San Francisco, il fascino della baia il piacere del vivere

image_pdfimage_print

San Francisco, il fascino della baia nel natural glamour di un lifestyle solare, gioioso, ricco di vitalità travolgente. Sempre fedele a se stessa, sempre capace di sorprendere con le sue infinite sfumature riaccende l’entusiasmo e il desiderio di viverla. Dal Golden Gate Bridge al Fisherman’s Wharf.

di Antonella Iozzo

San Francisco – Quando si parla della West Coast statunitense la prima città che ci viene in mente è San Francisco. La città più liberal d’America dal background hippie e della controrivoluzione giovanile degli anni Sessanta rinasce nel segno dell’arte e del design. Città simbolo e simbolica, si distende nell’immaginifico riflettendo i nostri desideri di viverla con un volo planare capace di rivelarne le sue molteplici anime.

Sempre uguale e sempre diversa sembra modellare il suo carattere ogni giorno unendo cultura, storia, innovazione e contaminazione. Idee che riaccendono il moderno, creatività che ridefinisce il contact life con il suo mood.

Il modo migliore per scoprire San Francisco è acquistando un CityPASS on line sul sito https://www.citypass.com/san-francisco  o direttamente presso il Visitor Information Center al 900 della centralissima Market Street. Il CityPASS è un carnet di biglietti, valido per 9 giorni, sulle migliori attrazione delle città, come 3 giorni di Cable Car and Muni Bus Passport, ingresso all’Aquarium of the Bay, California Academy of Sciences, una crociera con Blue & Gold Fleet Bay Cruise Adventure e tantissimo altro.

L’ orografia di San Francisco è unica, sinuosità in curva che oscilla tra le 40 colline che la formano nella fascinazione della baia, inondata da una disarmante luminosità, il Frisco, come la chiamano i suoi abitanti. È un salire lungo la vertigine di una fantasia romanzata, rilasciata da numerosi serie TV e films per poi scendere con il cuore colmo di felicità e il respiro scandito da un’appagante fatica che articola frasi di pura soddisfazione. Ecco perché i suoi marciapiedi spesso sostituiti da scalinate sono una meta da non perdere che richiama subito un’altra attrazione i caratteristici tram a cremagliera, i cable car aperti su entrambi i lati.

Una delle fermate principali si trova in fondo alla Powell Street, vicino alla storica Union Square e di fronte all’Axiom Hotel.

San Francisco punta dritto al cuore, cattura anima e mente e la sensazione di scivolare a più non posso dritto nell’Oceano Pacifico trasforma la discesa con i cable car in un’ode di ammirazione nella musicalità più spensierata, turistica e autentica possibile. Inerpicandosi sulla ripida Powell Street si raggiunge la famosa Nob Hill, la zona in di San Francisco con numerosi imponenti palazzi, tra cui il leggendario Fairmont Hotel.

A due isolati dal Fairmont troviamo Chinatown la più grande comunità cinese al di fuori della Cina, ricca di negozi esotici, ristoranti, erboristi.

Mirabile l’emozione che si prova a Lombard Street, la strada più fotografata, per la sua pendenza proibitiva tanto da essere ridisegnata con aiuole che ne modificano la pendenza grazie al susseguirsi di curve a gomito. E per essere la scenografia ideale di numerosi film d’azione.

Famosissime le case vittoriane di San Francisco
Strade sulle quali sono disposte proprio come sequenze da film le famosissime case vittoriane di San Francisco dipinte con colori sgargianti, a due o tre piani, con le bay window e realizzate in legno, in particolare sequoie, perché è disponibile in grande quantità e anche perché è perfetto per il clima, mai troppo freddo, mai troppo caldo.

Nel loro nome il periodo di costruzione, infatti, sono state costruite nel periodo Vittoriano tra il 1837 e il 1901, ma anche in seguito proprio perché il terremoto e l’incendio del 1906 hanno distrutto completamente il centro cittadino. Fortunatamente però, hanno risparmiato alcuni quartieri periferici come Alamo square, dove si trovano le famosissime “Painted Ladies”, Bernal Heights, Haight-Ashbury, Castro ed Eureka Valley.

Tre gli stili principi di queste case da favole: Italianate con finestre alte e strette, finte pietre angolari, colonne corinzie, tetto nascosto da una gronda sporgente. Stile “Stick” il nome deriva dal fatto che i decoratori abbelliscono queste ville con elementi simili a un fascio di bastoni, gli “stick”. Tetto spiovente, bay window rettangolari, decorazioni abbondanti e creatività nell’uso del legno grazie alle nuove tecnologie legate alla lavorazione del materiale.

Stile Queen Anne le più conosciute sono le Painted Ladies in Alamo square. È l’architettura che ricama i sogni, quelle romantiche evasioni che culminano in una residenza decorata con un tocco new romantic e soft con decorazioni che somigliano a lavori in pizzo, copertura “a squame”, timpano frontale triangolare, porticato rialzato rispetto al livello stradale. A tu per tu con le villette di Alamo Square si vive la magia speciale di un attimo eterno: lo skyline di San Francisco sullo sfondo e in primo piano il volto più fiabesco e allo stesso più reale di un’impressione di verità che possiamo toccare. Ci troviamo nel quartiere occidentale di Haight-Ashbury, quello reso famoso da “Summer of Love”. Zona residenziale con viali alberati punteggiata da atmosfera nostalgica e negozi vintage fino al Golden Gate Park, uno dei più grandi parchi artificiali del mondo. La cui creazione risale al 1870, quando fu commissionato da William Hall.
Questa famosa attrazione turistica di San Francisco offre numerose attività per tutta la famiglia, tra cui corsa, pattinaggio, bicicletta, pedalò, pesca a mosca, pallamano, tennis, musei MH De Young Memorial Museum, il Conservatory of Flowers e la California Academy of Science o il giardino Giapponese di una bellezza sconvolgente, dove sono integrate piante e fiori della zona per ricreare un habitat perfetto.  

La città della nebbia rilancia il suo fascino
La città della nebbia rilancia il suo fascino enigmatico dall’imponente, spettacolare e iconico Golden Gate Bridge, vedere le sue forme insinuarsi lentamente tra la sottile coltre bianca della nebbia è una sensazione unica che lascia senza fiato. Quando poi il nostro sguardo deborda la spazialità ed incontra le forme architettoniche del Financial District, come la Transamerica Pyramid, intuisce il riflesso ibrido e l’essenza culturale di una città che non ha limiti. Osare è nella sua natura. Revolution culturale e sessuale che passa alla storia con una delle più grandi comunità gay, il ricordo della Beat Generation e dei suoi eroi come Jack Keruac e Allen Ginsberg che influenzarono immancabilmente molteplici correnti artistiche.

San Francisco dream

SF Travel Skyline project

Arte senza tempo e senza età che ci spinge nell’avveniristico SFMoMa, disegnato dall’architetto svizzero Mario Botta, linee intense e dinamiche che pulsano nel quartiere di SoMa, ex distretto industriale trasformato in luogo dell’arte alternativa, ricco di ristoranti alla moda e negozi di tendenza. Altro quartiere in rinascita con più di 200 murales che decorano case, banche e cafe, raccontando la vita quotidiana di San Francisco e il Mission District. Poco distante di Howard Street dove troviamo l’ InterContinental San Francisco Hotel proprio difronte al Moscone West Convention Center.

Una vera esperienza attraverso il BigBus che ci permette di attraversare la città, fermarsi e riprendere il giro in piena libertà.  BigBus San Francisco, infatti offre al possibilità di un tour hop-on hop-off di uno oppure di due giorni. San Francisco dream nel comfort di autobus scoperti, mentre le divertenti guide raccontano la storia unica della città. Per iniziare il tour la fermata all’ Union Square, è perfetta. Union Square, è il centro commerciale e culturale di San Francisco e vanta la più grande collezione di negozi di lusso della città, ed è sempre qui che troviamo centri commerciali arcinoti come Macy’s oltre che hotels come L’Hilton Union Square e la sua splendida CityScape Lounge, un drink al 46° piano è un‘esperienza da non perdere, oppure al Nikko Hotel con l’Anzu Retaurant, gallerie d’arte e teatri.

Semplicemente iconica e pittoresca la visita al Ferry Building Marketplace. L’edifico bianco che scandisce la vita dei moli, da dove partono e approdano i traghetti giornalieri. Una vera istruzione cittadina, il Ferry Building, infatti, è la sede di uno dei mercati locali più importanti di San Francisco una comunità di agricoltori locali, produttori artigianali e aziende alimentari gestite autonomamente. Promuovono con intelligenza, dedizione e passione cibo e vino da una splendida posizione sul lungomare. Qui troviamo famosi produttori regionali come Cowgirl Creamery Artisan Cheese Shop, Oak Hill Farm di Sonoma, Ferry Plaza Seafood, Hog Island Oyster Company e Scharffen Berger Chocolate Makers. Sono loro che rendono speciale la nostra esperienza culinaria a San Francisco.

Fisherman’s Wharf  e i suoi Pier
Fisherman’s Wharf  e i suoi Pier, incredibile il Pier 39, ricco di ristoranti, bar, negozi e attrazioni per tutte le età.
Agli inizi del XX secolo, quest’area, chiamata Embarcadero, era tra le più pericolose e malfamate della città, ma dopo il grande terremoto del 1906, quando l’amministrazione comunale decise di costruire una passeggiata per famiglie, il Fisherman’s Wharf divenne l’arcobaleno raggiante della spensieratezza, un’oasi della joie de vivre che cattura, in

qualsiasi periodo dell’anno, turisti e abitanti.

Il Fisherman’s Wharf non delude nessuno offrendo stimoli culturali e divertimento per tutti i gusti come il sottomarino USS Pampanito.  Entrarvi è come tornare con la memoria alle imprese eroiche di chi ha affrontato i giapponesi nel corso della guerra. Tutt’alta atmosfera all’Aquarium of the Bay, un viaggio sott’acqua per ammirare le creature marine che popolano la Baia di San Francisco.

Un’attrazione unica sono i Leoni Marini “spiaggiati” sugli attracchi degli Yacht al Pier 39, che passano le loro giornate da gennaio a luglio, riposando al sole, e ogni tanto, litigando per un posto dove dormire.

Le fresche cromie della vitalità ci accarezzano mentre passeggiamo al Pier 39, l’atmosfera è solare, svolazzante il piacere conviviale. Come nastri di luce le emozioni dialogano con il Pacifico, poi danzano il momento davanti alle sculture artistiche che presentono diversi cuori in love. Frizzanti sensazioni, sorrisi e abbracci al nuovo giorno inviato ad esplorare il luogo e lasciarsi andare a golose tentazioni, dolci e salati. Noi cediamo, almeno per il momento, alla tipica e classica zuppa di vongole servita nel pane, deliziosa è dir poco. Pesce, si tanto pesce fresco, il re indiscusso naturalmente è il granchio, non provarlo sarebbe una vera offesa!

Da questi moli partono anche i traghetti diretti all’isola di Alcatraz o per Sausalito. Un mini crociera di un ora con Blue & Gold Fleet Bay Cruise Adventure, è da non perdere. Meravigliosa tensione d’infinito che si sfrange sotto i nostri occhi. Le onde dell’oceano Pacifico, si frangiano inesorabilmente mentre le correnti inscenano la loro tempesta emozionale. Recepire gli umori dell’oceano è come attraversare la sua essenza aquatica e coglierne la musicalità in un solo respiro. Poi è l’ingegno dell’uomo che sfiora il sensibile in noi con il golden, il caratteristico colore arancio fende la nebbia, le visioni di tanti films d’improvviso gravitano intorno, e noi ci passiamo sotto, lo ammiriamo allontanandoci e poi avvicinandoci, non ci sono parole al momento solo sguardi rapiti, pensieri silenziosi, sorrisi che esprimono tutto a chi ci sa guardare ed è al nostro fianco e scatta una foto, quella che rimarrà scolpita nella memoria.

Al Fisherman’s Wharf ci su può arrivare con the Cable Car o le linee Muni quelle storiche come la linea F è una sorta di tuffo nell’era post bellica. Cable Car che la sera ci può condurre a North Beach, il famoso quartiere italiano ricco di vivaci ristoranti italian style, su tutti ci piace ricordare il Cafe Zoetrope by Francis Ford Coppola. Iconico, ricco di storia e dove si può degustare l’autentica cucina italiana con prodotti di alta qualità, freschi e stagionali.

Si riprende il giro con le linee Muni ed è possibile raggiungere un luogo dove gli occhi osano carpire le onde dell’oceano. Destination Ocean Beach, due linee la 5 e la 38 per due diverse visioni e sensazioni. Parla l’oceano: brioso, ipnotico, agitato, tempestoso, calmo. Tutti i ritmi e tutte le nuance dinanzi a noi che immergiamo completamente il nostro essere nella sua forza. Immensità da vivere, non da descrivere.

San Francisco, il fascino della baia nel natural glamour di un lifestyle solare, gioioso, ricco di vitalità travolgente, teso fra arte, design e cultura culinaria. Sempre fedele a se stessa e al suo spirito libero e innovativo, sempre capace di sorprendere con le sue infinite sfumature e un concept di ospitalità e qualità straordinarie che riaccende l’entusiasmo e il desiderio di viverla.

VISITOR INFORMATION CENTER
900 Market Street
San Francisco, CA 94102
Phone: (415) 391‑2000 Fax: (415) 362‑7323
http://www.sftravel.com/visitor-information-center

 

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (13/07/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1