Hotel Sanpi, eleganza senza tempo

image_pdfimage_print

Hotel Sanpi, l’incanto della storia, l’avventura del design, il tempo dell’arte. Intrecci di stili, ricami di passione tra ospitalità e professionalità, a Milano.
di Antonella Iozzo

Hotel-SanpiHallMilano – Hotel Sanpi Milano, quattro stelle del circuito Worldhotels questione di fascino e di eleganza. Fra Porta Venezia e Piazza della Repubblica, nel centro storico della città, uno scrigno del tempo racconta storie e pensieri, scandisce arte e passione, vive l’espressione passato nelle modulazioni del design novecentesco. È incredibile la sensazione che si prova appena varcata la soglia, cortesia, cordialità, ospitalità. Lentamente il sorriso del team alla reception ci conduce nell’atmosfera di un sogno sopito sulle ali del benessere, un desiderio che inizia a prendere corpo man mano che c’inoltriamo nella hall, come un’armonica partitura capace di ridefinire gli spazi cadenzando Hotel-SanpiLobby-l’accoglienza nei ritmi pacati del relax. Al di la delle vetrate, il giardino. Lo sguardo corre sul verde lussureggiante, sui tavoli pronti ad accoglierci per una piacevole pausa, un attimo ancora, e Milano appare meno frenetica, meno caotica, anzi plana la sua raffinatezza, la sua sobria musicalità, invitandoci ad una rilettura più attenta della sua poesia lastricata di storia, che inizia proprio nella stessa via dell’Hotel, dove si trova la chiesa di San Carlo al Lazzaretto, luogo conclusivo de “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni, e prosegue abbracciando Corso Buenos-Aires, il Duomo, il Teatro alla Scala, il quadrilatero della moda, incrociando le vie dello shopping, come Via Montenapoleone, Via della Spiga, tutte facilmente raggiungibile a piedi dall’Hotel Sanpi.
Moderno dal cuore antico
Hotel-Sanpi-Interior-Garden-villaModerno dal cuore antico, infatti, l’hotel è composto da un palazzo ottocentesco completamente ristrutturato e un edificio con facciata a specchio. All’interno una composita armonia rinsalda, completa, veicola le suggestioni di epoche passate e dialoga con gli stilemi artistici, regalandoci una cangiante vibrazione sensoriale. La cura per i dettagli, l’amore per l’arte e l’antiquariato dei proprietari, la famiglia Bulgheroni, l’imprinting dinamico e estremamente del General Manager Mauro Troisi e del suo staff, rendono l’Hotel Sanpi dimora delle emozioni. Tutto, infatti, sembra essere o accadere in funzione dell’ospite. L’arredo ricercato e classico è in stretta sintonia con l’antiquariato, quasi un archivio di memorie da leggere nell’intimità del contatto percettivo, le opere, poi, dell’artista Ercole Pignatelli, sono un omaggio al neoclassico, allo stile italiano, un’opera in particolare colpisce la nostra attenzione: le sue pennellate frementi, distendono colori mediterranei sullo sfondo ed in primo piano l’evocazione alla natura morta del tardo ‘500 e del ‘600, magari proprio quella dell’artista milanese Ambrogio Figino o della pittrice sempre milanese Fede Galizia. Ognuno di noi può realizzare il proprio percorso estetico, sostando in completo relax nella hall, quasi un accogliente salotto che ricrea lo spazio attraendo a sé i nostri pensieri.
Richiamo alla natura e al benessere
Hotel-Sanpi-interior-Garden.detail-StatueUn richiamo alla natura è offerto dal giardino interno. Un’oasi di pace e tranquillità, dove il suono del silenzio racconta le vibrazioni floreali e il respiro del nostro essere si concilia con il mondo e con noi stessi. Tra archetipo e immaginazione la luce rivela la distensione del tempo e i suoi più curiosi segreti, infatti, qui troviamo un antico casello ferroviario del primo novecento, non dimentichiamoci che ci troviamo in zona Porta Venezia, cuore storico della città. Oggi completamente ristrutturato ospita 4 suites dotate di tutti i confort. Hotel-Sanpi-interior-gardenPerformance liberty che allo spirito del luogo affiancano un tessuto emozionale tenero e intenso, sottofondo ideale per rilassarsi e gustare deliziosi cocktail, per intermezzi culturali tra sorsi di ottimi vini, o, semplicemente, per incontrare la quotidianità del nostro lavoro, grazie alla copertura Wi-Fi, da un ambiente distensivo che rigenera energia pura.
L’Hotel Sanpi, indossa le nostre suggestioni e il nostro essere veste le sue evocazioni, è un sentimento che si sviluppa come una melodia, accordi di tensione emotiva risvegliano la bellezza sopita e ne interpretano l’essenza. In questa dimensione è quasi naturale rivolgere uno sguardo dentro noi stessi e concedersi momenti di rinascita fisica e spirituale con lo spazio fitness. Una palestra fuori dagli schemi, oserei dire scenografica, con antichi soffitti a volta e mattoni a vista. Hotel-Sanpi-TunnelÈ come se la storia fluttuasse magicamente sulla texture originale delle pareti e la nostra psiche è l’attività fisica divenisse, di conseguenza esperienza per il corpo e la mente. Dotata delle più moderne attrezzature technogym wellness è un andare avanti ripercorrendo il sentiero della civiltà antica.
Passione, tradizione e, non ci stancheremo mai di dirlo, ospitalità calda e veritiera che inizia con il sorriso e prosegue con la professionalità distinta e discreta.
Hotel-Sanpi-Tunnel-gardenUn invito a gustare ogni momento tra le dolci noti dell’Hotel Sanpi che possono sfumare i sapori ricchi e naturali della colazione servita nel giardino interno. Tenui colori azzurri dipingono le pareti sulle quali prende vita una danza floreale. In questa rilassante sospensione temporale possiamo deliziare il palato con una colazione dolce e salala molto variegata e attenta alla qualità. Sfiziosi piatti internazionali e della tradizione, invece, sono l’alternativa per un break appagante e goloso.
Un mosaico di stili, classe, armonia
Hotel-Sanpi-Deluxe-Room79 camere, dotate di tutti i confort, su quattro livelli, compongono un mosaico di stili, classe, armonia. Ma un piano si differenzia per una cifra decorativa intima e astratta nei toni del blu. Appena si apre l’ascensore si entra nel velluto sonoro di un azzurro intenso che srotola dalle pareti e dal soffitto stellato, le sue sensuali sfumature. Affascinante percorso tra lirico ed evocazione inframmezzato da un’ampia vetrata, una parentesi sulla natura, meraviglioso angolo verde capace di evocare giardini vibranti di vitalità. Una passeggiata come ouverture alle camere. Dettagli curati per arredi eleganti e raffinati che raccontano il buon gusto della famiglia Bulgheroni. Hotel-Sanpi-MilanoIn ogni camera dialoghi d’arte intrecciano trame cromatiche e bagliori soffusi incastonando un nuovo classico d’autore. Ispirazioni diverse con comuni denominatori, parquet per tutti i pavimenti delle camere, insonorizzate e climatizzate, e vernici ecologiche ad acqua per le pareti in perfetta sintonia con il percorso di eco-compatibilità. Camere Superior e Deluxe, ampie, spaziose, dove ogni arredo di design contemporaneo ha una precisa funzione, perché estetica e utilità convivono armoniosamente . Sono camere che invitano al relax in tutte le sue forme, dalla lettura all’ascolto della musica o semplicemente a immaginare il mondo che corre. L’illuminazione è particolarmente curata, bagliori soffusi, luminosità e intense sfumature cadenzate in morbide nuances. Hotel-Sanpi-DeluxeDesign che svetta tra le linee dei bagni, sottolineando l’importanza del benessere con vasche idromassaggio. Le curve del design, del confort e della qualità raggiungono un’espressività carezzevole nelle suite, dove la ripartizione spaziale crea angoli originali e appartati, per un’intimità da vivere nella sua completezza.
Matrici culturali profonde comunicano ricerca estetica, arte, bellezza, mai invadente. È una parabola di creatività e sensibilità che avvolge l’ospite in una vera e propria nuvola di luce e di piacere sensoriale.
Hotel Sanpi, l’incanto della storia, l’avventura del design, il tempo dell’arte. Intrecci di stili, ricami di passione tra ospitalità e professionalità, a Milano.

HOTEL SANPI MILANO
Via Lazzaro Palazzi 18, 20124 Milano – Zona Porta Venezia
Tel: +39­ 02/29513341 – Fax: +39 02/29402451
http://www.hotelsanpimilano.it  mail: info@hotelsanpimilano.it

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (05/07/2013)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1