Riccardo Chailly dirige Šostakovič nel segno del Jazz

image_pdfimage_print

Riccardo Chailly dirige Šostakovič nel segno del Jazz. Beatrice Rana esegue in prima assoluta il Concerto per pianoforte di Carlo Boccadoro dedicato a Duke Ellington Lunedì 30 gennaio 2017, alle ore 20 al Teatro alla Scala. Dal 27 gennaio disponibile il nuovo CD di Riccardo Chailly con la Filarmonica della Scala.

Redazione

riccardo-chailly-la-scala

Riccardo Chailly torna alla testa della Filarmonica per il concerto che vede la partecipazione della giovane pianista Beatrice Rana come interprete del Concerto per pianoforte di Carlo Boccadoro, nuova commissione di Francesco Micheli al compositore milanese. Diretta su Rai Radio 3.
È nel segno del jazz che si apre il concerto con la Jazz Suite n. 1, magistrale esempio di quella fascinazione che Dmitrij Šostakovič provò per il mondo musicale rappresentato dal Jazz e che tanto aveva influenzato i compositori del Novecento, da Debussy di Golliwogg’s cake-walk fino a Gershwin di Rhapsodie in blue, passando da autori come Stravinskij, Britten, Bernstein, Copland e molti altri.

La stessa ispirazione sembra guidare il nuovo lavoro di Carlo Boccadoro, che dedica il suo Concerto per pianoforte alla memoria di Edward Kennedy Ellington, meglio conoscuto come Duke Ellington, pianista, direttore d’orchestra statunitense, considerato uno dei compositori più importanti di tutta la storia del Jazz.
Nella seconda parte del programma Chailly affronta la Sinfonia n. 12, sempre del compositore russo. Intitolata L’anno 1917, la monumentale Sinfonia guarda alla Rivoluzione Russa, testimonianza significativa del controverso e sofferto rapporto dell’autore con il Regime sovietico.

Riccardo Chailly dirige il primo dei due concerti previsti per la stagione Filarmonica in attesa di ritrovarlo sul podio il 6 marzo con Maurizio Pollini al pianoforte per un programma interamente dedicato a Beethoven. Significative le sue registrazioni delle due Jazz Suite nell’album Šostakovič: the Jazz Album (Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam – Decca) da cui è stato tratto anche il Waltz inserito nella colonna sonora di Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick.

Beatrice Rana è tra le più giovani pianiste italiane della nuova generazione a intraprendere una carriera internazionale, già apprezzata al suo debutto alla Scala nel 2015 con il Primo Concerto di Beethoven sotto la direzione di Marc Albrecht e nello scorso settembre a Torino, sempre con la Filarmonica, diretta da Riccardo Chailly in occasione del Festival MITO SettembreMusica.
 
Filarmonica della Scala: Overture, Preludi e Intermezzi è il titolo del nuovo CD di Riccardo Chailly con la Filarmonica della Scala. La prima delle due uscite discografiche previste per il 2017 include Overture, Preludi e Intermezzi (inediti) di Opere di Verdi, Rossini, Donizetti, Ponchielli, Leoncavallo, Catalani, Giordano, Puccini, Boito che hanno avuto la prima esecuzione assoluta al Teatro alla Scala. Registrato nel giugno 2016 al Teatro degli Arcimboldi, sarà disponibile in tutti gli store e in digital download a partire dal 27 gennaio.
Lunedi 30 gennaio ore 20, Concerto Teatro alla Scala
Filarmonica della Scala
Riccardo Chailly, direttore
Beatrice Rana, pianoforte
 
Dmitrij Šostakovič
Suite for Jazz Orchestra n. 1
Carlo Boccadoro
Concerto per pianoforte e orchestra
Prima esecuzione assoluta.
Dmitrij Šostakovič
Sinfonia n. 12 in re min. “L’anno 1917”, op. 112
 
Informazioni
I biglietti sono in vendita sul sito www.geticket.it a partire da un mese prima. Eventuali rimanenze saranno in vendita dal giovedì precedente il concerto presso l’Associazione Orchestra Filarmonica della Scala, Piazza Diaz, 6, dalle ore 10.00 alle ore 17.00 fino ad esaurimento.
Prezzi: Posto unico Platea € 105,00; Palco € 85,00/65,00; I Galleria € 25,00; II Galleria € 15,00; Ingressi € 5,00.

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1