Tenuta Cavalier Pepe, passione per il territorio, impegno per la qualità

image_pdfimage_print

Tenuta Cavalier Pepe, dall’Irpinia vini che lo scorrere del tempo trasforma in testimoni d’identità. Dalla vendemmia all’imbottigliamento un solo obiettivo, una qualità superiore.

di Antonella Iozzo

Sant’Angelo all’Esca (AV) – Tenuta Cavalier Pepe, passione per il territorio, impegno per la qualità. Dall’Irpinia vini che lo scorrere del tempo trasforma in testimoni d’identità.

Situata a Sant’Angelo all’Esca, sul confine con Luogosano e poco distante dal comune di Taurasi, la Tenuta Cavalier Pepe, interpreta un’area ad alta vocazione intessendo un profondo dialogo fra tradizione e innovazione.

Un sogno, quello di realizzare vini straordinari con un potenziale unico, che nasce da lontano, da quando Angelo Pepe, nominato Cavalier del Lavoro nel 1979, da qui il nome dell’Azienda, era ancora ragazzo, la sua vita di ristoratore di successo in Belgio non scalfisce il sogno che diventa concreta e solida realtà con la figlia Milena, Laureatasi in Marketing e gestione aziendale all’Ephec e successivamente in Marketing del vino a “l’Universitè du Vin” a Suze-la-Rousse in Provenza, che gestisce con successo la Tenuta trasportandola nel panorama enologico internazionale.

60 ettari di vigneti, la maggior parte dei quali circondano la Cantina, si distendono come un’armonica partitura abilmente orchestrata in sequenze di filari che risplendono sotto la luce del sole.

Tre colline argillose, conglomerati di arenarie a 300 e 500 metri di altitudine ed escursioni termiche fra il giorno e la notte rendono questo luogo habitat ideale per vini unici, autoctoni come Fiano di Avellino, Greco di Tufo, Taurasi, Coda di Volpe e Aglianico che divengono etichette simbolo capaci di evolversi e di sorprendere l’assaggiatore.

Sono vini che raccontano, evocano e rinascono dall’impegno, dalla dedizione e dalla professionalità di Milena Pepe, che traghetta nel futuro l’Azienda di famiglia con un piglio decisamente energico e dinamico.

Milena si avvale di un team di esperti coesi in ogni fase del processo. Dalla vendemmia all’imbottigliamento un solo obiettivo, una qualità superiore capace di garantire etichette dalla grande personalità e profondamente legate al terroir.

Vigneti che rivelano il paesaggio ed una Cantina che ne preserva la bellezza dando ai frutti della natura la voce dell’autenticità. Un impegno che per Milena rinasce ogni giorno passione, progettualità vocata, proiettata nel domani e condivisa da suo team. Incontri e confronti uniti dall’esperienza, dalla sapienza e dall’amore per la propria terra che fanno la differenza.

Visitando la Cantina si entra pian piano nel magico mondo dei vini della Tenuta Cavalier Pepe, i grandi lampadari artistici in ferro battuto, all’ingresso, sembrano quasi preannunciare le diverse declinazioni emozionali che si avvertono lungo un percorso. Arte e arte del vino che diventa processo enologico e poesia, competenza e professionalità nel gesto del produttore.

Dall’acciaio alle barrique, dalla sperimentazione in anfora alle vasche di cemento per produzioni di carattere che traducono in bottiglia il concept enologico della Tenuta Cavalier Pepe: lungimiranza, alta selezione, innovazione per un futuro al servizio della tradizione.

Wine Tasting. Un continuum di sensazione organolettiche
Filosofia che ritroviamo in ogni etichetta, in ogni sorso, ad iniziare dalla verve vitale e piacevolissima delle bollicine con Oro Spumante. Bubbles da uve autoctone a bacche bianca che riaccendono le coordinate dello stare insieme e al contempo sono il fil rouge fra il vissuto e il presente in divenire.

Dalle bollicine a “Lila – Irpinia Falanghina DOC”, il calice rilascia nuove sensazioni. Aromaticità e acidità in un abbraccio che rilascia l’espressività irpina nella sua declinazione sospesa tra freschezza e vivacità.

E se la voce autoctona del territorio rilasciasse la sua intensità più piena in un bianco di carattere? Stiamo parlando del “Bianco di Bellona – Irpinia Coda di Volpe DOC”.  Riflessi dorati quasi a testimoniare una preziosa rarefazione che diventa persistenza. Esotica sensazione rilasciata dal sentore di ananas nel suo dialogo con l’albicocca.

Un continuum di sensazioni organolettiche con un comune denominatore, l’eleganza, la finezza, la spiccata personalità del terroir nel gesto della Tenuta Cavalier Pepe. Il “Refiano – Fiano di Avellino DOCG”, fiano in purezza da uve raccolte rigorosamente a mano. Una complessità modulata e aggraziata con una nota sapida sul finale che richiama il fruttato e la voglia di nuovi sorsi. Sinfonia tesa al massimo livello con la linea Selezione “Brancato – Fiano Di Avellino DOCG”, l’eleganza assume sfumature tostate e affumicate, l’equilibrio è una linea nell’aria che flette le dinamiche gustative del palato facendoci sognare abbinamenti gastronomici decisi ed intensi. 

Emozioni in crescendo che partono da “Nestor – Greco di Tufo DOCG”, un autoctono riconoscibile dai tratti classici e senza tempo che rilascia una complessità aromatica molto suadente per giungere sui colli del Grancare – Greco di Tufo DOCG, da una selezione di uve coltivate nel vigneto più alto di Torrioni a 736 metri di altitudine, una raffinata ed intrigante espressione che avvolge il palato con un’ampia progressione gustativa.

Una degustazione che esprime il profondo credo della Tenuta Cavalier Pepe nel comunicare il territorio, gli uomini, i loro gesti, la cultura enoica del luogo, in una sola parola un terroir che parla dell’Irpinia e dei suoi vitigni.

Rapsodia in rosso che si apre con “San Serino – Irpinia Rosso DOC”, aglianico e sangiovese per un omaggio alla convivialità e al piacere di rendere ogni giorno riflesso di autenticità. E che prosegue con il “Terra del Varo Irpinia Aglianico DOC”, le caratteristiche decise e spiccate dell’aglianico incontrano la rotondità del merlot in un rosso dai profumi di frutta rossa matura intensi che culminano in finale caldo e persistente.

L’aglianico sale sul podio e diventa Santo Stefano – Irpinia Campi Taurasini DOC, struttura e sentori di frutti di bosco e amarena, di spezie e liquirizia inducono ad un abbandono sensoriale che si risolve in contrappunti tannici.

Logica conseguenza Opera Mia – Taurasi DOCG, frutta matura e spezie per un rosso che evidenza sorsi articolati, profondi e ricchi che incrociandosi evidenziano profondità e austerità.

Tenuta Cavalier Pepe. Il sapore dell’ospitalità
La sala degustazione della Tenuta Cavalier Pepe è divenuta il palcoscenico simbolico di un wine tasting coinvolgete ed evocativo. Un’esperienza che ci ha condotti nella espressione autoctona del territorio interpretata al suo miglior livello. Un’esperienza che siamo certi conquisterà esperti e wine lovers che desiderano essere sorpresi da sorsi di grande respiro e qualità.

Ospiti che possono rendere la visita, occasione di relax a contatto con la natura grazie al Bed and Breakfast della Tenuta, L’Antica Fattoria, immersa fra filari di vigneti e olivi secolari. La tranquillità ha trovato casa, appartamenti luminosi e confortevoli, dove il paesaggio entra in scena dalle finestre con vista sul paesaggio circostante, ritrovare se stessi e il contatto con la natura in una dimensione d’intima beatitudine.

I ritmi pacati della campagna, la semplicità, la quiete musicale del paesaggio, rigenerano corpo e mente. Un viaggio nel respiro dei luoghi e nel gusto con il ristorante “La Collina” che propone interessanti menù degustazione, ovviamente, accompagnati dai vini della Tenuta. Ma sono possibili anche visite guidate ai vigneti e degustazione di prodotti tipici locali.

Il sapore dell’ospitalità, l’arte del vino, il piacere gastronomico, semplicemente Tenuta Cavalier Pepe. Conquistare, incuriosire, emozionare con la semplicità del gesto e la qualità del prodotto, nel tempo.

Tenuta Cavalier Pepe
Via Santa Vara – Sant’Angelo all’Esca (AV)
Tel. (+39) 0827.73766 Fax (+39) 0827.78163 Cell. (+39) 3493172480
www.tenutacavalierpepe.it

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (05/11/2017)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1