Fuga dal Ritratto

image_pdfimage_print

Quadri – personale “Fuga dal Ritratto”
Con gli artisti:  Anna Amelia Del Vecchio, Faustina Aurora Dibenedetto, Domizia Parri, Vladanovic

a cura di Antonella Iozzo

Sull’epidermide dell’anima il bordeline della forma ed è “Fuga dal ritratto”, una quadripersonale in mostra su BluarteVirtual. L’infinito mondo delle apparenze sensibili nelle visioni ed evasioni di Anna Amelia Del Vecchio, Faustina Aurora Dibenedetto, Domizia Parri, Vladanovic, quattro artisti per una materia sfumata dalla memoria

Il ritratto in fuga dall’inconscio abbandona la tela e con Del Vecchio lascia tracce, segni, ellissi d’idee, è una danza sulle punte dell’emozione per flessioni alchemiche dell’individualità. Protagoniste, inquadrate come etoile da palcoscenico, sul viso l’espressione rimanda al movimento delle stagioni, al dopo che avanza, al prima ancora dinanzi a noi.

Un passo dopo l’altro e la figura diventa interprete di miti, dee e regine, nonché della propria esistenza, mentre sulla tavolozza un dialogo tra l’Arte e la vita esplode nel rigoglio di reminiscenze cromatiche, dissimulazioni oniriche mediate dalla storia e dalla memoria. Sul volto il visibile, nel soggetto l’illusione stratificata in istanti esistenziali contenenti ogni traccia di vita vissuta e ogni orizzonte di vita futura. Soglia chiaroscurale nella quale la torsione corporea appare come il fantasma del ritratto in fuga dalla forma.

La danza del ritratto regala scene di sospensione tra verità fisica e verità psichica, una coreografia complessa che s’infittisce o si dirama tra le dinamiche dei pensieri. Un attimo magico nel quale l’energia creativa  sfiora la bellezza e ne alimenta il ritratto.

Una nuova percezione della persona appare sotto la maschera del ritratto. Lirismo e malinconia si congiungono in una partitura di bianchi, un giardino dell’anima sopito nelle sonorità dipinte da Dibenedetto. Espressioni assenti, lontani e sognate sono esaltate dal disegno o dai colori brillanti, le emozioni, invece, emergono dalla penombra,  nascondono il ritratto dell’apparire e svelano il viso incastonato in un gioco di luci che evidenzia la precisione nella resa dei dettagli. Figure adagiate in un distaccato silenzio, lo stesso che si respira in De Nittis, emanano una languida atmosfera rappresa nella scenografica teatralità dell’ambiente, ma quando il volto si taglia nella spazialità priva di sfondo è il segno a modellare la personalità del soggetto. Delicato, essenziale, nitido ogni tratto legge la poesia racchiusa nell’ispirazione e ne riporta il sentimento, velature vissute sottopelle. Un effetto che sottolinea i lineamenti e accresce l’intensità dell’espressione. Verso l’evasione dalla superficialità il ritratto ricama l’impronta di se stesso, un’indagine ancora da sviluppare un mistero ancora da svelare.

Perdersi e ritrovarsi in una dimensione atemporale – per mezzo di un flusso sensoriale che esplora il gesto e lo tramuta in un frammento visivo in fuga dal ritratto – è un’impressione che genera impressione, è un evocare l’inesprimibile sorgente del profondo, è una sensazione narrativa nella totalità artistica di Parri. E’ la sua sensibilità a tracciare i contorni, respiri flebili, gocce d’acqua che formano l’epidermide del silenzio. Contatto epiteliale che racconta la propria storia, un canto sommesso pronto ad elevarsi tra figura reale e figura simulata, reinterpretazioni figurali, appunto, “diserzione” dal ritratto. Tutto rimane sospeso in una partitura riflessa nello specchio della memoria, contaminazioni di segni per vertigini dell’indefinito dentro noi, da qui nasce un orizzonte aperto che si distende nell’espressività, visioni contemporanee di un passato futuro, in continua tensione nel presente, sintesi estrema dell’eterno che avanza nella forma fluttuante di una voce cromatica che sovrappone il reale alla fantasia raccontando la limpidezza di un sorriso, l’oscurità dell’inquietudine, sguardi dietro ai quali il ritratto scompare e appare il volto veritiero della propria entità, reso ancora più autentico da una pittura morbida e materica.

In un istante di discontinuità, d’immobilità del tempo la percezione del reale di Vladanovic è un’azione riflessa nello specchio della mente. Passaggi lenti o bruschi, dal visibile all’invisibile, dall’ombra alla luce e viceversa rivelano la materia in fuga dal ritratto, un’immagine – luce illuminata dall’interno ne costituisce la trama, sono metamorfiche strutture del volto, compenetrazioni sensoriali, sovrapposizioni catalizzate e catalizzanti l’infinito nella non – forma del senso.

L’immagine è come divorata, estrema, drammatica elisione dell’espressione i cui effetti, di apparizione e scomparsa, trattengono, filtrano, passano la complessità della percezione umana, mentre la propria sensibilità si acuisce nel ritmo stanco del passato. Opere sconfinate nello spazio, “ambienti sensibili” come scansioni di un continuum tra l’interiore e l’esteriore, tra la concretezza e l’immaterialità della sostanza intima, corrispondono al corpo dell’immagine. Scatti fotografici per passare dal reale all’immaginario, dal ricordo al sogno, un’intera vita tra le maglie del tempo congelato in riflessioni, passaggi costanti in continua tensione fra il prima e il dopo, il dentro e il fuori, il presente e l’assente.

Grafie ancestrali narrano dell’esistenza e rilasciano gesti sonori, quasi corpi immateriali nella compiacenza liquida della forma in “Fuga dal ritratto”.

 di Antonella Iozzo © Produzione riservata
                      (10.04.2009)

 

 ANNA AMELIA DEL VECCHIO
Anna Amelia Del Vecchio nata nel 1960 a Telese (BN), in arte Amelia dv. . Laureata in scienze biologiche, vive e insegna a Desenzano sul Lago di Garda.
La passione per la pittura la porta ad esplorare il terreno accidentato dell’Arte. Un percorso intrapreso fin da giovanissima e maturato con l’esperienza. In ogni pennellata il riflesso creativo si anima come una danza libera e foriera di speranze.
Contatti: 3337618788

 FAUSTINA AURORA DIBENEDETTO
Faustina Aurora Dibenedetto nata a Barletta il 7 febbraio 1994 ed ivi residente. Sin dalla scuola elementare cominciò a distinguersi per le sue capacità grafiche, cromatiche ed espressive. Durante i cinque anni della scuola elementare partecipò ad iniziative artistiche sia scolastiche che cittadine, confrontandosi con altri bambini della sua età. Significativi progressi artistici si ebbero durante gli anni della scuola media inferiore, nell’Istituto di Scuola Media Statale “Giuseppe De Nittis” di Barletta, e durante il primo anno della scuola media superiore, attualmente in corso, nell’Istituto Professionale Statale per l’Industria e l’Artigianato “Archimede” (I.P.S.I.A) di Barletta settore moda.
Il 17 maggio 2008 partecipò al concorso Spazio Aperto “Le botteghe dell’arte e della creatività” tenutosi nei giardini del castello della città di Barletta. A tale concorso la giovane artista partecipò come artista individuale e si classificò 4° con l’assegnazione di una coppa, per l’opera intitolata “Madonna con bambino”, opera su tela 40 x 50, realizzata con colori ad olio ispirata da un’immagine sacra della “Madonna del riposo”.
Nell’ agosto 2008 partecipò ad una mostra espositiva, nei giardini De Nittis di Barletta, mostra patrocinata dalla “Fondazione G. De Nittis” (c/o centro d’arte “Errebì” di Barletta) per ricordare il 124° anno della scomparsa del pittore barlettano Giuseppe De Nittis. Il 7 e l’8 dicembre 2008 partecipò ad un concorso di estemporanea di pittura tenutosi nella città di Trani. classificandosi 2° in ex aequo con un altro concorrente, con l’assegnazione di una targa per l’opera intitolata “Tramonto sulla darsena”, opera su tela 30 x 40, realizzata con colori ad olio, ispirata dalla veduta della darsena di Trani (postazione occupata dall’artista durante l’estemporanea per l’esecuzione dell’opera in concorso).
Il 15 gennaio 2009 ha partecipato alla Prima Edizione del Premio Editoria “Sanremo Arte 2000” organizzato dal Centro di Arte e Cultura “Sanremo Arte 2000”, rivolto a pittori e poeti contemporanei.
Opere dell’artista  sono state pubblicate sulla rivista d’arte “Sanremo Arte 2000” nella città di Sanremo in occasione del 59° Festival della canzone italiana ed inserite su due siti internet:
www sanremoarte2000.it  e  www.pitturaedintorni.it

DOMIZIA PARRI
Nata a Vigevano (PV) il 13 marzo 1974, trascorre la prima infanzia lontano dall’Italia, in Oriente prima e in Africa in seguito.
Nonostante l’evidente passione per il disegno, sceglie un corso di studi dapprima scientifico e quindi letterario, e si laurea in Lettere e Filosofia a Milano.
Fortemente influenzata dai temi dell’Ottocento romantico, ama in particolare i preraffaelliti e Turner, ma anche la pittura barocca.Affronta tardi, da autodidatta, la pittura a olio e ad acquerello, ma si appassiona immediatamente a queste tecniche poiché le permettono di ritrarre al meglio la sua città natale, ricca di meraviglie architettoniche rinascimentali. Approfondisce quindi la pittura figurativa, scegliendo come soggetti gli ampi paesaggi della campagna lomellina e ritraendo persone e animali, con uno stile da molti definito limpido, fotografico.
Appassionata di musica, lavora nel settore; disegna alcune copertine di album, e rende numerosi omaggi pittorici ai suoi musicisti preferiti.
Recentemente ha intrapreso una nuova ricerca artistica a metà strada tra l’action painting e l’espressionismo. 

Esposizioni:
-Personale a Palazzo Roncalli, Vigevano, nell’aprile del 2000, intitolata “La pietra, la luna, il riso”.

-Collettive in occasione della Festa dell’Arte di Gravellona Lomellina, (PV), nel mese di giugno, ogni anno dal 2002 al 2008.

-Personali presso il Circolo Tunnel di Reggio Emilia, nel marzo e quindi nel giugno del 2007, nell’ambito di manifestazioni multimediali dedicate alla musica dei Depeche Mode.

In procinto di partecipare al Kunstart di Bolzano, maggio 2009, conla Galeria Gaudìdi Madrid

Vladanovic  Nato nei Balcani

 

2/04/2009

Bluarte è su Facebooke su Twitter@Bluarte1

DEL VECCHIO
Del_Vechio_1_egiziana

Del_Vecchio_2_danza

Del_Vecchio_3_ballerina_dalle_scarpette_rosse

Del_Vecchio_4_basta_quadri_2009_025

DIBENEDETTO
Dibenedetto_1_RITRATTO_DI_DONNA_

Dibenedetto_2_BIMBO_IN_COSTUME

Dibenedetto_3_RITRATTODI_CINESINA

Dibenedetto_4_GIORNATA_DINVERNO_

Parri_1_Autoritratto_con_morsi_-_Domizia_Parri

Parri_2_Devotion-_Domizia_Parri

Parri_3_Mr_and_mrs_Matthews_ritratto_-_Domizia_Parri

Parri_4_Tiziana_in_veste_di_fatina_-_Domizia_Parri

Vladonavic_1_fruit_of_time_II-6

Vladonavic_2_fruit_of_time_II-4

Vladonavic_3_fruit_of_time_II-3

Vladonavic_4_fruit_of_time_II-1

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1