Il patto del silenzio

image_pdfimage_print

 

 

 

Della vita di Van Gogh si pensava di sapere tutto

 

 

Vincent_Van_Ggh_Autoritratto_con_bendaFu Gauguin a tagliare  l’orecchio di Van Gogh è l’ipotesi di due studiosi tedeschi dell’università’ di Amburgo, Hans Kaufmann e Rita Wildegans, che hanno riportato questa tesi insieme ad altre curiosità nel loro libro appena uscito in Germania, “L’orecchio di Van Gogh- Paul Gauguin e il patto del silenzio” (Osburg Verlag, pp. 392, euro 23 ).

Della vita di Van Gogh si pensava di sapere tutto. Per più di un secolo è prevalsa la tesi che fosse stato Van Gogh ad automutilarsi ad Arles nella notte del 23 dicembre 1888, dopo un litigio con Gauguin, e che quella ferita coperta da una benda in un autoritratto segnasse l’irrimediabile discesa verso la follia che sette mesi dopo avrebbe portato il maestro al suicidio.  

Vincent Van Gogh (1853-1890 ) , nel Sud della Francia, ad Arles,  nel suo piccolo appartamento, aveva accolto  Paul Gauguin (1848-1903),  la loro convivenza sin dall’inizio fu creatività.  Van Gogh aveva allora 35 anni, Gauguin 40, e come accade a molti migliori pittori al mondo del periodo, erano degli incompresi,  senza successo, vivevano vendendo per pochi soldi le tele  dei propri lavori, i loro scarsi guadagni erano dispersi nelle quotidiane bevute e nella frequentazione dei bordelli .  

Il saggio di Hans Kaufmann e Rita Wildegans , mette in discussione e fa crollare l’idea dell’automutilazione proponendo un’interpretazione inedita: non sarebbe stato Van Gogh a tagliarsi l’orecchio nella notte tra il 23 e il 24 dicembre 1888, ad Arles, ma sarebbe in­vece stato Gauguin a ferire l’amico al ter­mine di un litigio, non per motivi ar­tistici, ma piuttosto per colpa dell’amante prostituta, la giovane Rachel . Gauguin , prima di fuggire, inventa la versione dell’automutilazione, che Vincent sostiene anche davanti alla polizia e ai medici dell’ospedale dove rimane ricoverato tre giorni. Per tacito assenso, non confesserà mai la verità. Un  accordo segreto, ma anche la prova di un’amici­zia al tempo stesso profonda e complicata tra i due giganti del­­l’Arte.  

Non potevano mancare e sono subito apparse sui media risposte e prese di posizione: il docente di storia dell’arte all’Università di Parigi,  Pascal Bonafoux commenta che  “è una tesi che fa morire dal ridere” . I curatori del museo di Van Gogh di Amsterdam continuano a sostenere, invece, la teoria dell’auto-mutilazione.  

Vitto­rio Sgarbi, curatore della mostra Arte, ge­nio, follia in corso a Siena a Santa Maria della Scala (fino al 25 maggio), che vede Van Gogh tra i suoi protagonisti, confer­ma: «Quella dell’automutilazione è una leggenda, per cui anche quest’altra ipotesi può essere valida».  

Intanto cresce l’attesa per la presentazione del saggio il 17 giugno a Basilea, nella mostra “Van Gogh – Tra terra e cielo”  in corso al Museo d’arte di Basilea. Una cosa è certo che  dibattito non accrescerà né diminuirà la loro grandezza .

 di Michele Luongo © Produzione riservata 
                ( 06/05/2009)
            www.viacialdini.it

Articoli  correlati:   Autoritratto Vincent Van Gogh  –   I Colori della notte Van Gogh

 

 

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1