BWW premia Matthieu Taunay Winemaker Cantina Monteverro

image_pdfimage_print

BWW Best Wine of the World competition premia la Cantina Monteverro, Matthieu Taunay riceve il Best Winemaker of the World. All’enologo della tenuta di Capalbio il premio 2017 assegnato attraverso una votazione online sul portale Tastingbook.com Il Monteverro 2012 è stato il vino più votato aggiudicandosi il Best Italian Wine e allo Chardonnay 2012 è il Best Italian White Wine.

Redazione

Un premio prestigioso che è un riconoscimento alla cantina stessa:  il BWW Best Wine of the World competition– è una competizione vinicola tra le più sfidanti del panorama enoico. E’ organizzata attraverso il portale Tastingbook.com. Dove più di 22.500 vini hanno ricevuto oltre un milione e 300 mila voti da più di 600 mila professionisti del settore e wine lovers, provenienti da 105 paesi, in 3 mesi di votazioni. I 180 vini più votati in 6 differenti categorie sono entrati nelle fasi finali e degustati “alla cieca” in 3 diversi momenti da oltre 7000 giudici, giornalisti enologici, Wine Blogger e Wine Maker.

Oltre al concorso tra i vini – che ha visto primeggiare il Monteverro 2012 come Best Italian Wine e lo Chardonnay 2012 come Best Italian White Wine  la competizione ha riguardato anche gli enologi. Ed è stato proprio Matthieu Taunay ad avere la meglio, aggiudicandosi il premio BEST WINEMAKER OF THE WORLD.

I vini Monteverro sono entrati nella rosa dei finalisti in diverse categorie a dimostrazione dell’ottimo lavoro fatto in cantina. I giudici hanno quindi preso in considerazione chi aveva presentato più vini di alta qualità e hanno degustato alla cieca i vini finalisti (una giuria composta da altri enologi, Master of wine e professionisti del mondo del vino), decretando come vincitore l’enologo i cui vini avevano ricevuto globalmente voti più alti. Da qui l’ambito premio a Matthieu Taunay!
Nato e cresciuto nella valle della Loira, Taunay ha studiato viticultura ed enologia in Borgogna e in Champagne. Seguendo la sua passione per il vino, ha viaggiato in numerosi paesi produttori per vivere diverse esperienze nel mondo dell’enologia. Dopo aver lavorato in alcune delle cantine più prestigiose in Napa Valley, Sudafrica, Chateauneuf du Pape, Nuova Zelanda e Cile, ha deciso di insediarsi nella splendida Toscana e di sfruttare al massimo la sua passione e conoscenza a Monteverro dove ricopre il ruolo di enologo fin dalla “creazione” della Cantina capalbiese nel 2003.

Per maggiori informazioni visitare il sito http://www.monteverro.com

 

Redazione
(26/02/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1