamente lo spazio della vita quotidianità di un hotel di tali dimensioni. La sintassi della composizione segna l’espressività contemporanea nella sua pulsione più autentica con un bar centrale, un negozio di articoli da regalo, zone living con morbide sedute, ampia zona reception e congerie e corner che di volta in volta possono essere sfruttati per esposizioni artistiche temporanee. Decisamente coinvolgente la fedele riproduzione di una cella di Alcatraz. Nell’ampiezza sconvolgente dell’Hilton Union Square, quando avanza il pensiero, la storia si racconta in pochi metri quadrati e il suono della riflessione ne amplifica gli effetti.

Moderno sul classico. Semplice sul contemporaneo, è lo stile delle camere e delle suites, sempre di notevoli dimensioni. Lo spazio non è un optional all’Hilton Union Square e la luce ne amplifica gli effetti ponendo l’accento sui dettagli e sul comfort. Letti comodi, tessuti confortevoli, tecnologia con iPad, Internet, TV a schermo piatto e per le camere Skyline View, dal 26 ° al 44 ° piano, balconi spaziosi ed una vista spettacolare. È meraviglioso lasciarsi sorprendere dalle luci dell’alba soprattutto in una giornata particolarmente limpida.

Lasciarsi accarezzare dalle sfumature del cielo, disegnare con lo sguardo la silhouette dello skyline con i suoi grattacieli, dipingere i sogni con le emozioni e un’esperienza che non ha prezzo. Dopo la quotidianità con tutti i suoi come e perché può iniziare. Un attimo ancora che la colazione al Poached, buffet con french toast, uova strapazzate, deliziosi dolci e specialità asiatiche.
Hilton Union Square di San Francisco, l’esperienza dello spazio scopre soluzioni inaspettate e ci conduce in un grande viaggio che racconta il vissuto di un Hotel, la sua storia e la sua evoluzione rimanendo, al contempo, per ciascun ospite, simbolo da vivere nel battito vitale del contemporaneo.

 

Hilton San Francisco Union Square
333 O’Farrell Street
San Francisco, California 94102
http://www3.hilton.com/en/hotels/california/hilton-san-francisco-union-square-SFOFHHH/index.html

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (17/07/2018)

 

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1