Stoccolma, life, relations, culture, design, nature. Sublime harmony

image_pdfimage_print

Stoccolma l’essenza del vivere in armonia come quintessenza del mood nordico, tra joie de vivre e autentica passione. Dove le diverse prospettive s’incontrano e la mente si apre nascono idee in equilibrio.

di Antonella Iozzo

Stoccolma – Confidential, viaggio nella fascinazione di Stoccolma. Pericolosa seduzione che entra nel cuore con lo stile, il design, la natura, i raffinati palazzi antichi, e la magia dell’acqua con i suoi fiordi e canali che creano una meravigliosa visione di quiete musicale nel momento delle sue forme.

Ma c’è una caratteristica che rende ancora più suggestiva la sua disarmante bellezza, la luce. Non serve cogliere l’attimo, perché il giorno nei mesi estivi si dilata nella luminosità imperante della suo essere. Sembra non finire mai, il cielo e l’acqua riverberano nel suo limpido splendore, solcato a volta solo da qualche nuvola, ma luce torna sempre protagonista. Leggera e trasparente è come se rendesse l’aria filtro delle emozioni. Solo magia? No, tutto ciò è dovuto alla sua posizione geografica, a oltre 59 gradi di latitudine Nord, ecco perché nei mesi estivi il giorno arriva a durare oltre 18 ore, mentre, in prossimità del solstizio d’inverno, si riduce a circa sei.

Tutte le sfumature e i ritmi della luce e dell’acqua disegnano la sua unicità, infatti si distende su 14 isole, forme distinte di un unico dipinto dalla musicalità infinita. Il modo migliore per scoprirla e di salire a bordo di uno dei numerosi battelli turistici che l’attraversano fino a esplorare il meraviglioso arcipelago di isole e isolotti che si estende davanti alla città. Stoccolma è bagnata da un lato dal Mar Baltico, dall’altra dal Lago Mälaren: ma non c’è soluzione di continuità tanto che si passa dall’uno all’altro attraversando in battello una semplice chiusa.

Vista da questa prospettiva Stoccolma rivela tutto il suo fascino nelle forme raffinate ed essenziali del suo design. Mai come in questo caso lo stile e il lifestyle s’integrano vicendevolmente rilasciando il carattere autentico svedese nel valore del tempo. Si, perché il tempo in Svezia è il fattore fondamentale che ci permette di entrare in sintonia con gli altri. Dedicarsi del tempo, lasciare che il ritmo sospende il suo corso si traduce nella Swedish fika. Nel concept di Fika risiede una parte importante della cultura svedese, la condivisione, il socializzare, il relazionarsi. Trovare il tempo per condividere, con amici e colleghi, una tazza di caffè o tè accompagnata da un dolce o dal tipico fika bread, è un rito. Fare una pausa rafforza il cervello e le relazioni, tanto da essere istituzionalizzata dalle aziende più importanti che hanno riscontrato di avere squadre migliori e più produttive. Durante la fika non è molto importante ciò che si mangia, il cibo è secondario alla compagnia, alla socializzazione l’importante è che sia fresco e ben presentato.

Le forme della cultura e le forme della città si edificano in coesione sociale che coltiva il futuro nella consapevolezza del vivere bene il presente. Semplici regole lungo le rotte della linearità architettonica.

Rigore geometrico, pulizia formale, semplicità si traducono in design funzionalista, tratto distintivo di Stoccolma e della Svezia. Edifici pubblici e privati dove la spazialità, lineare ed elegante, indossa ampie vetrate perché la luce possa pacificamente invadere l’ambiente, sono perfettamente integrati con il paesaggio circostante. Natura e architettura si fondono in una sintesi armonica che traduce la grande attenzione per l’ambiente. Il battello è la soluzione ideale per assaporare appieno il piacere di scoprire Stoccolma.

 

È una visione privilegiata che ci conduce sulle soglie del loro carattere, ecco allora che le linee pulite del design, se a prima vista possono sembrare fredde e senz’anima d’un tratto rivelano la profondità di un legame intenso con la natura, il rispetto per l’altro, l’importanza della condivisone dei luoghi comuni. Tutto è ordine, tutto è luminosità dell’anima che si accende di passione e senso delle regole. La splendida vista è accompagnata dal racconto di una guida multilingue che descrive quello che si sta ammirando e i fatti più salienti della storia e della civiltà svedese, un continuum emozionale così intenso che coinvolge cuore e mente.

Tutte le anime di Stoccolma implodono in bellezza nella natura mozzafiato che la circonda con i suoi immensi parchi e boschi e il suo arcipelago di 24.000 isole. Per gli abitanti di Stoccolma è molto importante lo sport e la vita all’aria aperta indipendentemente dalle condizioni meteorologiche, e d’inverno si dedicano assiduamente allo sci e al pattinaggio su ghiaccio, mentre d’estate si rilassano prendendo il sole, facendo il bagno e praticando la pesca.

Sinfonia che si prolunga sul movimento dell’acqua
Il modo migliore per visitare la città è con lo Stockholm Pass, una card che include l’ingresso a più di 60 attrazioni, monumenti e musei principali della città, oltre a un’ampia selezione di tour in battello e in autobus come lo Hop on Hop Off Bus, una soluzione ideale.

Scesi dal battello Stoccolma dream continua per le vie della città vecchia, Gamla Stan sull’isolotto di Stadsholmen. Una passeggiata tra le stradine medievali è sempre incorniciata da edifici perfettamente conservati, le chiese gotiche, le caffetterie, ristoranti e i negozi di oggettistica e di design svedese. Poi, basta svoltare l’angolo e sulla collina di Slottsbacken, il Palazzo Reale trionfa, lo spazio improvvisamente diventa sinfonia che si prolunga sul movimento dell’acqua dinanzi a noi, così vicina che quasi la si può toccare.

Appena fuori dalla Gamla Stan si sviluppa la “City”, è la Stoccolma vibrante e pulsante, il cuore economico e commerciale, è convivialità e joie de vivre che si spiega in svettanti soluzione dello stare insieme e dello shopping tra location attraenti e coinvolgenti. Dall’armonico Giardino del Re al Kulinga Operan (l’Opera Reale Svedese), progettato da Axel Johan Anderberg, inaugurato nel 1899 da Re Oscar II, fino al Teatro Reale Drammatico, Kungliga Dramatiska Teatern o, più comunemente, Dramaten sul lungomare di Stoccolma a Nybroplan.

Luogo fondamentale per la formazione artistica di decine di interpreti svedesi, come Ingmar Bergman e Greta Garbo. Il teatro nacque alla fine del Settecento quando Re Gustavo III lo istituì, separandolo dal teatro d’opera. Divi del cinema senza tempo e nuove star come Noomi Rapace, protagonista cinematografica della trilogia “Millennium” tratta dai romanzi di un altro celebre abitante di Stoccolma, Stieg Larsson. Il cinema e sempre stata un’arte molto presente a Stoccolma, la storia cinematografica svedese, infatti, inizia nel 1919 quando Svensk Filmindustri, il primo produttore svedese dell’epoca, fonda Filmstaden, La Città del Cinema, a Råsunda, un sobborgo di Stoccolma, divenendo sin da subito come una delle industrie cinematografiche più all’avanguardia. Anche uno dei film di Pippi Calzelunghe, tratto dai romanzi di Astrid Lindgren, è stato girato in questi stabilimenti.

Ma in centro non possiamo perdere gli iconici shopping mall, lo storico Nordiska Kompaniet e il moderno Mood Stockholm. Nordiska Kompaniet, conosciuto più semplicemente come NK, è stato aperto a Stoccolma da Josef Sachs, il cui sogno era creare un edificio dall’architettura accattivante in linea con le altre capitali europee, ed il 21 settembre del 1915 apre le sue porte al centro di Stoccolma.

 

Disegnato dal maestro svedese di Art Nouveau, Ferdinand Boberg, è un lirico rimando alla fascinazione geometrica nelle sua traslazione in art déco. Nel 1954 è stata installata un’iconica insegna composta di un tubo di neon circolari di sette metri di diametro che riproduce su un lato il logo NK, e sull’altro un orologio. Boberg si è ispirato ai grandi magazzini degli Stati Uniti fatti con struttura interna in acciaio e facciata in granito. Linearità senza compromessi che immancabilmente diviene eleganza estrema. Visitarlo è più che fare shopping è un viaggio nella sua discrezione garbata, impalabile è come passeggiare nell’impalpabile nitore delle sue forme.

Mood Stockholm, invece, è il nuovo volto del moderno. Aperto nel 2012 sulla Regeringsgatan, nel blocco che collega i distretti commerciali Hamngatan e Bibliotekstan, è un trionfo di natura e contemporaneità, un concept evolutivo che guarda al paesaggio e ne traduce l’allure in un ritmo attraente ed evocativo sempre a misura d’uomo. Volge particolare attenzione alla moda e al design con boutique di nicchia come Rodebjer e Posh Living, insieme a famosi marchi internazionali di recente costituzione in Svezia, e durante la pausa shopping, si possono gustare deliziosi creazioni culinarie ai tanti ristoranti presenti, tutti curatissimi.

Prossima fermata del Hop on Hop Off Bus è il Municipio di Stoccolma, in stile romanico svedese dominato dalla sua guglia, alta 106 metri, da Tre Corone dorate, simbolo del potere della Svezia. Otto milioni di mattoni compongono il Municipio con al suo interno il meraviglioso Gyllene Salen, il Salone Dorato, 18 milioni di tessere d’oro, tessono favolosi mosaici che lo rendono sublime visione Nella sala consiliare si svolgono le riunioni della giunta comunale di Stoccolma e sempre qui si tiene il grandioso ricevimento dei Premi Nobel.

Davanti al Municipio è possibile imbarcarsi per il complesso del Castello di Drottningholm, con il Teatro Drottningholm, il Padiglione Cinese e il meraviglioso Parco. Attraversare il Lago Mälaren è come ascoltare la quiete musicale del luogo, la sua l’estetica essenziale, in punta del piede. Un’immersione nella stravolgente bellezza di una natura rigogliosa e incantevole, un ‘oasi di paesaggismo che guarda all’uomo e ne accoglie il suo respiro, come una poesia senza parole. Poi, improvvisamente, dinanzi a noi, il Castello di Drottningholm, risalente al XVII secolo, e dal 1981, è dimora permanente della famiglia Reale che occupa l’ala sud dell’edificio. Nel 1991 Drottningholm è stato proclamato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, un riconoscimento dovuto non solo alla bellezza del Castello, ma anche al Teatro settecentesco e agli splendidi giardini in stile barocco.

Emozioni tenere ed intense, fitte e stravolgenti, dal soft touch romantico
Tra i musei assolutamente da non perdere il Moderna Museet, il Museo d’Arte Moderna con una delle più belle e importanti collezioni artistiche dal Novecento fino ai nostri giorni. Si trova sull’isoletta di Skeppsholmen tra Gamla Stan e l’isola di Djurgården, ed è collegata alla terraferma da un ponte, naturalmente, per capirne il fascino bisogna percorrerlo a piedi.

Contemporary soul per Fotografiska è uno dei più importanti musei al mondo per la fotografia contemporanea, con uno dei migliori punti panoramici di Stoccolma.

A bordo dell’Hop on Hop Off Bus proseguiamo lungo Strandvägen, un viale di 1200 metri, delineato da edifici storici molto suggestivi ed eleganti che ricordano lo stile viennese e francese, in un mix architettonico che evoca Costantinopoli con l’andatura a cupola dei tetti, come la Bünsow House ai numeri 29-33 o il Von Rosen Palace al numero 55. La costruzione del corso è stata completata e inaugurata nel 1897, in tempo per la Arts and Craft Exhibition. Al di là della strada alberata, il mare e le barche ormeggiate, un luogo dalla fascinazione unica, perfetto per una passeggiata, per un caffè, per una romantica pausa persi nello splendore delle acque. Dal viale da cartolina all’isola di Djurgården attraverso il ponte Djurgårdsbron, un tempo riserva di caccia del re, è il parco nazionale urbano per eccellenza. Qui si trovano il Museo Vasa e il museo all’aperto Skansen. Nella parte settentrionale dell’isola e precisamente nel parco Ladugårdsgärdet, si trova uno dei punti di riferimento di Stoccolma, la Torre di Kaknäs, torre della televisione alta 160 metri.

Simbolico e unico nel suo genere al Museo Vasa, è possibile ammirare l’unica nave del 1600 ancora esistente l’Ammiraglia Vasa, appunto, che nel corso del suo primo viaggio inaugurale, ne1628, affondò davanti alle coste di Stoccolma e fu recuperata solo nel 1961, dopo ben 333 anni. Da qui il passo successivo è Skansen, il museo all’aperto più antico del mondo e lo zoo di Stoccolma. È un viaggio a ritroso nel tempo, tra i palazzi storici della Svezia in miniatura, ricostruiti con gli elementi e i pezzi di cortili provenienti da ogni parte della Svezia.

 

Ci si sente un po’ esploratori, un po’ alice nl paese delle meraviglie, la collina ruota intorno noi e ad ogni passo si scopre un tesoro dei secoli scorsi come i caratteristici mulini a vento, la piazza del mercato di Bollnästorget, chiesa settecentesca in legno di Seglora, i laboratori di soffiatura del vetro, botteghe dove si lavorano i metalli, le caratteristiche panetterie. Decisamente coinvolgente lo zoo che ospita, fra l’altro un Aquarium, una casa delle scimmie, simpatiche foche, animali da cortile, i bisonti europei. Sono aree protette in un percorso che ci consente di vivere a contatto con la natura e carpire il fascino di animali come i lupi, fino all’Orso bruno, che richiama l’attenzione, sembra desiderare continue coccole e con la sua andatura calma e pacioccona rimanda ai morbidi orsetti di peluche. Vederlo giocare in acqua incurante dei nostri sguardi è puro spettacolo.

 

Da qui la vista sulla città di Stoccolma è sublime splendore tra incanto e visione. Seduti su una panchina nuovi orizzonti conquistano all’istante ed è come se inediti percorsi dell’inconscio si distendessero nel dolce sciabordio delle acque. Emozioni tenere ed intense, fitte e stravolgenti, dal soft touch romantico, un intreccio di evocazione e realtà ad un passo dal sogno.

Stoccolma una città aperta alle idee, che ridefinisce i canoni preconfezionati e riaccende gli orizzonti anche a tavola con specialità gastronomiche tipiche svedesi e piatti internazionali. Sapori antichi e fragranze moderne si fondono in un mix gastronomico e culturale. Naturalmente sul podio i piatti a base di pesce, soprattutto, salmone e aringhe e frutti di mare, selvaggina e verdure, provenienti direttamente dalle terre svedesi. Un must sono le tipiche polpette svedesi accompagnate dalla marmellata di mirtilli neri, rossi o lamponi artici. Le location sono tante ma se si scelgono le meravigliose terrazze che danno sul lago, si raggiunge la quintessenza del piacere sensoriale.

La vitalità di Stoccolma è travolgente e accende la notte, sono numerosi i locali che dal tardo pomeriggio richiamano a ritmo di musica: dal jazz al rock, dal pop fino all’hard core. Non bisogna dimenticare, infatti, che uno dei gruppi storici della musica gli ABBA, ha radici svedesi, e Stoccolma ha dedicato loro un museo, l’ABBA Museo con una mostra permanente di cimeli ABBA come abiti da palco, strumenti, dischi d’oro, premi. Storia e innovazione qui s’intrecciano e il museo diventa interattivo invitandoci a cantare, ballare, mixare musica, e provare abiti da palco virtuali. È possibile anche registrare la propria esibizione e scaricarla dalla homepage del museo. Musica non solo al museo ma nel cuore della città con la maggior parte dei locali siti nei pressi di Stureplan, a Kungsgatan e Birger Jarlsgatan, e nella zona presso il parco Kungsträdgården.

 

Dove le diverse prospettive s’incontrano e la mente si apre nascono idee in equilibrio. Stoccolma l’essenza del vivere in armonia come quintessenza del mood nordico, tra joie de vivre e autentica passione.

Focus On
Dall’aeroporto internazionale di Arlanda il centro è facilmente raggiungibile in 20 minuti tramite l’Arlanda Express. Primo impatto con il design e la funzionalità svedese, comfort, efficienza, pulizia ed estetica. Perfetto biglietto da visita che ci connette con lo spirito di Stoccolma.

Suggestioni che continuano con i favolosi hotels della città tra i quali sconsigliano: Scandic Continental Hotel, Radisson Blu Royal Viking Hotel, Nordic Light Hotel. Tre diverse espressioni unite dall’ospitalità per esperienze sul filo delle emozioni.

Su https://www.visitstockholm.com/it/ è possibile trovare la guida ufficiale di Stoccolma, suggerimenti e tanto altro ancora, mente una volta sul posto una visita al Stockholm Visitor Center per consigli e approfondimenti renderà il soggiorno a Stoccolma indimenticabile.

Stockholm Visitor Center
Sergels Torg 5 – Stockholm
Phone: +46 (0)8-508 285 08 (Stockholm Visitor Center)
+46 (0)8-508 28 500 (Operator)
https://www.visitstockholm.com/it/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (02/07/2019)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1