Calici White, Red, Rosè. Bubbles, Blend … E tu di che vino sei?

image_pdfimage_print

E tu di che vino sei? Segui l’istinto e lasciati guidare da un viaggio nei calici senza confini. White, Red, Rosè. Bubbles, Blend, Cru, una costellazione di fragranze e profumi declinati in raffinate emozioni.

di Antonella Iozzo

White, Red, Rosè. Bubbles, Blend, Cru. E tu di che vino sei? Inizia un nuovo anno ricco di emozioni nei calici. Successi privati e professionali, eventi, momenti conviviali, romantiche situazioni e sensuali evasioni, per ogni occasione sorsi di autentica poesia liquida riscrivono un meraviglioso inno alla vita.

Infuocate vibrazioni in rosso accendono la passione. È una vibrazione intensa che si congiunge all’amore per il proprio territorio, la Valpolicella. Gesti che raccontano la storia, azioni capaci di centrare obiettivi di qualità superiore in un’intramontabile pulizia formale che risveglia nei cuori l’essenza di un vino capolavoro La Grola Allegrini. Se il tuo destino ti conduce nelle sue calde fragranze, le prospettive del tuo futuro non possono che migliorare.

La sicurezza è nel vostro segno, l’assoluto nei vostri calici Cascina Bruciata – Barolo Cannubi Muscatel, Marchesi di Barolo. Note di amore che vanno assaporate fino in fondo per scoprire il sentimento del terroir, e il ritmo lento di un tempo che non scende mai a compromessi, ma incanta con decisione e grazia, oltre ogni ragionevole dubbio.

 

La congiunzione tra passato, presente e futuro genera il destino di un vino che porta nel proprio nome il simbolo di un territorio che s’identifica con la propria storia e viceversa. Marchesi Antinori, Tenuta Guado al Tasso, Scalabrone, Bolgheri Rosato DOC. Le idee risalgono i turbinii dei mutamenti moderni, le emozioni conquistano l’essenza delle cose e l’eleganza senza tempo unita all’impronta dell’eccellenza, forma una costellazione di calici sublimi.

Vigneti come pianeti che irradiano la poesia del loro frutto. Una sintesi di esperienza, saggezza e tradizione nel firmamento dell’innovazione. Segni che dilagano nel Terlaner I Grande Cuvée 2012, Kellerei Terlan con la sua voce chiara, i colori mai spenti, e quell‘inconfondibile mineralità che chiama a sè l’entusiasmo di una giusta acidità, è puro splendore dall’anima saten.

Sfumature di sensibilità organolettica, inimmaginabile freschezza, sulle vette dell’eccellenza Beyond the Clouds di Elena Walch. Affinato in miniera, rinasce elegante sapidità, mostrando tutte le sfumature di un appagante stato emotivo capace di conciliarsi ad una verve minerale che sembra non finire mai. Calici in bianco dalla musicalità tesa tra impressionismo ed evanescenza chopiniana.

Il cambiamento ridefinisce l’orizzonte del domani sotto il segno di una lucida passione. Non esiste nessun teorema solo la qualità che nasce dalla dedizione e della professionalità pura Kellerei Kaltern, Quintessenz Sauvignon 2016. Sentimento di vino e ragione in fantastica sintonia avanzano verso un’evoluzione che comunica la tradizione.

 

C’è aria di festa e di convivialità, la leggerezza è nell’aria, la piacevolezza nel suo perlage Prosecco Superiore Villa Sandi. Sorrisi che ci travolgano, arcobaleni che ci sorprendono, calici che entrano in relazione con il lato glam del quotidiano.

Modern, classis, eccentric, vintage, chic, trend. Identità Metodo classico Ca’ del Bosco, Cuvée Prestige, time to celebrate. Non è una tendenza ma una costante nella costellazione del tempo che si dispone in magnifici attimi di fragranze e profumi. Fiori bianchi, note di frutta esotica e una mineralità che la si sente cantare. Dai calici alle stelle.

Sorsi retrò, contemporanei, sul filo della tradizione. E come se ogni calice interpretasse i tempi moderni con un’eleganza senza tempo. Una costellazione di fragranze e profumi declinati in raffinate emozioni. Sensazioni liquide tradotte da enologi, sommelier, giornalisti, esperti del settore e wine lover in racconti, giudizi tecnici, emozioni, pensieri. Interazioni che s’intrecciano fra loro e si evolvono in cultura riconducendoci all’origine: al gesto del produttore in simbiotica armonia con la natura. 
E tu di che vino sei? Segui l’istinto e lasciati guidare da un viaggio nei calici senza confini.

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (02/01/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1