Masi Agricola new entry in Borsa

image_pdfimage_print

Masi Agricola, debutta in borsa sul mercato AIM Italia. Masi ha chiuso il 2014 con 60 milioni di euro di ricavi e 7 milioni di utile netto.

Redazione

Masi-famiglia_boscaini_cerimonia_quotazionema
Masi-famiglia_boscaini_cerimonia_quotazionema

MILANO – -Debutto in borsa questa mattina sul mercato AIM Italia della società vinicola Masi, società veronese produttrice di vino. Masi ha chiuso il 2014 con 60 milioni di euro di ricavi e 7 milioni di utile netto.  Il prezzo di collocamento è stato fissato in 4,60 euro.

Masi Agricola, società veronese tra i principali produttori italiani di vini. Masi è  l’undicesima matricola dell’Aim e la sua quotazione segue a brevissima distanza quella di Bomi Italia, che ha debutto lo scorso 26 giugno.
L’ammissione e’ avvenuta a seguito di un collocamento istituzionale di 6.436.000 azioni, di cui 4.347.000 rivenienti dall’aumento di capitale, e 2.089.000 poste in vendita da Alcedo Sgr. Il collocamento istituzionale rappresenta la più grande operazione di raccolta di capitali completata su Aim (esclusa la raccolta effettuata dalle Spac) e Masi è la terza società Elite a debuttare su tale segmento di mercato dopo Tech Value e Bomi. La domanda complessiva è’ stata pari a 1,3 volte il quantitativo offerto.

Il commento del Presidente Sandro Boscaini:

“Oggi Masi entra in Borsa e condivido con famigliari, azionisti e collaboratori un’emozione che è ancora più forte perché vissuta da gente, come siamo noi, abituata al mondo della terra, al contatto con la natura, al servizio del vino, un prodotto che più di ogni altro porta i segni della cultura del territorio. Tutti i valori che Masi intende mantenere inalterati, rimanendo in quella ristretta cerchia di grandi brand del vino italiano. Da ora però Masi sarà agevolata nel dotarsi di ulteriori vigneti, attrezzature e professionalità, al fine di crescere continuando a produrre eccellenze e distribuirle nel mondo, portando al consumatore il messaggio della cultura e della natura delle Venezie.”

 

 Redazione
(30/06/2015)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1