To Be Kempinski Hotel Cathedral Square in Vilnius

image_pdfimage_print

Il Kempinski Hotel Cathedral Square racchiude dettagli preziosi, opere d’arte, tessuti pregiati e arredi dotati di ogni comfort. Plus, the Lady in Red ovvero Kempinski’s brand ambassadors perché l’ospitalità è un Arte. 

di Antonella Iozzo

Kempinski-Hotel-Cathedral-Square-ingresso
Kempinski-Hotel-Cathedral-Square-Vilnius

Vilnius (LT) – Kempinski Hotel Cathedral Square in Vilnius, l’ospitalità come quintessenza del lusso. Nel cuore della città vecchia di Vilnius, patrimonio mondiale dell’UNESCO, lo storico palazzo neoclassico con cupole neo-barocche del Kempinski Cathedral Square deborda la vista sulla Cattedrale, la Bell Tower e la Gediminas’Tower. Stile neoclassico e poco distante il Palazzo Presidenziale e le principali vie dello shopping. Posizione strategica per scoprire il fascino della città.
L’Hotel è una perla della collezione Kempinski con 96 lussuose camere e suite in ciascuna delle quali lo stile colto, ricercato e cosmopolita instaura un dialogo virtuoso all’insegna dell’estetica gratificando lo sguardo e nutrendo l’anima.

L’inclinazione alla bellezza autentica e all’armonia è una dote innata per la Collezione Kempinski, capace di rendere ogni momento della nostra permanenza più emozionante e luminoso. Il Kempinski Cathedral Square di Vilnius ne sublima il senso con visione di arte moderna e contemporanea che flettono le prospettive del design, ad iniziare dall’ampissima Hall.  È qui che il design mette in relazione gli spazi con le persone, attraverso le opere d’arte di Algis Kasparavicius e Raimonda Sereikaite, che accendono le forme di cultura vibrante e fortemente comunicativa. Sostando nella hall si avverte una musicalità di forme e linee che sfoggia un fraseggio ampio e brillante quanto geometrico ed essenziale. Suggestiva sintesi fra effetto atmosfera e decoro. Solo così l’eleganza del pianoforte e l’intimità suggerita dal camino inscenano un’ambientazione estremamente raffinata.

Le Salon Bar and Lounge e poi il Restaurant Telegrafas
Kempinski-Hotel-Cathedral-Square-LeSalonBar-LoungeLo scorrere del tempo sembra seguire una scenografica ripartizione degli spazi che delimitano senza chiudere. Soluzione di continuità che ci conduce a Le Salon Bar and Lounge e poi al Ristorante Telegrafas. Tonalità scure e richiami accesi per il decor de Le Salon e cura per i dettagli che ridefiniscono il concept di esclusiva esperienza dei sensi. Design ispirato dall’ambiente sociale e artistico fin de siècle, champagne ed un’ottima selezione di cocktail scivolano come nastri di luci sul piacere della condivisione che acquista intimità nel tradizionale rito del tè pomeridiano con una vasta scelta di diverse varietà di tè Ronnefeldt.

Estensione che diventa nuovo lusso, discreto, quasi sussurrato dall’interpretazione classica ed informale del Ristorante, anima gourmet che coniuga tradizione e creatività. Nel suo nome la storia Telegrafas. Nel 1948, il Kempinski Cathedral Square è stato usato come telegrafo centrale. Dopo la completa ristrutturazione, il Ristorante ha mantenuto un legame molto forte con la città ed i suoi avvenimenti, legame ben visibile in un design che ha saputo coniugare il passato al nuovo stile grazie agli elementi naturali come pietra, legno e metallo, che hanno ridisegnano le linee, e alle tecniche artistiche italiane come l’intonacatura veneziana. La cucina gourmet firmata dallo Chef Javier Lopez propone piatti della tradizione lituana con un tocco mediterraneo. Un viaggio nel sapore accompagnato da una lista vini dove le vecchie annate sono predominanti, l’attento sommelier Narimantas Miezys sarà lieto di suggerire il vino giusto al vostro piatto.

Kempinski-Hotel-Cathedral-Square-LobbyLa collezione Kempinski, è sempre stata molto attenta al mondo dei vini lo dimostra scegliendo l’italo – svizzero Paolo Basso, Miglior Sommelier del Mondo (Association de la Sommellerie Internationale) e Migliore Sommelier dell’anno (Comitato Grand Cru d’Italia) nel 2014, per il Kempinski Wine Programme. Ogni tipicità culinaria richiede un vino che ne esalta le più piccole sfumature organolettica. L’arte della degustazione di Paolo Basso sarà l’appendice per vivere appieno il percorso enogastronomico che vibra sotto i nostri occhi in ogni luogo Kempinski. Basso, infatti, creerà una selezione di vini in esclusiva per tutti gli hotel del gruppo.  Food and wine lussuose espressioni di gusto tra eccellenze e rarità.

Al Ristorante Telegrafas, inizia la giornata degli ospiti del Kempinski Cathedral Square. Una ricca e gustosa colazione a buffet, con pane appena sfornato, specialità da agricoltori locali e un menu a la carte edifica il piacere del risveglio. Il servizio, impeccabile, è la nota dominante capace di rendere magnifica sinfonia dell’accoglienza, la musicalità del gesto di ogni membro del team estremamente professionale e attento

L’attenzione per il benessere al Kempinski Cathedral Square ci conduce al centro benessere e termale Kempinski The Spa. Zona fitness con piscina interna riscaldata, due saune finlandesi e vapore e programmi individuali su misura. È un luogo che crea subito feeling con il nostro mood, fluidità percettiva che assume le forme del tocco professionale, perché il culto del bello è una iperbole nell’orografia dell’anima che rinasce nel corpo e nell’anima.

Sottile alchimia di arte e senso estetico
Kempinski-Hotel-Cathedral-Square-GrandSuiteCamere deluxe e suite executive come splendide dimore che invitano ad entrare e vivere momenti unici. Fil rouge, l’eleganza e la classicità che incontra la modernità in una preziosa corrispondenza di effetti dall’assoluta simmetria. Sottile alchimia di arte e senso estetico nei toni del giallo e del marrone che lascia filtrare la luce naturale e circoscrivere gli spazi nei quali mobili in mogano, su misura, comunicano intimità in sintonia con la pulsazione dell’ambiente. Bagni separati, aree lounge e ampie scrivanie fluiscono magicamente in un connubio armonioso che tocca il cuore.

Ariosità, massimo confort e sentimet chic che seduce l’ospite avvolgendolo in una sorta di felicità cosmica distesa sulla pelle delle emozioni. Tutto è amplificato al massimo livello nelle due Grand Suites, con vista sulla splendida Cattedrale, e nella The Presidential Suite, la più grande dell’intera Vilnius. Orchestrazione contemporanea della levità storica, della classicità, dell’unicità del luogo.

Iconica bellezza capace di amplificare l’impatto sensoriale in un gioco di equilibri tra rigore, essenzialità ed intensità seduttiva rilasciata dai dettagli a misura di charme. Spirit new romantic nella Deluxe Cupola Suite, su due piani. Uno scrigno che si apre all’immaginazione e rivelando se stessa rivela lentamente e delicatamente l’inconscio a chi la vive per attimi atemporali di rara intensità.

Kempinski-Hotel-Cathedral-Square-grandsuite-bathroomE se ogni camera ha il proprio carattere, la Deluxe Cupola Suite risplende nella sua identità rigorosamente romantica, è come se la suggestione del desiderio abitasse l’illusione di vivere tra le morbide curve di una pulsione emotiva. Ispirazioni lontane, intuito creativo, canoni estetici e quell’allure di eleganza sospesa nel tempo che respira l’arte dell’ospitalità nel segno Kempinski.

Il Kempinski Cathedral Square, racchiude dettagli preziosi, opere d’arte, tessuti pregiati e arredi dotati di ogni comfort, per camere e suite caratterizzate da benessere e lusso, un mix di visione ed evocazione, dove la fantasia veste una modernità delicata che si accompagna a colori caldi rendendo ogni ambiente semplicemente speciale. Plus di ogni Kempinski, the Lady in Red ovvero Kempinski’s brand ambassadors, perché l’ospitalità è un Arte. La grazia, la classe e la naturale propensione all’accoglienza, della Lady in Red renderanno le nostra esperienza unica e irripetibile. È come se una Musa dal sorriso impalpabile esaudisse ogni nostro desiderio, offrendo un servizio impeccabile e attento con uno stile fuori del tempo.

Kempinski Hotel Cathedral Square
Universiteto street 14 –
01122 Vilnius – Lithuania
Tel +37052201100 – Fax +37052201120
http://www.kempinski.com/en/vilnius/hotel-cathedral-square

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (09/07/2015)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1