Grand Hotel Villa Serbelloni, l’anima del tempo

image_pdfimage_print

Grand Hotel Villa Serbelloni, l’anima del tempo. Suggestiva, regale, esclusiva. Una dimora di classe che accoglie i suoi ospiti, lontano da occhi indiscreti, tra linee neoclassiche e sontuosi arredi nell’armonia di un perfetto equilibrio.

di Antonella Iozzo

Grand-Hotel-Villa-Serbelloni-BellagioBellagio (CO) – Grand Hotel Villa Serbelloni, un lusso oltre i secoli che indossa la bellezza autentica dell’arte per raccontare una classicità pervasa di freschezza moderna, tradizione e calore familiare, quella della Famiglia Bucher, attuale proprietaria della struttura.

Nata intorno al 1850 come lussuosa villa di vacanze in riva al Lago di Como,  per una nobile famiglia milanese, nel 1872 viene ceduta per divenire, poco più di un anno dopo, il nucleo centrale del Grand Hotel Villa Serbelloni.

Raffinato ed elegante il Grand Hotel Villa Serbelloni splende di luce propria e incanta gli ospiti aprendogli le porte di un mondo, dove arte, design, buon gusto e ospitalità danno vita ad un dialogo virtuoso all’insegna dell’estetica e del savoir-faire. Uno stile colto, ricercato e cosmopolita interpreta l’unicità divenendo il segno distintivo di un luogo che lentamente si lascia respirare entrando sottopelle con un’allure d’epoca gravida di sensazioni. È come se un’alchimia estetico-sensoriale danzasse intorno a noi librandosi in nastri di luci dagli affreschi e dai dipinti delle pareti e delle volte. Un valzer che crea magnifiche coreografie e seduce l’iride, un tripudio di colori, festoni, riquadri in oro che rendono la lobby meraviglia evocativa capace di rendere più affascinanti forme e texture. Quasi un vero e proprio coup de theatre declinato nell’incanto senza limiti.

Grand-Hotel-Villa-Serbelloni-Bellagio-hall2Morbide poltrone formano preziosi corner relax dove fra motivi floreali, putti e tinte pastello, le gradazioni impalpabili di un lusso che predilige il soft touch di grandi artisti nella decorazione e nell’architettura, ridefiniscono il nostro mood. Intanto di fronte a noi la luce cristallina del cielo si distende sul Lago di Como rilasciando un’impressione fuggevole di vita silente.

Un’oasi tersa tra le acque del lago, il verde delle montagne e quel vibrante soffio di natura che spira da una florida vegetazione, è il giardino all’italiana del Grand Hotel Villa Serbelloni. Un luogo dove pace e quiete musicale con-vibrano di serenità inducendoci a scoprire noi stessi. Abbandono sensoriale che inizia con una sinfonia acquatica tra la piscina, giochi di trasparenze e sfumature del cielo, un inno alla gioia o meglio il preludio ad una passeggiata nel meraviglioso giardino della Villa, che costeggia il lago, solo così possiamo scoprire il fascino della natura, dipingere scorci meditativi e rilassanti, bucolici e insieme audacemente fashion.

Grand Hotel Villa Serbelloni tributo al suo stile unico
La nostra totale ammirazione per lo splendore del Grand Hotel Villa Serbelloni sembra voler rendere un tributo al suo stile unico che trasuda dagli antichi tappeti persiani, dal cristallo dei lampadari di Murano, dai mobili in stile Impero, Neoclassico e Liberty. Fascinazione senza tempo che amplifica la percezione cambiando volto agli spazi. Arredi d’antiquariato infondono carattere, mentre le colonne in stucco oltre a fare da cornice infondono un sofisticato appeal all’architettura neoclassica. Il coinvolgimento raggiunge il suo apice davanti agli scaloni marmorei e agli splendidi trompe d’oeil.

Magnificenza resa gentile dal calore della Famiglia Bucher e dallo staff, professionale e propenso al sorriso. Eccellenze che sembrano ispirare trionfi di stile e di un comfort a cinque stelle. Armonia che arreda attraverso l’incipit di un lusso discreto, sussurrato, interpretato da materiali rari, dettagli curatissimi e solida expertise. Ogni salone è magnificat evocazione, visione sublime, art decor che porta al primo piano dove troviamo il salone reale e tra le preziose camere la suite presidenziale. Tutto è celebrazione del bello che diventa espressione elettiva di una decorazione che pulsa di vissuto e del gusto dei proprietari. Ecco allora che il momento della colazione servita nel Salone Reale, diviene living into the dream.

Grand-Hotel-Villa-Serbelloni-Bellagio-scaloneUna condizione atemporale che allo spirito del luogo affianca le cadenze dell’anima di ciascun ospite. Una trama emozionale avvincente in grado di scivolare dalla raffinatezza dei decori inondati di luminosità, grazie alle ampie vetrate, alle bontà che allestiscono il buffet. Ispirazioni diverse e lontane con un comune denominatore, l’arte del buon gusto in ogni senso, per tutti i sensi.

95 camere dalla misurata opulenza sono scrigni di comfort e calore, estetica e funzionalità in chiave deluxe e in perfetto equilibrio. Sono ambienti dove ci si sente a proprio agio, felicemente rilassati. Il senso dello spazio, gioca con gli specchi d’epoca lasciando che si percepisca una sensazione di luce e ariosità. Fil rouge che scaturisce dalla magnifica vista sul lago. Ecco allora che il paesaggio, come profondi portali d’accesso alla fantasia e all’immaginazione rilascia con nonchalance, quella magia unica che fluttua sui nostri pensieri in sintonia con il puro piacere del nostro essere.

Tappezzeria d’epoca e tessuti pregiati dallo straordinario fascino intessono una relazione con elementi decisamente più contemporanei soprattutto nelle stanze da bagno, è qui che la preziosità del marmo, il design e l’arte arredano con accenti glam e chic nei toni del rosso. Impact fatale con il lato moderno della raffinatezza che fluisce morbidamente in fusion di stile di lifestyle.

Grand Hotel Villa Serbelloni un luogo vivo e pregno di storia
Grand-Hotel-Villa-Serbelloni-Bellagio-hallOut dall’ovvietà quotidiana, dai ritmi frenetici, il paradiso si rivela e il Grand Hotel Villa Serbelloni si lascia vivere in ogni sua fibra. È un luogo vivo e pregno di storia, di vissuto, un romanzo in un sol gesto, la bellezza e l’anima del tempo attraverso le persone che l’hanno interpretato e consegnato ai posteri.

Sembra essere proprio questo il lirico accodo che giunge fino a noi sorseggiando un delizioso drink a bordo piscina o in terrazza. Ma se il Bar è una location fresca e vivace, easy e solare, i due ristoranti, il Mistral e La Goletta sono gli approdi del gusto a cinque stelle.

Il Ristorante Mistral è l’angolo gourmet dello chef stellato Ettore Bocchia. Tradizione, essenza mediterranea, materia prima d’indiscussa qualità. Punti cardini che sfociano nella ricerca per esaltare al massimo il prodotto senza mai snaturalo, è cucina molecolare.

Itinerario nella tipicità, un viaggio gastronomico tra le varie regioni italiane sotto il segno dei migliori prodotti è quanto ci propone il Ristorante La Goletta, in stile marinaro. Il suo design, infatti, ricorda l’interno di un veliero, informale ma curato nei più piccoli dettagli e ideale per salpare alla scoperta del gusto italiano nella sua migliore espressività.

Grand-Hotel-Villa-Serbelloni-Bellagio-giardino-lagoIl respiro della bellezza diventa timeless sensations alla Beauty Farm del Grand Hotel Villa Serbelloni, un luogo intimo e discreto carico di charme per gesti in grado di rivelare la professionalità di un team esperto e pronto ad esaudire i desideri beauty dell’ospite.

Programmi personalizzati che riequilibrano corpo e mente in un percorso che culmina verso una rigenerante vitalità. Dai programmi benessere al centro fitness una sola parola chiave benessere per essere in empatia con noi stessi e rinascere essence beauty.

Grand Hotel Villa Serbelloni, Elogio di bellezza e discrezione che richiama da sempre regnanti, come i Sovrani di Spagna, di Romania, di Albania, personalità della politica internazionale tra cui Sir Winston Churchill, Roosevelt, i Rothschild, J. F. Kennedy, e star del cinema e dello spettacolo del calibro di Clarck Gable, Robert Mitchum, Al Pacino.
Un gioiello prezioso come un museo che si evolve in un’inedita armonia di arte, lusso e ospitalità.

Grand Hotel Villa Serbelloni
Via Roma, 1
22021 Bellagio, Lake Como  –  Italy
http://www.villaserbelloni.com/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (02/11/2016)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1