Asta solidale da chef con Giancarlo Perbellini

image_pdfimage_print

Asta solidale da chef con Giancarlo Perbellini. Da Casa Perbellini a casa vostra: Giancarlo Perbellini chef a domicilio per vincere la malnutrizione in Burkina Faso. L’8 marzo sul portale CharityStars apre l’asta benefica per aggiudicarsi una cena gourmet firmata dal cuoco due stelle Michelin, contribuendo al sostegno del progetto “Mamma” promosso dall’Ong ProgettoMondo Mlal.

Redazione 

Asta solidale da chef con Giancarlo Perbellini. Metti uno chef stellato ai fornelli e una cena gourmet servita tra le pareti di casa tua. Dall’8 al 22 marzo, in occasione della festa della donna, sul portale www.charitystars.com apre l’asta solidale con in palio un’esperienza di gusto davvero irripetibile: una cena a domicilio firmata dallo chef due stelle Michelin Giancarlo Perbellini che ha scelto di aderire all’iniziativa charity in qualità di testimonial dell’Ong veronese ProgettoMondo Mlal.

Il ricavato contribuirà infatti al sostegno del programma di cooperazione allo sviluppo “Mamma”: avviato in Burkina Faso nel 2009, punta a garantire il diritto al cibo e un’alimentazione adeguata a donne e bambini, influendo sulle principali cause di mortalità infantile e di malattie legate alla denutrizione e alla malnutrizione acuta, che affligge il 40% dei bambini da 0 a 2 anni e implica un grave ritardo di crescita.

L’asta è rivolta ai residenti delle città di Verona, Rovigo, Trento, Milano e Venezia.  Si parte da una base di un euro a persona per una cena rivolta a un massimo di sei. Per la preparazione del menù, Perbellini si servirà della cucina di casa ricorrendo agli ingredienti presenti nella dispensa del vincitore, con una sorpresa speciale riservata a lui e ai suoi ospiti: la preparazione di alcuni piatti realizzati con gli ingredienti scelti e portati personalmente dallo chef che cucinerà assieme al suo fedelissimo sous-chef Giacomo Sacchetto. 

In cambio della donazione si potrà vivere qualche ora davvero unica e  assistere, in un’atmosfera conviviale, allo spettacolo della preparazione live dei piatti, dialogando vis-à-vis con lo chef di “saperi e sapori” alla scoperta dei segreti dell’alta cucina, trascorrendo una piacevole serata all’insegna di gusto e raffinatezza; tradizione e innovazione; essenzialità e stagionalità: elementi distintivi della filosofia del cuoco artigiano, patron del ristorante pluripremiato “Casa Perbellini” in piazza San Zeno a Verona. 

Chi si aggiudicherà l’asta avrà sei mesi di tempo  per “consumare” la  cena stellata tra le pareti domestiche, contribuendo al sostegno del progetto promosso dalla Ong scaligera che ha da poco festeggiato i cinquant’anni di cooperazione in America Latina e Africa.

Da anni tra gli chef italiani più stimati, anche in campo internazionale, Perbellini propone una cucina concreta nell’esplorazione degli abbinamenti che trova ispirazione nel suo slogan più conosciuto, “il gusto non ha traguardi”. 

Il suo “Casa Perbellini” è  tra i primi quindici migliori ristoranti d’Italia. “Abbiamo sconvolto il modo di proporre la cucina gourmet, cioè abbiamo cercato di togliere il “di più” nel segno della semplicità complessa – ammette lo chef scaligero – puntando al riconoscimento di ciò che si mangia”.

Lo Chef, spesso chiamato anche nelle scuole per laboratori di educazione alimentare promossi da ProgettoMondo Mlal in Italia, ribadisce l’importanza di mangiare sano e senza sprechi: “È fondamentale nella crescita di una persona: i bambini vanno educati molto presto a conoscere e ad ascoltare ciò che mangiano” ricorda  Giancarlo Perbellini. “Ai più piccoli va data da mangiare qualunque cosa, con saggezza e moderazione, per dare loro un ampio ventaglio di gusti che possano restare nella memoria. Così da grandi, continueranno ad apprezzare  la cucina buona e anche  equilibrata”.

Perbellini collabora da anni al programma “Mamma”, aiutando non solo i piccoli burkinabé ma anche le loro mamme, che, grazie all’impegno dell’Ong veronese, vengono formate su come selezionare e cucinare gli alimenti del loro territorio.

 Redazione
(07/03/2017)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1