Al Laurin, senso gourmet con lo Chef Astuto

image_pdfimage_print

Libertà espressiva e coerenza sensoriale sono il controcanto di un’Arte, quella culinaria, che Astuto ricompone in una tensione continua capace di sciogliersi in un abbraccio tra il cibo e la mente
di Antonella Iozzo

Restaurant-Laurin-FoodBolzano – Quando una cena rivela l’anima profonda del cibo ci troviamo a contatto con le nuances della seduzione sensoriale. Un’elegia eno-gastronomica dai ritmi suadenti, pacati, lirici e deliziosamente raffinati, più che una cena una celebrazione olfattiva-gustativa tra l’atmosfera riservata del Ristorante Laurin, presso il Parkhotel Laurin di Bolzano.
Lo Chef Manuel Astuto è un abile direttore d’orchestra che compone, amalgama, sfuma, un’armonica partitura di aromi e sapori, esaltando e sublimando il cibo in vero nutrimento per lo spirito più che per il corpo.
Puro piacere per gli occhi, il palato, la mente. È la traslazione di un pensiero in visione che disegna un universo nel quale la melodia del mare incontra i sapori autentici delle montagne altoatesine. Quelle di Manuel Astuto, infatti, sono creazioni che di volta in volta indossano la poesia degli ingredienti, sempre di altissima qualità, i colori della natura, il fremito della passione, la forza della dedizione, la trasparenza della professionalità.
Tra tradizione e modernità l’universo di Astuto si apre al gusto ed i nostri sensi ne seguono la musicalità. Per iniziare, overture contemporanea: uova cotte a 65° con parmigiano 36 mesi, broccoli e cavolfiori: carattere moderno interpretato con eleganza retrò, delizia in grado di accarezzare le papille gustative. Danza di sapori esaltata da un ottimo spumante metodo classico “Praeclarus”,della Cantina Produttori San Paolo, perlage finissimo, complesso e strutturato si evolve in un crescendo mozartiano.
Il tempo scorre tra il respiro della sala e le creazioni di Astuto e la Tartara di manzo con sedano e rapa, sembra letteralmente composta su tre accordi dominanti: qualità, morbidezza, leggerezza, un fraseggio costante e finemente temperato che si conclude in una cadenza coinvolgente esaltata da un ottimo “Pinot Bianco Moriz” della Cantina Tramin; inconfondibile profumo: suadente, intimo, cesellato di mela, petali di purezza.
Libertà espressiva e coerenza sensoriale sono il controcanto di un’Arte, quella culinaria, che Astuto ricompone in una tensione continua capace di sciogliersi in un abbraccio tra il cibo e la mente, nascono quadri da gustare e decantare come i ravioli di patata con fonduta di parmigiano reggiano e tartufo nero. Perfetti accordi, perfette emozioni che scivolano vellutatamente da una cremosa fonduta e risalgono il sapore deciso del tartufo, intense palpitazioni che incontrano un “Tirolensis” molto aromatico.
L’attenzione di Astuto per la qualità è una costante e insieme una certezza che rendono l’entrecotes di manzo in crosta di grissino con dadi croccanti di polenta e parmigiano e crema di zucca, superlativa. Carne della Val Pusteria, tenera, deliziosa, squisita che dilaga nella dolcezza della zucca, mentre la crosta di grissino è il contrappunto sonoro, il mordente giusto che fa la differenza. Equilibrio di sapori in rosso con il “Cabernet Savignon” della Cantina Tasca d’Almerita, buona corposità, tannini che si aprono morbidi, colore intenso.
Una cena coinvolgente come una storia d’amore tra il cibo e i sensi, un coinvolgimento totale che confluisce nel dessert: esotico mango, cioccolato bianco, ricotta ghiacciata. L’estasi naufraga nell’interludio di una dolcezza capace di animarsi in torpore per poi stillare il brivido ghiacciato della ricotta. Magico esotismo incantato che dilaga regale con il passito “Sweet Claire” della Cantina Lieselehof. Colore dorato, ambrato, prezioso. Nettare sulla pelle dell’anima in grado di dipingere tramonti che travolgono i sensi, semplicemente elisir di vino che placa la notte.
Il talento di Manuel Astuto consacra il cibo e ogni degustazione percorre i sentieri del buon gusto nella classe e nello stile del Parkhotel Laurin.

PARKHOTEL LAURIN – Via Laurin 4 – 39100 Bolzano
Tel: 0471 311000 | Fax: 0471 311 148 – Web: http://www.laurin.it/it/

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
(10/12/2013)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1