Orchestra Haydn sulle vette della musica

image_pdfimage_print

Orchestra Haydn sulle vette della musica. Presentato il 57° cartellone sinfonico firmato da Daniele Spini: quattordici gli appuntamenti in calendario a Bolzano e Trento con famose bacchette, grandi solisti e giovani talenti. Al via il 7 maggio la campagna abbonamenti.

Redazione

 

Haydn-5Orchestra Haydn sulle vette della musica. La 57a stagione concertistica 2016/17 dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento è stata presentata oggi all’Auditorium di Bolzano dal direttore artistico Daniele Spini assieme alla presidente della Fondazione Haydn, Chiara Zanoni. Quattordici i concerti in programma, che avranno luogo nei due capoluoghi a partire dal prossimo 18 ottobre a Bolzano e 19 ottobre a Trento.

«Un anno fa, presentando alla stampa la stagione 2015/16 – ha ricordato Daniele Spini, direttore artistico dell’Orchestra Haydn – ricordammo le ultime parole attribuite a Goethe: “Mehr Licht”, “Più luce”, e osammo parafrasare il grande poeta impegnandoci a fare “mehr Musik”, “più musica”. L’abbiamo fatto e continueremo a farlo nella stagione 2016/17, che offriamo al pubblico della nostra regione, rivendicando di far parte del suo panorama un po’ come le Dolomiti, nelle quali si identifica».

«I 14 concerti della Stagione sinfonica Haydn a Bolzano e a Trento – ha detto la Presidente Chiara Zanoni – continuano a rappresentare la punta di diamante dell’attività dell’orchestra regionale, sebbene siano ormai oltre 150 gli appuntamenti a cui essa è chiamata nell’arco di un anno, in regione, ma anche in importanti città del Paese e all’estero. La Stagione è il core business della Haydn non solo perché in essa si concentra l’attività di maggiore impegno artistico, ma anche perché ciò che all’orchestra preme è ritrovare ad ogni nuovo autunno l’incontro con il pubblico più fedele e suscitare la curiosità di nuovi spettatori».

Il cartellone 2016/17 del’Orchestra Haydn spazia attraverso tre secoli, da Bach a tre nuove pagine che saranno scritte appositamente per l’Orchestra Haydn. «Di questa storia – come scrive Daniele Spini nella nota introduttiva – leggiamo molti fra i capitoli più importanti. Tocchiamo il barocco italiano (con Nicola Porpora) e ci soffermiamo sulla grande stagione del classicismo viennese, con il nostro caro e irrinunciabile Haydn e con tanto Mozart. Apriamo l’Ottocento con Beethoven, e lo proseguiamo con i maggiori romantici, con Brahms, con altri protagonisti della seconda parte del secolo, per concluderlo sul decadentismo prezioso di Fauré, del primo Debussy e del wagneriano belga Guillaume Lekeu, uno dei maggiori talenti della sua generazione, purtroppo morto prematuramente a soli ventiquattro anni nel 1894. Poi il Novecento: l’alba inquieta disegnata da Mahler – nostro “concittadino”, grazie alla Nona Sinfonia creata a Dobbiaco – e la breve oasi fra due guerre orrende in cui fioriscono la maturità di Ravel, la magia orchestrale di Respighi e la modernità intensa di Bartók; poi, il lento e lungo percorso che nella pace ritrovata porta a un mondo sempre più piccolo e unito. Corriamo su e giù per l’Europa: dall’Estonia alla Grecia, dalla Francia alla Russia, dalla Finlandia alla Boemia».

Il programma presenta musiche che parlano di teatro d’opera (come le ouvertures del goldoniano Mondo della luna e di Così fan tutte) e di liturgia (come il Requiem di Fauré), di sinfonismo puro (Haydn, Mozart, Beethoven, Mendelssohn, Schumann, Brahms, Mahler, Šostakovič) e di confronti con la grande letteratura (Don Chisciotte), di canto popolare (o supposto tale: Il corno magico del fanciullo di Mahler) e di mito (sarà interessante conoscere l’interpretazione personale del musicista greco per antonomasia del Novecento, Mikis Theodorakis, del mito antico per eccellenza, ovvero quello di Edipo, che da Freud a Hofmannsthal a Stravinskij ha stuzzicato la fantasia delle grandi menti europee).

Nella prossima stagione dell’Orchestra Haydn saranno presenti direttori e solisti gloriosi, come l’inglese Jeffrey Tate, che guiderà i musicisti della Haydn e i giovani dei Conservatori dell’Euregio (Trento, Bolzano, Innsbruck: un sodalizio già sperimentato con successo nel settembre 2015 a Dobbiaco, con la Settima Sinfonia di Mahler), un grande amico della nostra terra come il violoncellista russo Mischa Maisky, suo conterraneo Arcadi Volodos, che dopo gli strepitosi exploit virtuosistici degli inizi ora si volge verso i grandi classici, e giovani da poco arrivati alla celebrità, come la violinista inglese – di origini italiane – Nicola Benedetti, forte di un contratto con una delle major discografiche, o ancora al principio di una grande carriera, come Stanislav Kochanovsky e la coreana Chloe Mun, vincitrice dell’ultimo Concorso Busoni.

Tornerà a Bolzano un altro vincitore del Busoni, ovvero Roberto Cominati, e avremo la presenza di ben tre cantanti della regione – il soprano Sabina von Walther, il mezzosoprano Sabina Willeit e il basso Nicola Ulivieri –, molto amati da noi, ma non meno celebrati nei grandi teatri internazionali, dalla Scala di Milano al Metropolitan di New York.

Saranno eseguite novità di compositori illustri come Ivan Fedele e Giorgio Battistelli e di giovani talenti, come Alessio Ferrante, formatosi al Conservatorio di Bolzano, e sarà ospite della prossima stagione anche un’orchestra importante, come la “Verdi” di Milano, che ritorna in Trentino-Alto Adige dopo il grande successo ottenuto col programma Dvořák-Korngold presentato nel novembre 2014.
Come tutti gli anni, anche nella stagione 2016/17 ascolteremo in veste di solista uno dei professori d’orchestra della Haydn, ovvero il trombettista Bertold Stecher, che suonerà nel Concerto per pianoforte e tromba di Šostakovič.

Garanzia di continuità e di solidità, le quattro presenze del direttore principale, l’estone Arvo Volmer, che per il terzo anno consecutivo accompagnerà la Haydn nella crescita costante che sempre più la lega al suo pubblico. «Più cultura, più qualità. Più musica».

Orchestra Haydn CAMPAGNA ABBONAMENTI

La campagna abbonamenti prenderà il via sabato 7 maggio a Bolzano e Trento. Per informazioni: Teatro Comunale di Bolzano, tel. 0471.053800 – Auditorium di Trento, tel. 0461.213834.

PARTNER E SPONSOR

Hanno confermato il prezioso sostegno alla stagione sinfonica dell’Orchestra Haydn i main partner Fondazione Cassa di Risparmio e Cassa di Risparmio SpA.

 

Redazione
(04/05/2016)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1