Hotel Villa Madruzzo, ospitalità ed eleganza come inspirazione

image_pdfimage_print

Hotel Villa Madruzzo Trento, un mondo diverso capace di trasmettere a ciascun ospite lo spirito di un’ospitalità calda e sincera, magnificata dall’human touch, del direttore Polonioli e da un’eleganza discreta.

di Antonella Iozzo

Trento – Hotel Villa Madruzzo, ospitalità come inspirazione. Uno scrigno che si distende nella memoria e nell’eleganza rilasciando i battiti del tempo. A pochissimi chilometri dal centro storico di Trento una residenza nobiliare del XV secolo indossa una nuova bellezza e lo spazio che la circonda assume le forme del contemporaneo.

Un invito a scoprire il vissuto nella sua nuova pulsione moderna mitigata dal valore dell’accoglienza. Sorriso, gesto, human touch, è l’imprinting del direttore Battista Polinioli.

Due nuove partiture architettoniche abilmente orchestrate, si sviluppano ai lati della dimora storica disegnando uno stile composito e armonico, zona Classic e area Belvedere. È una libertà espressiva che dona vita a scorci e prospettive inattese, che dilata gli ambienti e moltiplica gli effetti di luce offrendo lo sfondo ideale a ciò che il cuore desidera tra allure storica e design moderno.

Interni che comunicano sempre più con gli esterni creando un grande spazio unitario, ecco allora che dalle ampie vetrate la natura entra in scena e gli ambienti, dal ristorante alle camere, dalla sala lettura alla centro Benessere, diventano romantici giardini d’inverno da vivere nella loro intima atmosfera.

Continuum emozionale e soluzioni architettoniche che rinascono collegamenti tra le diverse strutture nel segno del rigore e di una razionalità che incontra l’estetica per un total living fra le diverse sfumature del luogo. Stiamo parlando della Madruzzina Gallery, una sorta di corridoio, di intermezzo culturale interrato che diventa trait d’union, galleria, appunto, fra i vari ambienti: la Villa, la zona Classic e l’area Belvedere.

Attraversarla è un suggestivo viaggio nel tempo che racconta la storia di Villa Madruzzo dal XV secolo ad oggi. Le vicende personali e politiche, di una delle dinastie di principi vescovi più importanti del Trentino, i Madruzzo, incontrano l’essenzialità e la linearità del design. L’estetica diventa sentimento, e l’armonia, al servizio del vissuto, tesse la sua trama nel segno di un’eleganza colta e raffinata. Grazie al candore del bianco e alla luce abilmente modulata è come se ci trovassimo sul sentiero del parco e le immagini d’epoca divenissero evocazioni di un romanzo sul fondale dei secoli scorsi. Da dimora estiva del principe vescovo Cristofaro Madruzzo fino ad arrivare, dopo vari passaggi generazionali, a Carlo Emanuele Madruzzo, che ridefinisce i contorni della storia, innamorandosi della nobildonna che soggiornava nella villa accanto, Claudia Particella. Le traiettorie d’amore sono infinite e a Villa Madruzzo assumono le forme di un passaggio segreto, l’attuale Madruzzina Gallery, per facilitare i loro incontri. Alla sua morte l’edificio venne abbandonato al suo declino.

Alla fine dell’800 Villa Madruzza, che aveva suscitato l’interesse del podestà Paolo Oss Mazzurana, rinasce nello splendore della linee classicheggianti. Sui timpani una serie di sculture allegoriche ci rimandano alle prosperose attività agricole – industriali del podestà, una precisa testimonianza del gusto personale e di un misurato spirito classico, quasi un manifesto della cultura del Mazzaruna e della ricchezza della sua terra.

Comfort, eleganza e relax in perfetta armonia. Ogni camera un estensione di eleganza e fascino. Istinto e immaginazione sembrano aver guidato il restauro filologico delle camere Madruzzo al primo piano della Villa, nella struttura storica. Il concept risulta subito chiaro: risvegliare la bellezza sopita nel tempo con materiali classici e ricercati e arredi che assecondano l’imprinting culturale e artistico del luogo. Dettagli come segni poetici e densi ma mai invasivi intrecciano memoria ed evocazione nella modulazione della luce che, imperante, entra dalle ampie finestre con vista sul giardino frontale.

Hotel Villa Madruzzo, un rifugio per l’anima
Inspirazioni diverse e moderne per le camere Belvedere e Classic. Uno stile fresco, leggero e neoclassico in perfetta soluzione di continuità con lo charme storico circostante. Stile dinamico che accoglie selezionati decori e arredi dalle linee nitide, per una cifra decorativa intima e astratta. La ripartizione spaziale crea un soft touch carezzevole con il plus di un balconcino privato che si affaccia sul giardino o sul panorama collinare, per momenti di relax e quiete musicale capaci di aprire nuove dimensioni sospese nella suggestione del momento.

Suggestioni che si congiungono con la dimensione wellness di Villa Madruzzo sita nella zona Belvedere. Riconciliare corpo e mente, ritrovare nuova energia è un sogno senza confini che assume le forme avvolgenti di una sinfonia d’acqua, è la piscina interna riscaldata, accessibile tutto l’anno. Riflessi di benessere con vista sulle colline e sui vigneti della campagna trentina raggiungerli, è come oltrepassare la luminosa vetrata e sfiorare le sue rilassanti vibrazioni sonore.

Durante la bella stagione il battito della natura ruba la scena. Le luci dell’aria, i colori del giardino, la piacevolezza di un raggio di sole che scalda il cuore. Feeling che nascono e svettano nell’oasi verde che circonda l’incanto del luogo, ideale per prendere il sole e concedersi una pausa sorseggiando un gradevole drink, e per non farsi mancare nulla la vasca idromassaggio riscaldata ci attende.
Area wellness che offre, inoltre, sauna e bagno turco, intercalato dal passaggio caldo/freddo delle docce Paradise, massaggi, trattamenti estetica per il viso e il corpo. E non bisogna dimenticare la zona relax per un dolce far niente adagiati su comodi e distensivi letti ad acqua, lasciandosi coccolare da una selezione di benefiche tisane.

Hotel Villa Madruzzo, un rifugio per l’anima alle porte della città di Trento che rivela la sua personalità business con le sale meeting. Completamente attrezzate e con soluzioni personalizzate rispondono perfettamente alle singole esigenze. E se la Sala Belvedere e la Sale Ludovico Madruzzo raggiungono notevoli dimensioni, la Sagrestia e la Chiesetta, dislocate nell’area più antica della struttura, portano nel nome, le loro caratteristiche.  La Chiesetta con le sue vetrate colorate e l’avvolgente forma circolare carica di suggestione simbolica, è decisamente la scelta più appropriata per eventi privati che si fanno ricordare.

Ospitalità, tradizione e gusto con il Ristorante Villa Madruzzo. La cucina italiana e la declinazione regionale trentina conquistano i palati in un ambiente raffinato e informale. La qualità degli ingredienti, la cordialità del personale e ottimi vini rendono questa location un’isola di gusto che non delude mai le aspettative.

Hotel Villa Madruzzo, un mondo diverso capace di trasmettere a ciascun ospite lo spirito di un’ospitalità calda e sincera, magnificata da un’eleganza discreta e dalla cura per il dettaglio. Un luogo affasciante circondato dalla verde campagna trentina che unisce storia, tradizione e modernità.

HOTEL VILLA MADRUZZO
Via Ponte Alto 26, 38121 Trento (TN)
Tel. +39 0461 986220 
https://www.villamadruzzo.com/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (21/05/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1