Tripexpert 2016 for La Bottega del Buon Caffè

image_pdfimage_print

Tripexpert 2016 La Bottega del Buon Caffè è tra i vincitori del premio “Experts’ Choice” 2016, conferito da TripExpert ai migliori 5.000 hotel, ristoranti e attrazioni turistiche del mondo.

Redazione

la-bottega-del-buon-caffe

Tripexpert 2016. L’executive chef Antonello Sardi, 36 anni, è una delle giovane star emergenti della Toscana, al culmine di un percorso professionale che lo ha portato, nel giro di un decennio, a trasformarsi da semplice lavapiatti a chef stellato Michelin. La Bottega del Buon Caffè si era già classificata al secondo posto nella Gold List 2016 dei migliori ristoranti del mondo stilata dalla rivista Condè Nast Traveller, i cui giudici avevano apprezzato la cucina “nouvelle-toscana” di Sardi, con particolare riguardo  per la sua crème brûlée di foie-gras con sorbetto alla cipolla rossa e alla battuta di cervo con salsa di cioccolato.

Tripexpert 2016. I piatti serviti nel ristorante fiorentino, ubicato ai piedi della torre di San Niccolò, riflettono la collaborazione di Sardi con il boutique hotel Relais Borgo Santo Pietro, nella cui tenuta situata nei pressi di Siena gli orticoltori Davide Rizzi e Lorena Turrini praticano l’agricoltura biodinamica, consentendo a Sardi di firmare i suoi piatti con ingredienti prodotti “su misura”. La cura di Sardi nella scelta delle materie prime equivale a seguirne la provenienza; i suoi rapporti diretti con i produttori sono tali per cui non passa molto tempo prima che un pescatore dell’Elba lo chiami per proporgli una cernia di 20 kg appena pescata. Questo livello di trasparenza e di immediatezza nei contatti si ravvisa anche nel design degli interni de La Bottega, dove la cucina completamente a vista invita i commensali a farsi spettatori occasionali della creazione dei loro piatti.

Tripexpert 2016. Gli Experts’ Choice Awards stabiliscono un nuovo approccio nell’individuare nuove attività d’eccellenza, mettendo insieme e confrontando recensioni pubblicate in più di 70 fonti a stampa, come guide turistiche, riviste e giornali selezionati tra i più importanti e influenti. I vincitori, che sono sottoposti al giudizio di 4 continenti e di più di 80 paesi, appartengono a varie categorie: dagli hotel di lusso ai ristoranti stellati Michelin, fino ai boutique hotel a conduzione familiare, ai ristorantini tipici e a siti d’interesse turistico.

 Redazione
(23/07/2016)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1