Broadway. Paramour,Cirque du Soleil.Danzando nell’aria

image_pdfimage_print

Broadway. Paramour, er la prima volta il Cirque du Soleil si cimenta in un musical tradizionale. Un tripudio di arti, d’interazioni d’idee e confluenze di stili che s’intrecciano in uno spettacolo mirabolante che tiene alta l’attenzione dello spettatore.

di Antonella Iozzo

Photo:  PARAMOUR on Broadway - A Cirque du Soleil Musical; Cast: Indigo: Ruby Lewis A.J.: Jeremy Kushnier Joey: Ryan Vona Invited dress rehearsal photographed: Friday, April 15, 2016;  7:00 PM at the Lyric Theatre/Broadway, New York; Photograph: © 2016 RICHARD TERMINE  PHOTO CREDIT - RICHARD TERMINE

New York – Broadway. Paramour, Cirque du Soleil vuole sorprendere, giocare una nuova carta e la favola ha inizio. New York, Broadway, Musical, logica sequenza che ci riporta a uno sfavillante arcobaleno di luci, danze, artifici coreografici e musica.

Spettacolo nello spettacolo che seduce tutti, spettatori e artisti, tutti vogliono arrivare a Broadway, Cirque du Soleil compreso che tenta la sua scalata nel mondo del musical con Paramour al Lyric Theater.

Un tripudio di arti, d’interazioni d’idee e confluenze di stili che s’intrecciano in uno spettacolo mirabolante, un continuo rimbalzo di situazioni, artifici e tempistiche che tengono alta l’attenzione dello spettatore dallo sguardo irretito dall’abilità fisica e dalla perizia tecnica con i professionisti del Cirque du Soleil volteggiano nell’aria.

Per la prima volta il Cirque du Soleil si cimenta in un musical tradizionale, con una trama, personaggi, show tunes e anche un po’ di tip-tap.

Photo:  PARAMOUR on Broadway - A Cirque du Soleil Musical; Cast: Indigo: Ruby Lewis A.J.: Jeremy Kushnier Joey: Ryan Vona dress rehearsal of ACT I photographed: Tuesday, April 12, 2016;  7:00 PM at the Lyric Theatre/Broadway, New York; Photograph: © 2016 RICHARD TERMINE  PHOTO CREDIT - RICHARD TERMINE

Ideato e diretto da Philippe Decouflé, la sontuosità della produzione scintilla nella lucentezza dell’oro e del rosso, sin dalle prime battute sembra essere un glorioso omaggio al “Golden Age” di Hollywood, un ritorno ai fasti del tempo, si alza il sipario ed è splendore visivo dalle scenografie alle coreografie. Lo show indossa l’illusione del successo, il sogno deborda il lusso di un desiderio che sembra sfiorare l’eleganza dello show-man Sinatra. Lo stile particolare che lo ha contraddistinto sembra nei primi minuti di Paramour riemergere come una radiosa stella che illumina il palcoscenico per giungere fin dentro i sogni celati, tutto è possibile sul borderline tra realtà e spettacolo.

Tre i personaggi principali il direttore artistico AJ (Jeremy Kushnier, l’aspirante cantante Indigo (Rubino Lewis); e il cantautore Joey (Ryan Vona).

La trama è semplice, gioca sull’allure del successo sognato da parte di artisti ancora all’ombra dei luoghi di periferia. Un allure rivisitata e dal forte impatto coreografico. Giochi circensi, per i quali il Cirque du Soleil, è maestro indiscusso, coreografie, abilità tecnica e audacia vestono la storia di ritmo incalzante e coinvolgente.

AJ incontra Indigo e Joey, pianista e compositore, in un anonimo locale di Los Angeles dove il regista è venuto a trovare una nuova stella per la sua nuova produzione, Paramour. Indigo diventa una star ma quando A.J. decide di sposarla e renderli entrambi immortali, Indaco si ribella.
AJ è subito sedotto da Indigo, dalla sua voce calda e dalle sua movenze, intanto il palcoscenico si trasforma, l’occhio dello spettatore corre letteralmente da un’azione scenica all’altra. Spazialità e temporalità sembrano rincorressi a vicenda, non ci sono tempi morti ma solo arabesque, movenze, virtuosismo fisico e artistico che scivola come nastri di luce nell’aria, intanto Indigo incanta e canta con l’anima, nuances che filtrano l’empasse visivo.

L’immagine del successo prende corpo, la celebrità investe Indigo, è una pulsazione battente il tempo e la storia, non c’è tempo per i pensieri o i ricordi perché la memoria diventa materia viva e pulsante nelle pose che emulano varie dee dello schermo in manifesti famosi: Marlene Dietrich in “The Blue Angel” Vivien Leigh in “Via col vento”, Elizabeth Taylor in “Cleopatra”.

La teatralità irrompe con la forza dello spettacolo puro, colori ed esotismo amplificano l’effetto emozionale nella scena di Cleopatra. La voce di Indico, ovvero dell’artista Rubino Lewis in cima ad una scalinata, è fresca, vitale, tecnica vocale, fraseggio, respiri, dipingono un’interpretazione toccante e degna di nota, ma la scena straripa di artisti, stelle in caduta libera che nel silenzio del loro canto corporeo catalizzano l’iride, come i gemelli identici Andrew e Kevin Atherton, trapezisti abbaglianti che si librano sopra il pubblico, come un volo planare, sembrano sfiorare le nostre teste per poi volare alto afferrandosi  l’un l’altro sinuosamente in un esteso pas de deux nell’aria che lascia la folla estasiata.

Paramour è un’atletica estensione teatrale, una dodecafonica espressione artistica che riscrive i canoni del musical, tutto in una sintesi contemporanea che mixa leggende e tradizione, tecnica e competenze artistiche. I numeri atletici da circo sono la costante dell’intero show, le leve del puro divertimento che conquista il pubblico fino al finale del primo atto, una sequenza di Calamity Jane, che ricorda anche se non soprattutto “Sette spose per sette fratelli” che presenta acrobati battenti fino al boccascena, twirling in aria mentre si scambiano a turno saltando da una grande altalena, tecnicamente teeterboard. Virtuosismo teso al massimo livello che gioca con le emozioni della platea, mettendo però in leggera penombra la romantica canzona di Indigo e Joey e la fascinosa coreografia di Daphné Mauger.

Paramour Lyric Theatre Produced by Cirque du Soleil Theatrical Music by Bob & Bill; Co-Composer: Andreas Carlsson; Lyrics by Andreas Carlsson; Musical Director: Seth Stachowski Creative Guide: Jean-François Bouchard; Creative Director: Jean-François Bouchard; Directed by Philippe Decouflé; Associate Creative Director: West Hyler, Shana Carroll and Pascale Henrot; Scene Director: West Hyler; Acrobatic Designer: Shana Carroll; Choreographer: Shana Carroll and Daphné Mauger Scenic Design by Jean Rabasse; Costume Design by Philippe Guillotel; Lighting Design by Patrice Besombes; Sound Design by John Shivers; Projection Design by Olivier Simola and Christophe Waksmann; Hair Design by Josh Marquette; Make-Up Design by Nathalie Gagné; Props Design by Anne-Séguin Poirier President and Managing Director, Cirque du Soleil Theatrical: Scott Zeiger; Executive Producer: Jayna Neagle; General Manager: Bespoke Theatricals Technical Supervisor: David Benken; Production Stage Manager: Claudette Waddle; Stage Manager: Timothy R. Semon Musical Coordinator: Howard Joines; Band Leader: Seth Stachowski; Associate Conductor: James Lutz; Trumpet/Flugelhorn: Alex Bender; Acoustic/Electric Basses: Benjamin Campbell; Drums/Percussion: Benoit Clement; Cello: Louise Dubin; Percussion: Aaron Guidry; Trombone/Bass Trombone: James Lutz; Violin/Mandolin: Paul Woodiel; Keyboard/Guitar/Banjo/Saxophone: Seth Stachowski Acrobatic Casting: Cirque du Soleil Casting; Casting New York: Telsey + Company and Cesar A. Rocha, CSA; General Press Representative: Boneau / Bryan-Brown; Marketing: Kristina Heney; Flying Machine Design and Choreography: Raffaello D'Andrea and Verity Studios; Acrobatic Performance Designer: Boris Verkhovsky; Rigging and Acrobatic Equipment Designer: Pierre Masse; Artistic Director/Acrobatic Coach: Eric Heppell; Dance Captain: Bruce Weber Cast Jeremy Kushnier  A.J. Golden  Ruby Lewis  Broadway debut	Indigo James  Ryan Vona  Joey Green  Kat Cunning  Broadway debut	Lila  Sarah Meahl  Broadway debut	Gina  Bret Shuford  Robbie  Tom Ammirati  Broadway debut	Ensemble  Andrew Atherton  Broadway debut	Ensemble  Kevin Atherton  Broadway debut	Ensemble  Lee Brearley  Broadway debut	Ensemble  Yanelis Brooks  Broadway debut	Ensemble  Samuel William Charlton  Broadway debut	Ensemble  Martin Charrat  Broadway debut	Ensemble  Nate Cooper  Broadway debut	Ensemble  Myriam Deraiche  Broadway debut	Ensemble  Kyle Driggs  Broadway debut	Ensemble  Jeremias Faganel  Broadway debut	Ensemble  Amber Brooke Fulljames  Broadway debut	Ensemble  Tomasz Jadach  Broadway debut	Ensemble  Rafal Kaszubowski  Broadway debut	Ensemble  Reed Kelly  Ensemble  Denis Kibenko  Broadway debut	Ensemble  Joe McAdam  Broadway debut	Ensemble  Raven McRae  Ensemble  Amber J. Merrick  Broadway debut	Ensemble  Sheridan Mouawad  Broadway debut	Ensemble  Amber Barbee Pickens  Broadway debut	Ensemble  Justin Prescott  Ensemble  Fletcher Blair Sanchez  Broadway debut	Ensemble  Mathieu Sennacherib  Broadway debut	Ensemble  Blakely Slaybaugh  Broadway debut	Ensemble  Sam Softich  Broadway debut	Ensemble  Amiel Soicher  Broadway debut	Ensemble  Steven Trumon Gray  Broadway debut	Ensemble  Amber van Wijk  Broadway debut	Ensemble  Bruce Weber  Broadway debut	Ensemble  Tomasz Wilkosz  Broadway debut	Ensemble  Zhengqi Xia  Broadway debut	Ensemble  Understudies: Kat Cunning (Indigo James), Sarah Meahl (Indigo James), Bret Shuford (A.J. Golden, Joey Green) and Blakely Slaybaugh (Joey Green)

La musica di Guy Dubuc e Marc Lessard con Andreas Carlsson paroliere e co-compositore, scivola facilmente nella sensibilità uditiva, è musicale, è musicalità è anche lontani rimandi a Andrew Lloyd Webber. Musica che diventa tavolozza di sentimenti per una storia capace di commuovere nella sua semplicità; desiderio di celebrità, successo, amore che immancabilmente vive e tocca corde passionali sfocia in un triangolo amoroso, con Joey e Indigo, l’uno la metà dell’altra e AJ, che vuole sposare Indigo per un successo insieme, oltre l’amore. Gioco di relazioni simboleggiati in un balletto aereo fortemente inspirato, la notte come fondale, il cielo come estensione di un pensiero che diventa essenza non detta ma vissuta sotto pelle ed improvvisamente implode in movenze, artificio tecnico che deborda la seduzione.

Paramour, lo spazio tra creatività e virtuosismo atletico, il suono e il movimento, la personalità artistica e la danza, giungono al momento clou, un finale capace di cogliere l’irruenza e la libertà espressiva di grandi professionisti, uno spettacolare e coinvolgete inseguimento che trova Indigo e Joey in fuga, aiutati dallo staff di AJ, mentre una vivace compagnia di saltimbanchi su trampolini invisibili, innesca un inseguimento da brivido in cima agli edifici dello skyline di New York, catturando principalmente l’attenzione del pubblico che sorride alla divertente messa in scena dall’intrinseca destrezza e straordinaria abilità fisica.

È un tripudio, un esilarante esprit d’artefice con corpi che nuotano attraverso l’aria con leggerezza apparente. Brillanti figure per spumeggianti, tempestosi e ipnotici giochi atletici. Funambolici artisti che hanno saputo creare contrasti tra massima tensione e distensione, muovendosi autorevolmente fra una variegata gamma di situazioni confluendo inevitabilmente in un unico vortice di emozioni Paramour.
Cast: Jeremy Kushnier, Ruby Lewis, Ryan Vona, Bret Shuford, Sarah Meahl, Kat Cunning

Paramour  – Cirque du Soleil
Lyric Theatre
213 W 42nd St, New York, NY 10036
https://www.cirquedusoleil.com/paramour

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (11/11/2016)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1