Bond 45 NY, true taste, true emotions and the Broadway stars

image_pdfimage_print

Bond 45 New York Italian Kitchen & Bar. Ideale per un aperitivo prima dello show, superlativo per feste di cast, da “Hamilton” a “Dear Evan Hansen” e “Kinky Boots”, perfetto per cene dopo teatro. La passione del ristoratore Shelly Fireman per il teatro traspare dall’atmosfera e dalla scelta del  famoso designer David Korins.

di Antonella Iozzo

New York – Times Square, travolgente, entusiasmante, stupefacente. Identità iconica che ammalia, impossibile resistere al suo richiamo, sorridere per uno scatto simbolico, viverla per sentire sulla propria pelle come la realtà si confonde con la fantasia e viceversa, mentre la pubblicità diventa l’anima del contemporaneo con i suoi mega cartelloni luminosi e carici di effetti 3D. Times Square, Broadway ed i musical un turbinio di show e di teatri che regalano al sogno la potenzialità di avverarsi.   Ed è proprio qui tra la miriadi di locali e ristoranti che troviamo Bond 45, un New York Italian Kitchen & Bar, originariamente situato sulla 45a st. nell’ex storico Bond Clothing Store (1948-1977), è ora sito sulla 46a st.
Ciò che a priva vista colpisce è la luminosissima ed immensa insegna, un vero e proprio cartellone pubblicitario stile Times Square. Per carpine il fascino entrando nella storia stratificata in pulsazione iridescenti e marketing di Times Square, bisogna fare un passo indietro.

Il Bond Clothing Store apre le sue porte a Cleveland nel 1914 come rivenditore di abiti da uomo economici, divenendo rapidamente uno dei maggiori rivenditori degli Stati Uniti. Nel 1940, trasferisce la sua sede sulla Fith Avenue di New York e apre un grosso punto vendita a Times Square, nell’ex sito dell’International Casino che ancora manteneva l’insegna che pubblicizzava la Spearmint Gum di Wrigley, caratterizzata da alcuni pesci che nuotando facevano esplodere le bolle. Sotto appariva il logo di Bond Clothes: un orologio nel mezzo della “O” di Bond. Segno iconico che ha caratterizzato una parte di Times Square superando perfino gli anni della seconda guerra mondiale. È stato smantellato nel 1948, per essere subito ripreso da Douglas Leigh, ideatore delle insegne più spettacolari e memorabili di Time Square.  Leigh creò uno dei suoi capolavori, una cascata di dimensioni imponenti con intorno due figure in stile classico svestite di giorno e vestite di notte. In cima un orologio che affermava che “ogni ora, 3.490 persone comprano da …Bond”, sotto un ticker delle notizie, e in fondo il famoso quadrante dell’orologio “O”.

Nell’ottobre del 1954, Leigh propose a Bond di far utilizzare la sua insegna ad altre società. Bond fiutò l’affare, e la Pepsi Cola entra in scena sostituendo le due figure umane con bottiglie di Pepsi Cola e l’orologio venne trasformato in un enorme tappo con il logo Pepsi. Fino alla fine degli anni ‘50 divenne un punto di riferimento a Times Square. Ma i tempi si evolvono e nel 1975 la Bond Clothes Company iniziò il suo declino e nel 1977 la “cattedrale dei vestiti” come era soprannominata l’outlet di Times Square chiuse definitivamente.

Successivamente lo storico edificio divenne la location ideale per il Bond 45 Italian Kitchen & Bar che in soluzione di continuità con la storia del luogo, sfoggia un’appariscente insegna al neon che trae ispirazione dall’originale segno di Bond Clothes, completo di quadrante dell’orologio stile O. Entità che ha portato con se al 221 della 46a st.la sua nuova casa.

Bond 45, essenza Times Square all’esterno, classicità all’interno che si estende su due piani con 270 posti a sedere. Il legno è predominante e gli specchi amplificano l’ambiente creando al contempo angoli intimi con morbide sedute in pelle, quasi come piccoli palchi da teatro. La particolarità del Bond 45 è il variegato e ricco antipasto a buffet che trionfa in una presentazione pantagruelica, trasformando il bar in uno sontuoso banchetto. È il primo colpo d’occhio, una scenografica anticipazione gustativa che accompagna l’ospite fino al tavolo.

Il Bond 45 è il luogo ideale per un aperitivo prima dello show, superlativo per feste di cast, impressionante quella tenuta per il musical “Hamilton” come pure per “Dear Evan Hansen” e “Kinky Boots”, e cene dopo teatro con ospiti entusiasti di vedere entrare in qualsiasi momento gli artisti di Broadway

La passione del ristoratore Shelly Fireman per il teatro traspare dall’atmosfera e dal famoso designer David Korins che dal set di Hamilton “Dear Evan Hansen” e “Bandstand” è passato a quello del Bond 45 per ridisegnargli un look senza tempo. Una passione, quella di Fireman che continua a segnare l’imprintign del Ristorante con la lista vini. Una vera “riproduzione” di Playbill, il notissimo magazine mensile per gli amanti di teatro. E naturalmente alla voce cast, ecco tutto lo staff del Bond 45.

Da colazione a cena lo stile italiano del menu conquista gli ospiti in una convivialità, lo staff è gentile e disponibile e spiegare il menu consigliando i piatti signature come gli “Spaghetti Carbonara” che nella loro originalità preannunciata dalla presentazione raffinata con un uovo in camicia, rilasciano il sapore dato da un’ottima materia prima. Negli antipasti a predominare sono le verdure, gli ortaggi, un coloratissimo giardino esaltato da spezie ben orchestrate che danno nuovo appeal al sapore, è il caso del Cavolfiore cacio e pepe con l’aggiunta pop dell’uovo, del cavolfiore alla milanese, dalle verdure arrosto per giungere fino alla “Burrata Caprese”, morbida e cremosa burrata con dolcissimi pomodori, e il tocco del pesto di broccoletti. Creatività e originalità quanto basta pe rendere l’italianità nel piatto a misura di gusto internazionale.

L’Executive Chef Jawn Chasteen ci regala una cucina ricca di profumi, dove protagonista e l’ottima qualità della materia prima. La vivacità dei sapori trasmette la sincerità di una cucina di sapienza ed esperienza perché è sempre e comunque il piatto a parlare, e la “Combo Plate: Petit Dover Sole & Lobster Tail – roasted vegetables” la deliziosa sogliola e l’ottima consistenza della coda d’aragosta sono un inno alla freschezza, completata dalla croccantezza degli asparagi verdi, dei piselli e delle carote.

Bond 45 non può salutare i suoi ospiti che con sorprendenti dessert come il più classico e tradizionale dolce di New York la “New York Cheesecake – Fresh Strawberries, Valrhona Fudge, hazelnut crunch”. Voluttuose fragole fresche sormontano la cremosità, senza fine della torta, morbida e setosa che si scioglie al palato come una vellutata fudge, poi, il mordente del crunch alle nocciole. Uno spettacolo di pura golosità che strappa appalusi e sorrisi.

Bond 45 una nuova avventura gastronomica sul palcoscenico di Times Square con un cast entusiasmante che continua a regalare ai suoi ospiti emozioni di gusto e sapori Italian Kitchen, interpretati con il sound di Broadway.

Bond 45 New York Italian Kitchen & Bar
221 West 46th St, New York, NY 10036
Phone 212-869-4545
https://www.bond45ny.com/   

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (28/03/2019)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1