Food Business and more. Tutto Food 2017, hub innovation

image_pdfimage_print

Tutto Food 2017 dedicato al food & beverage pensato come hub innovation. Il sapore del business il gusto di crearlo. B2B international and more.

di Antonella Iozzo

Milano – Taste and business per Tutto Food 2017. Si apre un mondo dalle molteplici sfaccettature, eccellenze agroalimentari, sana alimentazione, lotta allo spreco, promozione, comunicazione, export e tanto altro ancora fino all’11 maggio. Il pianeta cibo è servito sulle piatteforme internazionali con accordi che muovono l’export. Ad iniziare dall’Ice sigla che un accordo con Walmart per promuovere i prodotti made in Italy in oltre 3.600 punti vendita degli Stati Uniti con il logo “Extraordinary Italian Taste”.

Per 4 giorni Fiera Milano è stata il palcoscenico di Tutto Food 2017, il salone internazionale dell’agroalimentare. Innovation, tradition, sharing, export, marketing. È tempo del fare per un business che non teme confronti sembra questo il fil rouge che lega i commenti delle presenze istituzionali dal ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina al presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, dal sindaco di Milano Giuseppe Sala fino al presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi.

Imprenditori, giovani imprenditori e imprenditori di start up che lanciano nuove sfide e segnano le tendenze del futuro. Iniziative che si alternano ad eventi, show-cooking che segnano dibattiti, convegni che aprono le danze al dialogo. Tutto food e food for life dal singolo individuo che vuole mangiare sempre meglio, all’economica che dall’agroalimentare riceve una spinta propulsiva per il domani.

A ciascun gusto il suo parterre ad iniziare dell’Area Gourmet JRE dove i talenti di Jeunes Réstaurateurs d’Europe, da 12 nazioni europee, valorizzano piatti gourmet in coinvolgenti dimostrazioni. E nei vari stand troviamo Cannavacciuolo, Vessani, Borghesi e molti altri ancora intenti a deliziare con gusto e senso della comunicazione.

TuttoFood performance qualitativa e piattaforma fondamentale per l’export agroalimentare, capace di aprire nuove prospettive e al contempo lavorare in sinergia con territorio.

Se il cibo è cultura, storia, salute, l’Italia è il Paese al quale il mondo guarda come emblema di un concept che sposa gusto e benessere, tradizione ed evoluzione, territorialità e valore umano. Legami che il cibo traduce in Made in Italy essence. Guida per i mercati i quali necessitano di regole chiare e giuste per facilitare il lavoro delle piccole e medie imprese. Insieme si cresce e si da valore, diventa quindi fondamentale sollecitare una collaborazione fra le istituzioni per spingere e migliorare il nostro Export.

TuttoFood si conferma importante riferimento internazionale. Una fiera di settore non solo riconosciuta ed apprezzata ma focus del business capace di catalizzare l’attenzione straniera con food Made in Italy dall’eccellente qualità appeal che si concretizza con oltre 240 operatori esteri e 10 accordi siglati con operatori stranieri per sostenere l’export come quello siglato con il colosso della grande distribuzione americana Walmart, presente con 18 buyer. Promuovere l’eccellenza con un progetto che orchestra le diverse tematiche dell’export e questo la mission siglata dall’accordo tra Ice e Walmart per i prodotti Made in Italy e che prevede: distribuzione dei prodotti tramite la rete retailer Walmart, che conta più di 3.600 negozi negli Stati Uniti. Creazione di una linea di prodotti a marchio Walmart, importati direttamente dall’Italia; Organizzazione, da parte di Ice, di eventi in Italia mirati ai buyer Walmart per ricercare nuovi prodotti. Inserimento del logo Extraordinary Italian Taste su tutto il materiale promozionale e di marketing (insegne, etichette, brochure, pubblicità online) presso i punti vendita Walmart.

Milano, dinamica e pronta a cogliere e a lanciare nuove sfide, rappresenta l’Italia che cresce e che produce. Tutto ciò che comporta il cibo, ogni singolo aspetto a TuttoFood è indagato, esaltato, gustato in correlazione con la Milano Food City, espressione di un Paese sotto il segno dell’unicità. Unicità da difendere con interventi che mirano a migliorare le regole dell’export e i controlli evitando il fenomeno dell’Italian sounding che penalizza i nostri prodotti e vede ad esempio negli Stati Uniti la vendita di prodotti come il grana padano, superata per la prima volta da quella contraffatto e spacciato per originale.

Il buon sapore del Made in Italy è unico e inimitabile un patrimonio da tutelare per il quale Maroni ha lanciato un invito all’ex presidente Barack Obama perché faccia da testimonial. Obama nella giornata del 9 maggio è stato ospite d’onore a Seeds&Chips.  Global Food Innovation Summit, uno degli eventi di riferimento a livello mondiale nel campo della Food Innovation. Imprenditori, investitori, manager, ovvero idee in movimento per la promozione di soluzioni tecnologicamente all’avanguardia che edificano le prospettive future del Food System.

Se nel 2016 le esportazioni hanno raggiunto il record di circa 38 miliardi, ci sarà pur un motivo! È questione di italianità sana e consapevole, di massima espressione di operatività e filiera integrata. Questo deve essere lo stimolo per nuove frontiere, nuovi orizzonti di crescita e sviluppo partendo da Tutto Food conscia del proprio ruolo, essere in linea con il mercato sempre più internazionalizzato.

Tutto Food, dodici padiglioni per dodici settori: TuttoFrozen, TuttoPasta, TuttoDairy, TuttoBakery, TuttoMeet, TuttoGreen, TuttoSweet, TuttoDeli, TuttoSeaFood, TuttoGrocery, TuttoDrink, TuttoOil.

Tutti i gusti, tutte le esigenze, tutte le sfumature del cibo. Ma gli italiani come mangiano?

Tra stand e ed eventi, l’identikit del consumatore medio è molto difficile da tracciare, un dato è certo: ama mangiare. La maggior parte predilige prodotti tipici e genuinità. Il benessere e la salute non sono tendenze trascurabili ed entrano in scena nel carrello della spesa come nella quotidianità fuori casa. Tematiche espresse nella Tavola rotonda “Alimentazione e salute: ruolo e impegni della ristorazione,” organizzata da FIPE-Confcommercio, sull’importanza del fuoricasa quale motore di benessere. Una tavola rotonda che ha visto a confronto gli chef stellati Davide Oldani del Ristorante D’O, Carlo Cracco del Ristorante Cracco e Moreno Cedroni del Ristorante Madonnina del Pescatore.  Senza dimenticare il piacere della convivialità che ci spinge verso la buona tavola se poi è gourmet il piacere diventa esperienziale.

Il sapore del business incontra le forme del web. Digitalizzare, favorisce la crescita e i confronti, gli incontri e le opportunità è la quintessenza del fare marketing internazionale. Si è fatto tanto con industria 4.0 ma siamo ancora indietro. La rivoluzione digitale è sta cambiando il modo di progettare, realizzare e distribuire qualsiasi prodotto. È la quintessenza produzione automatizzata e interconnessa. Business e sviluppo economico a Tutto Food con oltre 3.000 buyer italiani e internazionali, 2.850 espositori e 20.000 appuntamenti con espositori gestiti tramite la nuova piattaforma MyMatching che consente un incontro domanda-offerta ancora più specifico.

Tutto Food 2017 dedicato al food & beverage pensato come hub innovation. Il sapore del business il gusto di crearlo.  B2B international and more.

www.tuttofood.it

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (11/05/2017)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1