New Entry at Le Soste, Ristorante Oseleta Chef D’Aquino

image_pdfimage_print

New Entry at Le Soste, Ristorante Oseleta Executive Chef Giuseppe D’Aquino. Al Ristorante Oseleta del Wine Relais Villa Cordevigo un viaggio nello stile dello Chef Giuseppe D’Aquino che rintraccia in ogni luogo la sua espressione elettiva coniugandola alla sua identità mediterranea.

Redazione

Il Ristorante Oseleta dal 2018 entra a far parte della prestigiosa associazione Le Soste, un altro importante traguardo raggiunto grazie all’impegno e la tenacia del nostro Executive Chef Giuseppe D’Aquino e di tutti coloro che fanno parte del team di Villa Cordevigo Wine Relais.

In 2018 the Oseleta Restaurant joins the prestigious Associazione Le Soste, another important achievement thanks to the commitment and tenacity of Executive Chef Giuseppe D’Aquino and the whole team at Villa Cordevigo Wine Relais.

Da: Interview D’Aquino, gusto mediterraneo per Oseleta Restaurant and Oseleta, semplicemente D’Aquino Chef by Antonella Iozzo

Nel segno dell’Executive Chef Giuseppe d’Aquino, ispirazioni mediterraneo mood. Elogio alla semplicità al Ristorante Oseleta, una stella Michelin, nella splendida scenografia di Villa Cordevigo a Cavaion Veronese.

Per lo Chef Giuseppe D’Aquino il cliente deve essere aiutato a capire la filosofia di cucina che si propone. Gli ospiti stranieri desiderano saggiare piatti che esprimono l’italianità a tavola, e quale miglior piatto se non lo Spaghetto al pomodoro del Piennolo con burrata e scorza di limone.
Sapori, colori, profumi che hanno attraversato la sua adolescenza rivivono in piatti capaci di esprimere tradizione e creatività. Solare, travolgente, comunicativo, conquista con creazioni che mantengono inalterato tutto il gusto della materia prima.

Un viaggio nello stile D’Aquino che rintraccia in ogni luogo la sua espressione elettiva coniugandola alla sua identità mediterranea. Plus emozionale che diventa sentimento, passione, creazione, piacere voluttuoso con una carnosa ostrica, chiara e setosa, con un tocco di acidità finale che si accosta al melograno croccante e fresco, carattere e sensualità in un solo colpo.

Nell’eleganza del bianco, la sala rilascia tutte le sfumature di un maestoso lampadario di Murano, mentre il personale distinto, discreto, cortese, si muove con passo felpato e ascolta il nostro sorriso interprendone il desiderio.

 

 Redazione
(17/03/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1