Cantina Abbazia di Novacella. Vini con un anima

image_pdfimage_print

Cantina Abbazia di Novacella, l’arte di regalare emozioni. Dall’estetica che gratifica la vista, al mistero spirituale che nutre l’anima fino all’arte del vino.

di Antonella Iozzo

Varna (BZ) – Abbazia di Novacella, dove il sogno dimora nasce l’ispirazione per la perfezione. Ed è qui, a Varna, alle porte di Bressanone in Alto Adige, più che altrove, che i valori, il tempo, la dedizione si evolvono in vini vocati e dalla forte personalità.   Cantina Abbazia di Novacella, una realtà unica e iconica, incastonata tra storia e lungimiranza dinamica. Tra le cantine attive più antiche del mondo. Una storia che ci conduce nel 177 quando fu attestato all’Abbazia, da papa Alessandro III,  il possesso dei vigneti nelle vicinanze. Donazioni, fondazioni, acquisti e scambi che nel tempo circondarono l’Abbazia di preziosi vigneti. Dal fondo valle (600m s.l.m.) i vigneti si elevano su ripidi pendii fino a 900 metri, è un’armonica partitura abilmente orchestrata che testimonia la perfetta armonia tra uomo e natura. Vigneti terrazzati quindi con muri a secco costruiti per attenuare la pendenza del terreno, esprimono l’intenso lavoro manuale e al contempo il gesto carico di dedizione e passione.

Moderno sulla tradizione. Sintetico concept che esprime la filosofia della Cantina Abbazia di Novacella. Non solo nell’architettura lineare, essenziale e dinamica della nuova costruzione, ma soprattutto nelle idee che divengono sostanza, interazione territoriale, sviluppo di una realtà in rete con il mondo, grazie ad una qualità enoica riconosciuta a livello internazionale.

Se la nuova cantina interrata, perfettamente integrata e in armonia con il paesaggio, le persone che vi lavorano svettano verso una professionalità, una passione e un’onesta morale nel loro impegno quotidiano che li ritroviamo in ogni calice. Non è semplice perfezione enoica dettata dal sapere ma identità e autenticità, consapevolezza ed esperienza nel valore del passato e nello spirito del presente rivolto al domani. Prima di tutto persone come l’enologo Celestino Lucin, schivo e dedito ad un’arte chiamata vino, esprime la sua verità nel calice, sorso dopo sorsi si ascolta, si degusta, si vive. Enologo come trait d’union fra la vigna e la bottiglia ne esprime la voce elegante dei vitigni tipici, come il Sylvaner, Müller Thurgau, Kerner e Riesling. Vigneti della conca di Bressanone, i più settentrionali d’Italia, esposti a sud e a sudovest, con forti escursioni termiche tra giorno e notte e magri terreni morenici di origine glaciale. Condizioni essenziali per vini eleganti e dalla spiccata acidità e mineralità. A Cornaiano e Bolzano invece varietà come la Schiava, Pinot Nero e Moscato Rosa, vitigni che necessitano di molto caldo e sole.

Cantina Abbazia di Novacella. Vini con un anima che parlano ai sensi e veicolano l’essenza del fare vino, e dalle zone più vocate i vini cru dell’Abbazia, in grado d’invecchiare ben oltre i dieci anni.

Vini che si possono degustare insieme a prodotti tipici di assoluta qualità come speck, salcicce affumicate e varietà di formaggi, tutti accompagnati dall’ottimo pane sudtirolese, senza dimenticare golosi dolci da forno come: strudel di mele, torta di grano saraceno, torta alla frutta. E il wine shop dell’Abbazia è il posto ideale per portare con noi una fetta di tradizione e di ospitalità, non solo vino ma anche grappe, succhi di mele, sciroppo di sambuco e tisane

Cantina Abbazia di Novacella Vini dal fascino mediterraneo e dall’ imprinting altoatesino
Quando l’arte entra in Cantina, crea capolavori come il Praepositus Sylvaner, setoso, fresco e dal finale sapido in crescendo. Cromie vivaci per un piacere del convivio che rinasce appagazione sensoriale. Tesori che divengono sempre più evocativi con Praepositus Grüner Veltliner, una bocca verticale di rara freschezza e un mix di innovazione e tradizione che calibrano le caratteristiche del vitigno in armonica eleganza.

Vini dal fascino mediterraneo e dall’imprinting altoatesino, una storia in divenire che diventa cultura enoica e sfocia nel Praepositus Kerner. Ambassador di eleganza rilascia sentori floreali e fruttati, note di acacia e di mela e nuance cariche di mineralità. L’equilibrio è nel suo carattere, la freschezza nel suo stile.

Cantina Abbazia di Novacella, una degustazione che scivola come un sogno nella risonanza musicale dell’Abbazia risuonando di vibrazioni saten fin sulle soglie del Praepositus Moscato Rosa. I sensi scoprono le atmosfere visionarie di un paradiso impreziosito, sullo sfondo, da sfumature floreali, in primo piano, invece, un bouquet di rose rosse inebria l’olfatto. Elegante seduzione che indossa la luminosità rosso rubino e rilascia pennellate di emozioni. È come se una sinfonia impalpabile ci avvolgesse con grazia e srotolasse la sua allure in petali di rosa per poi sorprenderci sul finale con un velluto sonoro dal soft touch speziato. Meraviglioso equilibrio che rinasce ad ogni sorso.

Abbazia di Novacella, l’arte di regalare emozioni, la bellezza di crearle nel rispetto del passato e con lo spirito del presente in evoluzione. Dall’estetica che gratifica la vista, al mistero spirituale che nutre l’anima fino all’arte del vino, un viaggio nell’autenticità che celebra il valore del tempo nel sentimento del vivere.

Cantina Abbazia di Novacella
Via Abbazia 1 – 39040 Varna (BZ) –  Alto Adige
https://www.kloster-neustift.it/it/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (11/06/2018)

 

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1