Franco Cesari, riflessi di vita e di Amarone

image_pdfimage_print

La Cesari è stata tra le prime Aziende ad arrivare negli Stati Uniti, oggi siamo presenti in 56 Paesi. Passione, fatica, impegno non sono parole astratte sono le leve di un sistema aziendale che guarda al risultato.
di Antonella Iozzo

 

Franco-Cesari-Cavaion-VeroneseCavaion Veronese (VR) – Franco Cesari e l’Azienda di famiglia, Amarore e passione. Nel piccolo e accogliente quanto luminoso living della Cantina di Cavaion Veronese, una conversazione informale rivela l’uomo nel segno dell’amarone e viceversa: cordialità, rigore, professionalità e quella profonda umanità che diviene in ogni calice morbidezza e rotondità.
La filosofia Cesari in sintesi
Qualità, qualità, qualità. La competizione oggi è mondiale, e si vince solo con serietà e qualità partendo dal vigneto.

Cesari, una qualità conosciuta in tutto il mondo
Siamo state tra le prime Aziende ad arrivare negli Stati Uniti, oggi siamo presenti in 56 Paesi e gli USA, insieme al Canada, continuano ad essere i nostri mercati più interessanti.

La chiave di volta di questo successo, secondo Lei?
Aver saputo interpretare il gusto del consumatore moderno creando vini morbidi e rotondi. Caratteristiche indispensabili soprattutto per il palato internazionale non abituato agli Amaroni di un tempo troppo tannici e aspri.

Ricorda la sua prima esperienza commerciale andata a buon fine?
Si, negli anni 70’ proprio negli Stati Uniti, alla Fayette Street, 100 casse di Amarone.

Robert Parker, ovvero The Wine Advocate, premia sei vini Cesari di cui cinque con un punteggio oltre i 90 punti. Cosa significa per lei questa premiazione?
Vediamo riconosciuti gli sforzi quotidiani nel raggiungere il nostro obiettivo: la qualità. Passione, fatica, impegno, non sono parole astratte sono le leve di un sistema aziendale che guarda al risultato, sapendo di lavorare con una materia viva che ha una sua evoluzione e qualche volta può essere anche negativa.

L’annata che le ha dato più soddisfazione?
Il ’90, un’annata eccezionale. Una di quelle annate che ci ha fatto capire che l’amarone ha una grande longevità.

Come si riconosce un Amarone Cesari?
Dalla morbidezza, dalla longevità e dalla pienezza del gusto.

L’Amarone nella sua vita …
Una passione infinita.

Il rapporto della cesari vini con la città di Verona?
Non può che essere intenso, sincero e profondo sotto tutti i punti di vista, Verona è una città molto bella, attraente e il veronese piacevole, aperto, culturalmente preparato. Il vino è il suo valore aggiunto, e Verona il suo palcoscenico ideale.

Feeling particolare che ci conduce dritti da Giulietta …
Si, naturalmente si riferisce al premio “Cara Giulietta” che ogni anno a San Valentino premia le lettere d’amore più belle. Considerando il vino Amore verso la terra e verso il prossimo non potevamo che collaborare con il Club di Giulietta e dare vita ad un evento che premia la su poesia.

Amore e Amarone due sentimenti in equilibrio?
Assolutamente si

E poi c’è il Vinitaly…
Il Vinitaly è un grande evento e con il patrimonio vitivinicolo che sta intorno alla città ad iniziare dalla Valpolicella, non poteva che svolgersi qui. Ci possono essere dei problemi logistici… ma Verona è Verona, croce e delizia in un calice che brinda al vino… 

Progetti per il futuro?
La nuova Cantina a Fumane, in fase di realizzazione.

 

Gerardo Cesari
Loc. Sorsei 3 – Cavaion Veronese (VR) – 37010 – Italia 
Tel. +39 045 62 60 928 – Fax. +39 045 62 68 771
http://www.cesariverona.it/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (12/03/2015)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1