Giampaolo Paci

image_pdfimage_print

Giampaolo Paci
Galleria vuol dire essere prepositivi, bisogna  selezionare artisti

Paci_GiampaoloGiampaolo Paci è uno dei più conosciuti e apprezzati critici d’arte moderna e contemporanea.  Studioso, conferenziere e consulente dell’arte contemporanea, curatore di mostre sia in Italia che all’estero. Con la sua galleria PaciArte a Brescia, porta avanti un lavoro di ricerca e proposta di artisti contemporanei internazionali:Arthur Tress, Leslie Krims, Bernard Faucon, Michal Macku, Paolo Conti, Nicola Evangelisti, Paola Pansini, Phil Borges, Sandy Skoglund …
L’ultima mostra della Galleria Paci ?
E’ terminata il 31 gennaio , una mostra di Sandy Skoglund,  una grande artista contemporanea che noi rappresentiamo per l’Europa . Il sette febbraio inauguriamo la mostra di Matteo Montani. 

Quale artista italiano state promovendo ?
Come galleria lavoriamo su due giovani artisti,  Matteo Montani, appunto, finalista al Premio Cairo,  e scelto l’estate scorsa per la quadriennale di Roma. E Nicola Evangelisti  che  realizza installazioni luminose,  fa parte del premio  Art Light , attualmente è in corso una sua mostra in Belgio, e noi come galleria lo proporremo a fine settembre.  

Come Galleria, quindi,  puntate molto sull’arte contemporanea?
Noi lavoriamo esclusivamente con l’arte contemporanea.  

Arte in Tv,  un’esperienza del passato, cosa si porta con sé ?
Come tutte l’esperienze vissute fino in fondo a rilasciato tratti positivi e negativi. E’ stata  importantissima,  perché ha permesso di ampliare in maniera incredibile  gli orizzonti della comunicazione artistica.  

Il  gallerista oggi cerca nuovi talenti  o punta sulla sicurezza dell’investimento?
Galleria vuol dire essere prepositivi, bisogna  selezionare artisti  giovani a livello internazionale, promuovendoli in Italia dove spesso sono sconosciuti,  artisti in cui ci si crede, artisti che secondo noi stanno facendo un buon lavoro. Un conto è fare il lavoro di  mercante , un conto è fare il lavoro di gallerista, puntando sulla qualità.

Come ha trovato  la fiera di Bologna ?
La fiera di Bologna è sempre la fiera più importante d’Italia,  una grandissima e bellissima vetrina .

La crisi attuale, ha toccato anche il mondo dell’arte ?
La crisi sicuramente ci sarà, è ciclico. Ma bisogna guardare anche all’aspetto positivo, aiuta la selezione. Solo chi ha fatto un buon lavoro resisterà, chi ha preferito seguire le tendenze ovviamente farà più fatica.

Un consiglio per chi vuole acquistare un’opera d’arte ?
Seguire sempre ciò che piace, seguire i consigli giusti  e non fermarsi alla prima immagine, guardare il lavoro che c’è dietro, il pensiero, capire se ti  “parla” , se trasmette.

di Michele Luongo © Produzione riservata 
( 24.01.2009) www.viacialdini.it

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1