InterContinental New York Barclay. Storico, moderno, iconico

image_pdfimage_print

InterContinental New York Barclay, Se i tempi cambiano la vera classe rimane, anzi rinasce, è il caso di dire, con un maestoso restauro che lo ha reso ancora più sorprendentemente raffinato. Una bellezza autentica pervasa da tante suggestioni sensoriali che raccontano l’allure e la sua classe.

di Antonella Iozzo

New York – InterContinental New York Barclay, il senso innato dell’eleganza e il fascino della storia declinati in un gusto moderno e contemporaneo.

Accordi armonici tra luxury, comfort, servizi personalizzati e ospitalità rendono l’InterContinental New York Barclay un’icona per il jet set internazionale.

Richiami irresistibili per molte personalità da noti politici ad artisti di rilievo come Ernest Hemingway, Eugene O’Neill a Henry Cabot Lodge, Martin Luther King, l’ex presidente, William Jefferson Clinton e, più recentemente Barack Obama.

Costruito nel 1926, nei suoi 90 anni di storia ha ridisegnato le forme dell’accoglienza e i canoni del lusso con uno stile colto, ricercato, cosmopolita che rispecchia il fermento vitale e culturale della location in cui si trova: nel cuore del Midtown di Manhattan, East Side, vicino alla Fifth Avenue e Madison Avenue, ai teatri di Broadway, ai musei, al Rockefeller Center, Central Park, al Quartier generale delle Nazioni Unite e al Grand Central Terminal.

Nato per far vivere, agli ospiti benestanti che giungevano a New York City, un’esperienza lussuosa in stile residenziale, nel cuore della città, l’InterContinental New York Barclay fu originariamente costruito come parte dell’espansione del Grand Central Terminal, direttamente sopra i binari della ferrovia, ideale per il viaggiatore di lusso che arrivava con un vagone privato.

Se i tempi cambiano la vera classe rimane, anzi rinasce, è il caso di dire, con un maestoso restauro che ha reso ancora più sorprendentemente raffinato The Barclay.

Una bellezza autentica pervasa da tante suggestioni sensoriali che raccontano l’allure e la sua classe. È un viaggio dove l’estetica gratifica la vista e il calore emanato da molteplici opere d’arte, dalla lobby alle camere, rendono ogni istante più emozionante e luminoso.

La lobby si apre come una visionnaire circolare che abbraccia l’ospite sin dal suo arrivo, immergendolo grazie, anche alla sobrietà dei colori neutri, in un atmosfera di relax e armonia.

Dal lato opposto alla reception The Gin Parlour ispirato alle gin bar olandesi e inglesi degli anni ‘20, dove si possono gustare ottimi cocktail e oltre 110 gin premium, accarezzati da un sottofondo musicale.

E’ un invito a vivere le note preziose dell’InterContinental New York Barclay nelle sue molteplici espressioni, dalle visioni sublimi del lusso traslato in cura per i dettagli e human touch ai materiali pregiati dei decor e degli arredi, un vero e proprio rimando alla sua storicità.

InterContinental New York Barclay. Nasce una nuova era
702 camere, tra cui 31 suite, una opulenta suite presidenziale e una straordinaria Penthouse Suite Harold S. Vanderbilt.
Nasce una nuova era firmata InterContinental Hotels Group (IHG) Design Studio, Stonehill &Taylor, Charbel Kallab, and Shawmut Construction che ha dato nuova luce alla Presidential Suite e sviluppato un super lussuoso attico Harold S. Vanderbilt Penthouse, new brand ispirato dal passato che conferisce un solido valore al futuro. Un omaggio alla lungimiranza di Harold Stirling Vanderbilt direttore e proprietario del New York Central Railroad, che nei primi anni del 1900 decise di elettrificare i suoi binari ferroviari e d’interrarli, innescando un boom edilizio a livello stradale senza paragoni.

Da dove tutto è nato, la storia assume nuove ambiziose diramazioni che raggiungono le vette del moderno per soddisfare gli ospiti più esigenti dell’InterContinental New York Barclay. Ritratti dei suoi antenati come emblema di un vissuto che cammina e un campo da squash sul tetto come new vision con un cuore. Osare a New York è possibile perché la Grande Mela rende ogni desiderio attimo reale fra le dita, è un brivido che diventa possibile estensione di spazio a tempo nella Penthouse Harold S. Vanderbilt. Sei stanze in cima a The Barclay dal design moderno e raffinato che dipingono lo stile di New York vibrante ed emozionate nelle sfumature di un eleganza senza tempo con i colori grigio ardesia, blu scuro, tortora e oro.

La vista è a dir poco spettacolare, dal soffitto al pavimento le finestre c’immergono letteralmente nello skyline del Midtown Manhattan e l’iconico Chrysler Building. Plus un enorme terrazza, semplicemente da sogno. Just people, party e smile. Dalla reception della suite alla camera da letto principale fino alla seconda camera e alle tre stanze da bagno, ogni cosa è pulizia formale, cura per i dettagli, lifestyle.

Al 15 ° piano la Suite Presidential. Sontuosa, opulenta, very “presidential”, a due passi del United Nations Headquarters.
Eleganza come leitmotiv e opere d’arte che vanno da paesaggi pastorali a rimandi Chinoiserie con una potente valenza decorativa ed emotiva. Lo spazio sembra quasi essere glorificato da ricchi dettagli in rosso e peltro, da arredi american style, da colori scuri, legno in particolare di quercia rossa e mogano ed è come se ogni oggetto avesse una storia da tramandare e lo spirito del luogo evoca un connubio fra passato, presente e futuro. Ripartizione spaziale e volumetria cadenzano la luce e i punti di fuga dell’ambiente che sembra ruotare intorno con richiami formali attentamente orchestrati.

Si possono creare nuove estensioni di lusso? Guardandosi attorno sembra impossibile, pavimenti in pietra, rivestimenti in marmo in Calacatta Gold, Noir St. Laurent, Emperador Dark e Crema Marfil; antichi tappeti persiani, tessuti pregiati, tutto intorno a noi ha un impatto profondo e l’ingresso alla suite con una cupola ottagonale è un elemento di forza che lascia senza respiro.

Le energie fluiscono verso la sala fitness per poi spostarsi nella biblioteca – ufficio, mente un pianoforte a mezza coda sembra analizzare le relazioni tra l’ospite e l’ambiente circostante, ne fluisce una poetica impressione a misura d’uomo. Quasi improvvisamente la zona soggiorno e zona pranzo sono un adagio ma non troppo di Brahmas, la camera da letto principale, dalla quale si accede all’ampia stanza da bagno in marmo grigio con una spaziosa doccia a vapore e vasca indipendente, celebra  un allegro di Prokofiev e ne attutisce le impressioni fino a dare un senso d’intimità.

Ogni momento all’InterContinental New York Barclay diventa unico
Raffinata elegia che continua declinata in grazia e bellezza in ogni singola camera. Microcosmi di rarefazione sensoriale e comfort, impreziositi da opere d’arte accuratamente selezionate per riflettere l’eredità dell’hotel. Oltre al fascino del tempo, ogni opera, come le mappe antiche d’inizio XIX secolo dei paesaggi dell’Hudson River School, rinomati per la natura romantica, intendono comunicare poesia e spiritualità. Lirico rimando alle Catskill Mountains o agli Adirondacks, che punteggiano di allure anche gli spazi comuni del Barclay.

Sculture e motivi damascati sono il controcanto ad un design curato e scenografico che al mood del luogo affianca le differenti interpretazioni del contemporaneo. Accenti federalisti dato dai medaglioni con aquila, originali, su ogni porta delle camere, come emblema dello stile americano che rilascia una certa suggestione chic alle porte di ogni camera, che c’introduce in palcoscenici dell’anima.

Ogni momento all’InterContinental New York Barclay, diventa unico e ogni evento memorabile sia privato che d’affari, grazie alle due magnifiche sale da ballo la Grand Ballroom e l’Empire Ballroom, e ai cinque spazi per riunioni, impreziositi da splendidi chandeliers che nelle ampie scalinate creano intense atmosfere e splendore multiforme.

Al Club InterContinental®, nient’altro è il nostro viaggio diventa massima espressione di benessere e raffinatezza, relax e unicità. Incomparabile fascino The Barclay conquista l’ospite con un luogo intimo, discreto, confortevole, dove è possibile leggere, rilassarsi o svolgere lavoro d’ufficio, grazie a tutte le moderne tecnologie, ma con il calore e la privacy di casa.

Incontri sociali o aziendali, squisiti manicaretti serviti tutto il giorno e drink, quasi un tributo al piacere di essere circondati da un‘ospitalità senza uguali.

Ed è sempre qui che al mattino gli ospiti del Club InterContinental possono dare inizio al nuovo giorno con una gustosa e ricca colazione. Un tributo alla qualità culinaria fresca, moderna, classica.

InterContinental New York Barclay, un’esperienza che rinasce emozione, un’emozione che diventa prospettiva di un solo desiderio possibile: ritornarci.

InterContinental New York Barclay
111 E 48th St, New York, NY 10017, Stati Uniti
http://intercontinentalnybarclay.com/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (25/03/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1