Villa Oppi. Wine’s moments for new days

image_pdfimage_print

Villa Oppi uno scrigno che rivive nella fascinazione dell’accurato restauro capace di risvegliare lo spirito di epoche lontane, oggi nuova area degustativa fortemente voluta da Stefano Agazzi. Le vie del tempo, rinascono tributo eterno alla tradizione vinicola e alla cultura, in un party d’inaugurazione dove il piacere del convivio illumina la notte.

di Antonella Iozzo

Villa-Oppi-Agazzi-byluongo
Villa-Oppi-Agazzi-byluongo

Alseno ( PC) – Villa Oppi, l’evoluzione parte dalla storia. Sotto il segno del vino la lungimiranza di Stefano Agazzi estende il valore del tempo, della passione e del gesto dell’uomo nelle dinamiche moderne della comunicazione e del marketing per portare nel mondo la voce dell’Italia del vino. Etichette, quelle di Villa Oppi, che racchiudono la forza dell’autenticità, la classicità e le novità che con grande entusiasmo animano la pulsazione vitivinicola del nostro Paese.

Villa Oppi, residenza estiva di Maria Luigia d’Austria, seconda moglie di Napoleone Bonaparte, durante la dominazione Francese del nord Italia oltre ad essere Duchessa per le province di Parma, Piacenza e Guastalla nel 1820 circa, è un patrimonio storico – culturale. Uno scrigno che rivive nella fascinazione dell’accurato restauro capace di risvegliare lo spirito di epoche lontane intriso di antichi segreti, di storie quotidiane, di fatti e misfatti. Background in sequenze di ricordi adagiati sui muri o danzanti nella corte interna, oggi nuova area degustativa fortemente voluta da Stefano Agazzi. Another chance for Villa Oppi, che rinasce dalla propria bellezza grazie alla passione e al senso del fare di Stefano che si è avvalso, dell’espereinza e della saggezza di papà Giuseppe. Un legame il loro, sopra le righe, che unisce e vibra d’intimità e complicità. Flettono e riflettono la dedizione, carica vitale, amore verso il senso della storia e dei valori, che delineano la personalità della famiglia Agazzi.

Villa-oppi-inaugurazione-byluongoIl lungo viale alberato che conduce a Villa Oppi è il proscenio naturale alla quiete musicale del luogo, semplicemente, magnificenza architettonica. Protesa da un arco ridipinto in rosso mattone che c’introduce nel cantico di calici sospesi nel tempo e nella tradizione. All’interno della corte, l’architettura sembra completarsi da quel senso di felicità e soddisfazione che come nastri di luce si snoda lungo il porticato e raggiunge l’antico pozzo al centro dell’aria, illuminato, scenograficamente, da un corollario di candele.  Cromie vivaci punteggiano le emozioni e la sensazione di trovarsi nell’abbraccio di sentimenti veri che continuano a distendersi nella piacevolezza di istanti scolpiti nella memoria in divenire.

Le vie del tempo, rinascono tributo eterno alla tradizione vinicola e alla cultura in un party d’inaugurazione, dove il piacere del convivio illumina la notte e il sorriso degli ospiti visibilmente soddisfatti. Tra musica e specialità gastronomiche del territorio, Villa Oppi night per essere location di gusto, classe ed eleganza, tra brindisi di eccellenza e ospitalità, tra atmosfera soft e la bellezza del vivere appieno il piacere dello stare insieme, in armonia. Una risposta contemporanea all’identità di un luogo che è parte integrante del territorio piacentino. Simbolo sulla Via Emilia, sosta per i pellegrini, azienda che iniziò la coltivazione della vite proprio con Maria Luigia d’Austria, impiantando sia vitigni Italiani che Francesi. E mentre sui muri sembra permanere l’identità culturale del luogo, oggi Villa Oppi esprime dinamismo di idee e progetti che guardano oltre confine.

Villa-Oppi-Vini-byluongoIncontro di epoche sottolineato anche dalle autorità presenti all’evento, dal sindaco al parroco, quasi a sottolineare l’importanza storica della Villa, la sua identità vinicola e la sua anima conviviale per momenti e incontri che danno vita ad un connubio armonico tra passato e presente.

La qualità di vini Villa Oppi, da sempre esprimono carattere, terroir, poesia nelle differenti interpretazioni dei produttori, nella nuova linea assumono il rosso austero del Barolo, la profondità dell’Amarone, l’unicità del Montalcino, l’originalità dei Colli Piacentini, e indossano un packaging estremante superlativo, etichette in rame rigorosamente realizzate a mano. Ed è come se dalle tonalità rosa antico la preziosità del nettare di Bacco disegnasse le tante declinazioni di vini capaci di conquistare i palati internazionali.

Scende la notte su Villa Oppi e la sua suggestiva torre si staglia nel blu del cielo, tra gli sopiti feeling, emotion e la piacevolezza di condividere momenti dai quali nasce il domani. Solide realtà che si vestono di appeal tra sorsi d’arte e di vita.

VILLA OPPI
Ss. Emilia 2524, Alseno, 
29010 Piacenza (Italy) 
Tel +39 335 5646108 
http://www.villaoppi.it

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (22/06/2015)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1