Sophia’s Restaurant. Taste meets chef Michael Hüsken

image_pdfimage_print

Sophia’s Restaurant München inspired by chef Michael Hüsken, semplicità, stagionalità, eleganza del gusto e moderna estensione dei sapori locali nella tavolozza della natura.

di Antonella Iozzo

Sophias-Restaurant-MunchenMünchen – Sophia’s Restaurant e Bar, cuore gourmet di The Charles hotel cinque stelle del Gruppo Rocco Forte a München. The gourmet  experience meet design mood, new opening, new style, new emotions.

Sophia’s Restaurant. Sito all’interno del Charles Hotel segue la curva morbida dell’edificio e sviluppa l’armonia di un abbraccio scolpito dalla luce, che grazie alle ampie vetrate entra imperiosa creando un continuum naturale con l’adiacente giardino botanico della città.

Sophia’s Restaurant. Atmosfera calma e intima, cura per il dettaglio e una ricercata melodia empatica che indossa l’estetica informale di Twombly, un lontano richiamo che rimanda al segno su tela come scrittura, ma qui assume valenze new romantic.

Gli arredi semplici ma d’effetto nei colori della terra sono il controcanto perfetto ai due imponenti alberi di fico al centro del ristorante e al corollario di rustici vasi con piante aromatiche, per un dialogo di amorosi sensi con il giardino nel rigoglioso suo impeto di vita.

Il Bar del Sophia’s Restaurant, si apre nella logica ripartizione spaziale che delimita gli ambienti senza chiudere ed è feeling sensoriale, empasse comunicativa, piacere del convivio e nuance sonoro tra le note di un pianoforte.

Sophia’s Restaurant inspired by chef Michael Hüsken, semplicità, stagionalità, eleganza del gusto e moderna estensione dei sapori locali nella tavolozza della natura sempre sua alleata.

La passione dello chef Michael Hüsken coltiva l’arte culinaria con intelligenza e chiarezza gastronomica proponendo una visione fresca, dinamica, leggera. È come se ogni suo piatto proponesse un’esplorazione dell’ambiente naturale e locale dai risvolti inediti e sorprendenti. Il Menu di primavera è una passeggiata nei colori dell’aria nelle forme del paesaggio, nei profumi e nelle fragranze di orti e giardini. Basta chiudere gli occhi e l’immaginazione ci conduce in un incantevole dipinto, dove ogni pennellate è anima e gesto di Hüsken. Un grazia unita alla tecnica capace di valorizzare e rispettare il prodotto di qualità eccellente.

Spring menu che si apre con “Home-made ricotta, spring vegetables e croutons”, la presentazione è a dir poco scenografica, un vero e proprio giardino dai colori lucenti e vibranti, la ricotta è il velluto sonoro su cui sono adagiate le verdure croccantissime, come carote, asparagi, ravanelli, fave tenerissime. Un inno alla vita armonioso che rinasce ad ogni assaggio nel mordente con crostini.

L’abbinamento con i vini è una colonna sonora che se da un lato esalta i piatti dall’altro celebra il vino nell’interpretazione dei produttori. Karl H. Johner Weißer Burgunder e Chardonnay 2014, sentori di agrumi e ananas, minerale, lascia il palato pronto ad un nuovo assaggio, semplicemente raffinato e lirico

Sophias-Restaurant-Munchen-Executive_Chef_Michael_HskenColore che esalta la vivacità dei sapori, una costante per lo chef Michael Hüsken che ci presenta un tripudio di materie prime, sceltissime, “Octopus, peas cream & broad beans ragout”. Il polipo grigliato, dall’ottima cottura, implode in consistenza e si lascia avvolgere dalla crema di piselli e fave, il risultato si esprime in due parole, equilibrio e profondità.

Libertà creativa, tecnica e dedizione, linee guida che lo Chef Hüsken segue per comporre piatti come si compone un quadro. Cura meticolosa nella preparazione e nella presentazione, tocco raffinato e una mente aperta a nuove frontiere. Fusion che sfocia in creazioni come “Saddle of suckling pig, quinoa, beetroot & spinach” delicatissimo maialino da latte su letto di quinoa, foglie di spinaci che rilasciano tutta la fragranze e la dolcezza della natura e bieta rossa che aggiunge loquacità al piatto. Armonia cromatica e organolettica, acidità, dolcezza, sapidità, ogni sfumatura del gusto è cadenzata alla perfezione, ogni ingrediente entra in sintonia con l’altro e ogni papilla gustativa ne riceve l’effluvio di sensazioni che si sprigionano da una fusion perfetta, nel calice Weingut Beck Riesling Pelosol, non il classico riesling tedesco ma una evocazione estremante sottile di mineralità e freschezza, sapidità e armonia fuori dal comune.

Finale d’autore al Sophia’s Restaurant con il dessert “Marinated strawberries, basil sorbet & mascarpone” accompagnata nel calice da un italianissimo Moscato D’Asti d.o.c.g. Braida. Eccellenze che risplendono di nuova luce, flutto mai stucchevole, quasi pulviscolo sonoro, dove le note di fiori d’arancio, la rosa e il muschio rinsaldano il suo perlage.

La dolcezza delle fragole e la verve del sorbetto al basilico si elevano in una svettante sensazione che disegna il sorriso dell’anima, la delicata morbidezza del mascarpone accoglie e plana il sogno della beatitudine. Attimi scolpiti in composizioni temporanee ma nella nostra mente permane il ricordo, quella sensazione gastronomica, quel piacere dei sensi che rinasce arte culinaria nella pulsione green declinata in creatività dello chef Michael Hüsken.

Sophia’s Restaurant & Bar
The Charles Hotel
Sophienstrasse 28, 80333 München  – Tel. +49 89 544 5550
www.roccofortehotels.com/the-charles-hotel

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (26/04/2016)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1