Passione Fieracavalli

image_pdfimage_print

Dal 1898 la tradizione innovativa di una fiera che dalle anse di un prestigioso passato progetta il futuro e oggi ha superato le aspettative.

fieracavalli2Verona – Fieracavalli alla sua 114° edizione si conferma evento di punta capace di fondere la storia della città di Verona al turismo equestre. Un appuntamento per appassionati ed esperti del settore che coinvolge famiglie e scuole avvicinandole alla cultura del cavallo. Cultura, quindi, tradizione ma anche economia, con un indotto di circa 10 miliardi euro.

Un programma articolato e variegato ha entusiasmato e divertito i visitatori ad iniziare dal Saloon di Fieracavalli: animazioni folkloristiche, punti di ristoro a tema, performance di line dance, musiche e balli country sono stati i punti forza che hanno animato l’area esterna adiacente ai padiglioni western con i suoi Westernshow. E’ il respiro dell’America vissuta sulle pellicole dei films più famosi, è l’odore della polvere, il sapore autentico di un passato che si fonde con il ricordo del cowboy, è il battito del rodeo che galoppa la fantasia con stivali e cappelli. Tutto questo e altro ancora, è passione Fieracavalli.
Decisamente diverso il clima nei padiglioni dedicati al dressage, dove si è esibita Valentina Truppa, protagonista del dressage internazionale, illustrando figure come piaffer e passage.

Si passa da uno stand all’altro, ammirando l’eleganza e l’andatura del cavallo e incontriamo nuove proposte come l’alta cucina di 4 chef d’eccezione che hanno proposto il programma “Chef a briglie sciolte” un’inedita esperienza culinaria da saggiare su una terrazza-ristorante dalla quale si potevano ammirare le esibizioni di Talenti&Cavalli e di Fieracavalli on stage.

fieracavalliScenografiche impressioni e coreografiche esibizioni con il Carnevale Romano primo evento carnevalesco fondato sull’Accademia del Teatro Equestre, ospitato per il secondo anno consecutivo da Fieracavalli.
Arte Equestre, come punto d’incontro tra le due rassegne che celebrano la passione per l’universo cavallo dal punto di vista sportivo, artistico e culturale. Una serie di appuntamenti sull’evento tenutesi nelle diverse giornate, hanno rapito la nostra attenzione, attimi in cui la natura si libra nella creatività celebrando il feeling che s’instaura tra uomo e cavallo. Attimi di pura sinergia che raccontano dedizione e amore ma anche l’anima libera e fiera del cavallo sulle ali di quell’infinito che noi solo lievemente riusciamo a sfiorare.

Altro appuntamento importante la Sfilata in carrozza per le vie della città di Verona di sabato, intermezzo di stile ed… eleganza con la premiazione del Concorso d’Eleganza “Verona in carrozza” in Piazza Brà.
Trenta carrozze per le vie cittadine come viale Piave, corso Porta Nuova, via Roma, corso Cavour, piazza Erbe, hanno risvegliato una bellezza sopita nel tempo. E’ come se lontani ricordi nel sentire lo zoccolio dei cavalli improvvisamente iniziassero a dipingere pagine di romanzi ottocenteschi.
I vincitori per eleganza, qualità delle carrozze e abilità nella conduzione dei cavalli sono stati: Francesca Villa nella categoria “Singolo” con una Militaria del 1920, il padre, Domenico, primo posto con una pariglia break phaeton del 1850 e Giuseppe Ravanelli podio per il tiro a quattro su un Landau a molle della seconda metà dell’ottocento.

GARCIAJUANCARLOSfieracavalliEleganza e … classe, quella di Juan Carlos Garcia al Jumping Verona prima vittoria per l’Italia. Un premio autorevole, una prestazione eccezionale sicura, altera, audace, nessun errore agli ostacoli che ha condotto sul gradino più alto del podio nel “Premio Kep Italia” categoria contro il tempo con ostacoli a 1.50 mt. Una vittoria che ricama il fascino discreto e intimo di chi crede e vive fino in fondo le proprie passioni. L’importante premio Rolex FEI World CupTM, è stato vinto invece da Luca Moneta, altro azzurro salito sul podio.

Di premiazione in premiazione con Giuseppe Cimarosa vincitore dell’edizione Talenti&Cavalli 2012, grazie ad una danza simbiotica con il suo cavallo, il Sanfratellano Oddo, che naturalmente rivedremo nell’edizione 2013 del Gala d’Oro.
Eclettismo, agilità coreografica nella poesia dell’Arte equestre, che hanno spinto Cimarosa, a fondare la Compagnia del Centauro con 40 artisti di tutte le età artefici dello spettacolo, “Un Colossal”

Ispirazione cavallo sembra essere il comune denominatore di tutti i partecipanti alle gare, ispirazione come visione di sogni che divengono realtà. È il caso della vittoria dei liguri Greta, Marina, Lorenzo e Vittoria, tutti tra gli 11 e i 13 anni, vincitori della Coppa delle Regioni Pony, per la finale del Reining Freestyle ha ottenuto il primo posto il tedesco Einst Peter Frey.
Ricordiamo inoltre, nel Salone del Cavallo Arabo la Young Riders ANICA team 2012 di Endurance ha visto salire sul gradino più alto la sedicenne Mara Feola, in sella al suo Puro Sangue Grigali.

SymphoniaFieracavalliFieracavalli continua ad emozionarci facendoci sentire addosso l’istinto e l’immaginazione che ruota intorno al cavallo, quintessenza del duro lavoro che gravita intorno a questo mondo, ma quando si sale in sella anima, pensiero e cuore sono un tutt’uno con il cavallo che diviene l’altra parte di se e trionfa come nel caso della finale italiana del trofeo Master Cavallo Iberico, per la prima volta a Fieracavalli e che ha visto tra i vincitori Giacomo Mazzoleni nel Campionato Italiano livello D1 categoria Madrid e Lusitani, e Federico Basile nel Campionato D3 Reyale Iberica.

Fieracavalli, dal 1898 la tradizione innovativa di una fiera che dalle anse di un prestigioso passato progetta il suo futuro e oggi ha superato le aspettative. Quattro giorni di kermesse con 156mila visitatori da 75 Paesi, 500 cavalli di 60 razze, un intero quartiere fieristico di 350mila metri quadrati, oltre 650 espositori da 25 nazioni, 45 associazioni allevatoriali di cui 10 estere e 180 iniziative Gala serale con 10.200 presenze, oltre 650 giornalisti accreditati da 20 paesi, più del 10% rispetto al 201.

Gli espositori si ritengono più che soddisfatti per la presenza di operatori qualificati e internazionali e per l’ottimo giro d’affari , crescente anche il numero di visitatori da Croazia, Slovenia, Germania, Austria, Svizzera e Russia. Nonostante la crisi Fieracavalli riesce ad ampliare gli orizzonti aumentando le presenze di tour operator nella borsa del turismo equestre, molti i contatti internazionali, con importanti richieste di pacchetti viaggio da Germania, Francia, Spagna, Austria, Svizzera, Bulgaria e Marocco.

Un’economia dinamica che nasce da principi saldi e rispetto per il cavallo, infatti, Fieracavalli quest’anno ha potenziato, attraverso la creazione di una Commissione Etica per il benessere animale, quanto già da anni predispone per l’ottimale gestione dei cavalli: un servizio medico-veterinario 24 ore su 24 con una quindicina di professionisti, tre ambulanze veterinarie, due cliniche mobili e il servizio continuato di mascalcia.
Fieracavalli la passione dinamica galoppa il domani nella sua più naturale essenza e ci attende per il prossimo anno.

di Antonella Iozzo © Riproduzione riservata
                  (13/11/2012)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1