Alessandro Gassman

image_pdfimage_print

Alessandro Gassman 
Teatro, specchio della vita
Il teatro è idee, pensieri, emozioni
Sinceramente penso che gli italiani siano meglio, molto meglio di chi li governa.

Alessandro_GassmanQuando la seduzione della parola rivela l’impeto della passione, l’energia della creatività, la musicalità della poesia, può dimorare in un solo luogo, in teatro. Ne scopriamo il fascino l’essenza, la sua bellezza visiva, con un’artista d’eccezione, un maestro della recitazione, Alessandro Gassman.
Teatro, cinema, televisione, tre atti di un’opera senza soluzione di continuità, tre forme d’arte, tre linguaggi diversi. Qual’è l’elemento unificante, se c’è, nelle infinite possibilità di Alessandro Gassman ?
In realtà è uno solo: l’emozione, nel senso di ricerca, sia al cinema che in televisione, ma soprattutto al teatro, di raccontare storie che mi emozionano. Ricevere emozioni da quello che leggo è l’elemento fondamentale nella scelta dei testi.

Il fascino della parola teatrale, la seduzione del grande schermo, la popolarità della televisione. C’è spazio per un monologo che mette a nudo la propria anima?
Continuamente scopriamo pezzi di noi. In realtà abbiamo la fortuna come nel caso de “La parola ai giurati” che porto a Bolzano, di farlo con le parole di gente che scrive meglio di noi. Comunque cerchiamo di non scoprirci completamente, anche perché spesso e volentieri la vita di noi artisti non è poi tanto interessante come si pensa.

Il teatro è idee, pensieri, emozioni, ma anche trucco, materia, legno, corpo, luci. Vivere il teatro, può portare l’attore a scoprire se stesso nello specchio della vita?
E’ un lavoro terapeutico. Io lo vivo sul palcoscenico in maniera molto concreta , molto terrena. Non rivesto il personaggio che interpreto, mantengo un minimo di distacco, mi piace giocare, essere l’altro, essere spettatore di quello che faccio.

Il suo carisma, la sua intensità interpretativa avvolgono ogni suo personaggio e coinvolgono il pubblico. È il punto d’arrivo o di partenza per chi crede nell’attimo fugace del palcoscenico?
E’ una partenza. Dopo venticinque anni di palcoscenico cerco di migliorare tutte le sera. E’ un compito che, in qualche modo, auguro anche ai miei attori, lavorando con me sono motivati e determinati a proseguire la ricerca nella stessa direzione.

Dalla realtà all’illusione, dalla visione all’evasione, per alcuni nel teatro ciò che appare non è ciò che è. Tolstoi definiva Shakespeare “maestro delle illusioni menzognere”. Condivide, e nel suo modo di fare teatro quanto è trasposizione del reale e quanto apparenza?
Dipende da quello che porto in scena. Nel lavoro precedente, la“Forza dell’abitudine” di Bernhard,  l’aspetto onirico, la fantasia erano molto presenti.   Al contrario nella “Parola ai giurati” l’attaccamento alla realtà e alla verità è totale, è inevitabile un’osservazione distaccata della realtà e il tentativo, quasi maniacale, se vogliamo, di    riprodurlo in maniera credibile.

A “fare lo spettacolo” concorrono più cose dalla spazio dell’attore, alla regia, alla drammaturgia, ma quanto è importante credere nella verità della scena con la stessa sensibilità con cui si crede nella verità della vita?
E’ molto più facile farlo in scena che nella vita.

Da attore a regista: la messa in scena della proprie idee, si realizza plasmando la forma delle materia, l’interpretazione è l’ultimo atto di un processo iniziato con la mente e con il cuore. Per lei è un percorso professionale , un percorso di vita, una maturità che immancabilmente fa da collante?
E’ un passaggio inevitabile. Dopo parecchi anni che faccio questo mestiere con passione ed entusiasmo, cioè l’attore, ho cominciato ad avere interesse  più per il lavoro degli attori che mi circondavano che per il mio. Da questo interesse l’esigenza di diventare regista dei miei spettacoli. Una vera scoperta, una  grande autentica passione, una passione che ha superato quella della recitazione, e che mi sta dando enormi soddisfazioni.

Dopo la sua prima esperienza come regista teatrale con “Forza dell’abitudine” di Bernhard, “La parola ai giurati” di Reginald Rose, quì scava nella profondità rivelando l’altrove in una dimensione così vicina a noi che ci disarma perché rivela gli aspetti umani di una situazione considerata cerebrale. È d’accordo?
Si, grazie all’intensa scrittura di Rose ho la possibilità di raccontare dodici umanità. Vite, pezzi o  modelli nei quali il pubblico che ci viene a vedere riconoscerà pregi e difetti della società nella quale viviamo.

Con i profondi cambiamenti degli ultimi anni, emerge una nuova coscienza del reale, dov’è si è smarrita ogni certezza, il mondo artistico non ne rimane estraneo anzi ne avverte e ne interpreta tutte le tensioni. È quello che accade anche in questo lavoro?
Si, diciamo di si. Questo è un lavoro scritto nel 1957, ma attualissimo, mostra tutte le pieghe della società, ieri come oggi. In questo momento la nostra società è un malato che peggiora man mano, appare in modo evidente su tutti i giornali; speriamo che sia, come dire, una morte rapida ed indolore che riporti ad una rinascita, perché, francamente, l’Italia è veramente un Paese che meriterebbe una classe dirigente migliore di quella che abbiamo. Sinceramente penso che gli italiani siano meglio, molto meglio di chi li governa.

Ha mai pensato alla regia di un’opera lirica?
No, non ci ho mai pensato perché non ho una grande cultura in questo campo specifico, mi affascinerebbe molto farlo , e chissà ….

Cosa lascia dentro una tournee teatrale?
Lascio una famiglia, la compagnia teatrale è una famiglia. Si vive insieme, si divide tutto, diviene un gruppo molto solido, molto affiatato, soprattutto se le cose vanno bene come nel nostro caso.

Immagini di posare per un ritratto preferirebbe essere nello studio di Tiziano, Velàzquez, Picasso?
Ma, preferirei essere riconoscibile, si preferirei essere ritratto da Tiziano.

Un suo profilo con un paio di aggettivi?
Credo di essere una persona generosa, però sono anche una persona rissosa, qualità che emergerebbero sicuramente dal ritratto tizianesco.

 Il dopo teatro preferito?
È quello che facciamo tutte le sere: al ristorante, a parlare di teatro, con l’intera compagnia.

Prossimo progetto ?
Il prossimo sarà un altro lavoro di Thomas Bernhard, grandissimo autore austriaco, si chiamerà Immanuel Kant ispirato al grande filosofo, e sono contento di avere la possibilità di portarlo in Italia.
 

di Antonella Iozzo © Produzione riservata
               ( 22/02/2008)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1