Concerti Sacri, iazz, tutti diversi.

image_pdfimage_print


“Sacred Concert”, capolavoro di Ellington,diretto da Alfredo Santoloci
Il Jazz Vocal Ensemble è un coro composto da 30 elementi, scelti tra i migliori cantanti del Conservatorio romano.

alfredo-santolociRoma– Atto finale delle “Domeniche in musica”, la stagione di concerti del Teatro Tor Bella Monaca in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma.
Domenica 29 giugno alle 21.00 il M. Alfredo Santoloci dirigerà “Sacred Concert” di Duke Ellington, con Cecilia Jazz Orchestra e Jazz Vocal Ensemble. Ospite d’onore l’attore Alessandro Benvenuti, che reciterà brani sulla pace tratti da alcuni grandi pensatori del XX° secolo.
Ellington stesso definì Sacred Concert “la cosa più importante che abbia fatto”, monumento musicale alla Libertà e all’Amore.
Tra il 1965 e il 1973 Ellington ideò tre Concerti Sacri e li eseguì in tutto il mondo. “Questi concerti non sono come le messe jazz tradizionali”, ha scritto Ellington nella sua autobiografia. In queste composizioni, infatti, il testo sacro è trasceso a favore di un messaggio ancora più universale, che Ellington stesso ci rivela, invitando tutti ad essere “d’accordo sul significato di questa parola assoluta: AMORE”.

Trattandosi di jazz, tutte le esecuzioni di Ellington furono diverse l’una dall’altra. I brani che verranno eseguiti in questa occasione sono tratti dalla versione conosciuta come Sacred Concert, realizzata da John Høybye e Peder Petersen, i quali, basandosi sulle registrazioni originali, operarono una sintesi delle tre composizioni di Ellington, dando particolare risalto alle parti vocali .
In questa versione è stato inserito inoltre un percorso drammaturgico che prevede la voce recitante del celebre attore Alessandro Benvenuti, che leggerà dei brani sulla pace tratti da Martin Luther King, John Fitzgerald Kennedy, Benazir Bhutto, Gandhi, Paolo VI, Khatami, Duke Ellington.

Alfredo Santoloci, compositore e polistrumentista, è diplomato in Composizione, Musica Elettronica, Sassofono e Clarinetto. Ha inoltre studiato Direzione d’orchestra con il M° Bruno Aprea. Ha suonato in Italia e all’estero con le orchestre italiane più prestigiose, sotto la direzione di illustri maestri, quali Luciano Berio, Lorin Maazel, Daniel Oren, Georges Prêtre e Giuseppe Sinopoli. Le sue composizioni sono state eseguite – spesso dirette da lui stesso – in Italia e all’estero in importanti festival di musica contemporanea e di musica jazz. Dal 2013 è il direttore del Conservatorio “Santa Cecilia”.

La Cecilia Jazz Orchestra è una big band composta da 20 elementi, scelti tra i migliori musicisti del Dipartimento di Jazz del Conservatorio “Santa Cecilia”. Il repertorio spazia dai grandi classici della Swing Era a composizioni e arrangiamenti più moderni, come i brani di Armando Trovajoli arrangiati da Franco Piana, eseguiti il 26 aprile 2014 nella Sala Accademica del Conservatorio sotto la direzione dello stesso Piana.

Il Jazz Vocal Ensemble è un coro composto da 30 elementi, scelti tra i migliori cantanti del Conservatorio romano.

   Redazione
(20.06.2014)
 
Bluarte è su
https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1