Le Colonial Houston, Vietnamese flavors for timeless emotions

image_pdfimage_print

Le Colonial Houston’s River Oaks District, cultura culinaria, French-Asian charm, classic Vietnamese comfort foods, arte dell’ospitalità. Il piacere di una scelta, il carattere di un emozione.

di Antonella Iozzo

Houston (TX) – Fascinating destination, Le Colonial Houston. Quando la cultura indossa la suggestione di epoche lontane scolpendo luoghi in place to live, nasce l’armonia che ispira i sensi con nuance e sapori di una delle più seducenti colonie francese il Sud-est asiatico del 1920.

A Le Colonial Houston è come viaggiare nel tempo verso un’epoca passata, dove eleganza e raffinata opulenza creano suggestioni diverse e lontane capaci di amplificare l’impatto sensoriale. Il fascino degli anni ’20 crea una scenografica visione mirabilmente orchestrata dalla cura per i dettagli. Fotografie d’epoca, ventilatori a soffitto e morbidi divani in pelle fiancheggiano le pareti della sala con tavolini in stile parigini, e poi le classiche persiane ed è come entrare nella sequenza scenografica di un film e rivivere il respiro ammaliante di un epoca scolpita nella memoria.  Il risultato è un salotto che riverbera di atmosfere sensual chic, quasi immersive vision nel lusso sofisticato che disegna l’atmosfera così evocativa eppure così reale da rendere le emozioni una dimensione autentica di meraviglia stile anni venti.

Houston, una delle città più grandi d’America capace di stagliarsi sotto i nostri occhi come una continua performance di culture dinamiche e sinergiche, ci sorprende con il lifestyle di The River Oaks District, il lusso nelle sue diverse forme incrocia le vie del gusto senza confini e ci conduce a Le Colonial. 

È qui che i celebri ristoratori Rick Wahlstedt e Joe King accolgono i suoi ospiti nell’autenticità di Le Colonial.  Rick Wahlstedt, imprenditore intuitivo, dinamico, lungimirante co-proprietario, fra l’altro della South China Management, vocato all’ospitalità, sa anticipare le tendenze e creare luxury location con un’anima. Essere unici è nella sua natura, essere iconici il suo destino e dopo l’apertura di Le Colonial a Manhattan e successivamente a Chicago, nel 2016 l’evocazione asiatica nella sua declinazione più profonda,  approda in Houston’s River Oaks District.

Il design a Le Colonial Houston acquista una potente valenza decorativa che continua al piano superiore dove il gran bar, dispiega l’alchimia di bellezza che disegna le movenze dell’istante. Mobili in mogano e sedute eleganti sequenzino lo spazio rilanciando un dialogo sensoriale fra il mood del luogo e la convivialità che vibra nella melodia di deliziosi cocktail.

Ogni momento diventa memorabile a Le Colonial Houston e quando l’evento diventa intimo e privato si aprono le porte della Sala del Loto, con un murale estremante espressivo dai delicati toni tropicali creato dal muralista svedese Jonas Wickman.

 

Il cibo, l’arte culinaria, la passione, un incrocio dal quale si diramano le strade del mondo per viaggi gastronomici verso mete inesplorate, verso ricordi che interpretano le tradizioni, verso Paesi che giungono a noi grazie a profumi e fragranze che inebriano i sensi e stimolano la mente. A Le Colonial l’Executive Chef Team Nicole Routhier e Hassan Obaye ci conducono nella classica tradizione vietnamita in una elegante versione contemporanea bilanciata da delicate nuance franco-asiatiche.

Allure che inizia con un delizioso drink “Lychee”, l’eleganza della vodka Grey Goose morbida dal passo felpato e misurato incontra la dolcezza del Lychee liqueur smorzata dal lime fresco. Semplicemente un drink che si fa amare.

Il servizio attento ad ogni singolo ospite e con un sorriso che irradia il piacere del regalare momenti da ricordare ci guida nell’esplorazione del menu. Armonici accordi di una sinfonia che plana verso l’esperienza gastronomica.

Visionnaire che inizia con il “CHA GIO Crispy Shrimp & Pork Roll –  Gulf Shrimp, True Story Berkshire Pork, Asian Mushrooms, Mint, Cilantro, Chili Lime Sauce”. Contrasto di consistenze ed interazione fra i diversi elementi rendono questi involtini di gamberi e maiale croccanti, ricchi di gusto; funghi asiatici, menta, coriandolo e la salsa al lime e peperoncino nella quale intingere gli involtini, conferiscono carattere ed esplodano al palato rilasciando una sensazione piena ed intensa.

Moderna tradizione controbilanciata da una profonda conoscenza e da una grande capacità tecnica quella di Nicole Routhier. Madre, ristoratrice, vietnamita e padre francese, porta in sé il Vietnam e quando in giovane età si trasferisce a Hyde Park, New York, per studiare presso il prestigioso Culinary Institute of America, trasforma l’amore per la cucina in un arte capace di toccare le corde del profondo avvicinandoci con garbo e maestria nel concept della cucina vietnamita.

Retrogusto culturale dei “SUI CAO CHIEN – Pan Seared Chicken Dumplings 12 Amish Farm Chicken, Scallions, Ginger, Black Vinegar Sauce”, teneri gnocchi di pollo della fattoria Amish, esaltati dallo zenzero e dalla caratteristica Black Vinegar Sauce, vellutati e aciduli in una forma di gusto ben costruita.

 

Invito a Le Colonial per scoprire come l’essenza sofistica, anche nel cibo, può sfiorare l’estro e la tecnica e rendere l’eccellenza della materia prima visione sublime, scultura culinaria nell’unicità di un attitudine sulle coordinate franco-asiatiche della cucina vietnamita. È il momento del “CA CHIEN SAIGON – Crispy Red Snapper Crispy Whole Red Snapper, Spicy Garlic Glaze”, dentice originario dell’Oceano Atlantico occidentale, croccante con glassa piccante all’aglio. Ogni senso ne è coinvolto, il pesce è ottimo, freschissimo, tenero nella sua polpa, croccante all’esterno, una doratura che lo rende prezioso alla vista, è come se ad ogni assaggio il palato rimanesse estasiato dalla sua morbida voluttà per poi all’improvviso scoprire il vibrato sonoro del croccante. Le freschezza dell’insalata che lo accompagna è una vibrante escalation di fragranze che culmina in una danza.  

La qualità è la base di ogni piatto e nella “BO LUC LAC – Shaking Beef 31 Caramelized Filet Mignon, Valverdi Farm Greens, Sweet Onions, Watercress, Lime Pepper Vinaigrette”, rilascia brillantezza in un connubio di sapori ben armonizzati. Il Filet Mignon si scioglie letteralmente in bocca, uno squisito assaggio di alta qualità bilanciato da un uso sapiente degli ingredienti, le cipolle rosse, il crescione e la vinaigrette, una sinfonia immensamente intrigante che travolge i sensi e d’un tratto tutto scompare, rimane il piatto. I “CRISPY BRUSSEL SPROUTS – Caramelized Fish Sauce, Lemon, Roasted Peanuts, Scallions”, cavoletti di Bruxelles croccanti caramellati con salsa di pesce e arachidi tostati e il classico riso bianco, legano una creazione dalla chiarezza gastronomica straordinaria.

 

A Le Colonial i dessert debordano l’immaginifico richiamando subito emozioni senza confini. La “TARTE AU CITRON – Yuzu Lemon Curd, Lemon Tarte Shell, Meringue, Fresh Berries” è un trillo vivace modulato dalla meringa. Cremosità avvolgente e delicata ricercatezza, l’incontro perfetto!

L’equilibrio degli aromi e la cura per i dettagli è la cifra stilistica della “VANILLA CRÈME BRÛLÉE – Madagascar vanilla bean custard with crispy caramel crust, topped with fresh berries e lemonhoney madeline”, un sogno che attiva le sinapsi e nulla è più come prima. La cura del piatto si trasforma in eleganza e il gioco di consistenze tra la crema pasticcera alla vaniglia del Madagascar e la crosta di caramello croccante crea quell’effetto sonoro che amplifica l’interazione con i sensi, mentre dolcezza e vivacità dei sapori trovano il giusto equilibrio in quel french touch dato dalle madeline. Pura felicità per il palato

The spirit of Le Colonial Houston’s River Oaks District, cultura culinaria, French-Asian charm, classic Vietnamese comfort foods, arte dell’ospitalità. Il piacere di una scelta, il carattere di un emozione.

Le Colonial
River Oaks District
4444 Westheimer Road, Houston, TX.
Call.  (713) 629-4444
http://www.lecolonialhouston.com/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (27/11/2019)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1