Hotel Schloss Korb, sogno altoatesino

image_pdfimage_print

Hotel Schloss Korb, sogno altoatesino tra l’incanto dei luoghi e la magia della favola. Incantevole evasione resa palpabile realtà dallo spirito romantico e dall’arte dell’ospitalità della Famiglia Dellago. I desideri, adesso, hanno trovato la loro dimora.  

di Antonella Iozzo

Schloss-Hotel-Korb-suite
Schloss-Hotel-Korb-suite

Missiano-Appiano (BZ) – Dame e cavalieri, guerrieri e aristocratici nel tempo hanno scritto la storia di luoghi che ancora oggi mantengono inalterato il fascino antico e l’aurea da sogno di epoche lontane. Al centro dell’Europa, l’Alto Adige, paesaggio ricco di castelli e fortezze, racconta di popoli Reti e Romani, di leggende e tradizioni, preziose eredità culturali che paiano emergere cariche della loro forza viva e pulsanti, dalle mura di antichi castelli e fortezze da sempre custodi silenziosi del passato e del suo destino.

C’era una volta una dimora con il cuore che l’animo nobile di persone gentili e cordiali hanno reso romantica evocazione, favola da vivere sugli occhi del sogno. Nasce così l’Hotel Schloss Korb, lusso discreto e raffinato, declinato in relax, charme, quiete musicale.

Ma facciamo un salto indietro, intorno all’anno 1236, quando i Signori Korb diedero in feudo l’ex torre abitabile a diverse stirpi nobili. La gemma feudale acquistata da Johann von Putzer nel 1834 venne impreziosita da una cappella. Gloriose origini che assumono spessore antico e suggestione favolistica nei più recenti ampliamenti in perfetto stile medievale con merli ben visibili già in lontananza. Volitivo splendore irradiato dai suoi anni secolari carichi di appagante esistenza culturale, nel 1877, infatti, il castello fu venduto alla famiglia tedesca Tessmann. Il figlio, Dott. Friedrich von Tessmann, era un noto studioso della storia e cultura tirolese e a lui si deve la raccolta bibliotecaria che donò di seguito alla provincia. Storie di castelli e di famiglie si susseguono fino al 1918 quando la famiglia Dellago acquistò il Castello Korb, trasformandolo nel tempo in un hotel e in un ristorante di successo. Ad iniziare l’arte dell’ospitalità sono stati nel 1961 Fritz Dellago Senior e sua moglie Maria, inaugurarono una piccola trattoria che disponeva anche di 18 letti per chi cercava soggiorno.

In perfetta sintonia con la personalità del luogo
Schloss-Hotel-Korb-notturnaIn perfetta sintonia con la personalità del luogo gli edifici furono ampliati in stile romanico, bifore a tutto sesto, architravi con colonnina centrale e pietra a vista che rivelano un’incantevole atmosfera d’altri tempi, un’ode alla versatilità deliziosa e impeccabile.  La torre è il corpo centrale della struttura, dove già alla reception l’attenzione per i dettagli capaci di orchestrare un contesto armonioso rivelano l’eleganza e lo stile di Fritz e Ruth Dellago. Pietre a vista, sculture di legno che richiamano la tradizione altoatesina, putti e figure religiose conferiscono un ardire sospeso nel tempo con tocchi di sensualità romantica. Inoltrandoci nella hall lo sguardo corre rapido verso la terrazza, verso il richiamo della natura che rigogliosa entra in scena ed è come navigare sulle o verso le Dolomiti. Spettacolare la vista su Bolzano e sull’altipiano dello Sciliar dalla terrazza, la cui essenzialità decorativa sottolinea l’imprinting glamour che si accorda alla convivialità di momenti unici, come un piacevole aperitivo all’ora del tramonto, lontano dall’ovvietà quotidiana, vicini alla dimensione immaginifica del tempo sospeso, lassù, dove il cielo è più blu e il nostro mood danza con le stelle.

La terrazza è anche il proscenio del ristorante, un ambiente particolarmente suggestivo dove chandelier scintillanti e mondanature d’epoca impreziosiscono la simmetria e ricreano il piacere di un effetto new romantic.

L’effetto speciale, però, il plus emozionale è dato dal sorriso e dalla fine eleganza di Ruth Dellago e dalla intima cordialità del marito Fritz. Schloss-Hotel-Korb-terrazzaÈ come se ogni ospite riuscisse a dialogare con la propria anima in una dimensione privata calda e accogliente, mai austera.
L’accoglienza è in costante interazione con l’arte culinaria dello Chef Stefan Unterkircher, capace di creare piatti creativi in linea con la stagionalità e la tipicità. Sono ode di gusto e inventiva che puntano su una fluidità sensitiva che nasce dall’interno di ogni piatto. Ristorante con un’ottima cantina dove alle pregevoli etichette della tenuta di Fritz Dellago, troviamo anche molti vini che hanno scritto la storia dell’enologia italiana, da Sassicaia a Gaja. È uno scrigno suggestivo dove l’illusione ottica creata da pareti a specchio è la cadenza del riflesso austero o vellutato, perlaceo o frizzante custodito con amorevole cura. Una passione per il vino quella di Fritz Dellago che lo accompagna da sempre e che ogni giorno riversa nella sua produzione. La terrazza è anche il luogo ideale per il risveglio, una ricca colazione, un ottimo caffè, una variegata proposta di frutta, sono il regale buongiorno che ricama la bellezza dei vigneti. Filari come quinte di palcoscenico rilasciano tutta la poesia e la beltà d questo favoloso Castello, dove il confine tra sogno e realtà è molto labile.

Il dolce naufragare nell’infinito
Schloss-Hotel-Korb-suite-torreLo spazio a Castel Korb è la quintessenza dell’abbandono sensoriale, è dolce naufragare nell’infinito, che sfuma perfino le coordinate di meeting e incontri business con una sala eventi dal layout arioso dove la luce naturale circoscrive l’ambiente senza invadenza. L’impressione è quella di trovarsi in una nuvola, profonda, dove soltanto la magia del nostro estro fantasioso può tracciare con nonchalance una candida trama geometrica che comunica intimità, regalità e discrezione.

Camere e Suite dislocate nel corpo centrale del Castello, la torre, e nell’ala costruita in seguito la Residenza, sono dimore con il cuore che invitano al comfort e a condividere nella dimensione più regale l’essenza della cordialità. Ognuna con il proprio carattere ha forme avvolgenti, che sottolineano la naturalezza dell’armonia interiore. Ogni angolo è un affresco luminoso permeato di eleganza classica. L’impatto profondo sui nostri sensi, sui pensieri e sull’energia risveglia l’amore per le meraviglie svelate da una favola immersa nell’affascinante allure d’epoca.

L’estetica nella gestione dello spazio, i colori e le forme intorno a noi preservano la bellezza senza tempo e allo stesso tempo comunica poesia e spiritualità con un leggero senso del contemporaneo. Carezzevole soft touch a misura d’uomo.

Schloss-Hotel-Korb-zimmerSono suite dove la zona notte e la zona living seducono il tatto amplificando l’effetto sensoriale, un gioco di contrasti materici e cromatici in cui la funzionalità è governata dall’estetica. Il risultato è una scenografica partitura degli spazi, dove bagliori e riflessi scolpiscono oggetti e volumi e dettano un’eleganza nitida cha lega abilmente pulizia formale e gusto della decorazione. Sontuosità mitigata dalla linearità compositiva per le stanze da bagno, vasca e doccia separati, ampi lavabi e suggestioni beauty con la linea di prodotti a base d’uva Vin Pur, tutti gli effetti benefici della vite per una bellezza che rinasce dalla pelle. Anche nella linea dei prodotti la cura per il dettaglio è meticolosa, basta osservare la piccola saponetta a forma di grappolo, un richiamo al frutto originale e simpatico.  La Suite Alto Adige è un trionfo di calore e sontuosità cadenzata dal legno di cirmolo che riveste l’intera suite. Perfino i cuscini contengono trucioli di cirmolo, dall’effetto benefico sul sonno, grazie all’olio essenziale sprigionato dal legno. E il letto a baldacchino stile impero con corona principesca trasporta il nostro sonno nell’olimpo degli Dei, dove il sogno è l’anfiteatro della felicità sensitiva. Legno che baciato dal sole rilascia riflessi oro e tipicità tirolese per vivere appieno il fascino di un castello scenografico all’interno e all’esterno.

Gli spazi dedicati al relax
Schloss-Hotel-Korb-piscinaGli spazi dedicati al relax si distendono nella memoria e nel verde vitale della natura cadenzano di ritmi lenti del benessere. La piscina esterna con idromassaggio è un’armonica impressione acquatica scandita da pulsare del tempo. Punta di fuga e linee prospettiche disegnano il palcoscenico del piacere accostando curve morbide, angoli relax, romantici scorri e aree gioco per grandi e piccoli.

È un dipinto, dove pennellate di freschezza percorrono il soffice sentiero di una visione paradisiaca di chi percepisce l’immenso e il riverbero del suo splendore. Visione che diventa estensione di pacata sensibilità nella piscina interna sempre con idromassaggio. La luce dall’ampia vetrata e dal soffitto a vetri irradia la sua purezza, lo sciabordio dell’acqua è il sottofondo sonoro alle nostre emozioni, le merlature da fiaba che coronano le docce, l’avvolgenza sagomata della sauna, il centro wellness con massaggi specifici e trattamenti cosmetici per viso e corpo, crea feeling intimisti e inattesi giocando tra istinto e immaginazione. Ogni Castello ha il suo principe e la sua principessa, Schloss Korb, vi fa sentire tali.

La Fortezza di Boymont. Esperienza medievale
Schloss-Hotel-Korb-Fortezza-BoymontIntorno a noi vigneti e frutteti, sinuose colline, ampie vallate e un sentiero attraverso il bosco conduce alla Fortezza di Boymont. Concepita nel 1230 come residenza nobiliare e non come fortezza difensiva, venne data in feudo ai Conti di Appiano, divenendo la residenza della famiglia Boymont. Due secoli più tardi la proprietà passò a Ulrich Kässler, segretario di Federico IV duca d’Austria, vari proprietari si succedettero fino al 1977, quando Fritz Dellago comprò la fortezza. Visitare le rovine di Castel Boymont è come fare un viaggio a ritroso nel tempo fino al medioevo altoatesino. Qui, dopo essere saliti sull’alta torre dalla quale ammirare il meraviglioso paesaggio circostante e aver visitato le due sale dei cavalieri, le finestre dall’arco a tutto tondo in pietra, le colonne, i capitelli è quasi d’obbligo degustare deliziose puntine arrosto cotte alla brace per cinque ore e poi lasciate insaporire nell’affumicatoio. Lunghe panche di legno, taglieri, brocche e bicchieri in creta, allestiscono banchetti per serate piacevoli e divertenti momenti conviviali all’insegna del buon cibo. La simpatia e la solarità di Beppi, conquista l’ospite curioso e stupito di trovarsi immerso, a pochi chilometri da Bolzano, nel magico universo medioevale dove intrighi, credenze e misteri dimoravano tra le secrete di castelli e fortezze.

Hotel Schloss Korb, sogno altoatesino tra l’incanto dei luoghi e la magia della favola. Incantevole evasione resa palpabile realtà dallo spirito romantico e dall’arte dell’ospitalità della Famiglia Dellago. I desideri, adesso, hanno trovato la loro dimora.

 

Schloss Hotel Korb
Fam. Dellago
Via Castel d’Appiano, 5 
39050 Missiano/Appiano (BZ) – Italia
Tel.: +39 0471 636000 Cell. +39 333 1503760
http://www.schloss-hotel-korb.com/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (23/06/2015)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1