Merano Wine Festival 2019 the iconic event on the world of wine

image_pdfimage_print

Merano Wine Festival 2019 the best of the wine by Helmuth Köcher. Un’apoteosi di celebrità enoica che stilla nei calici la loro essenza, il loro carattere, il loro terroir. Vini over the top con il Platinum Award, Gold Award, e Rosso Award.

di Antonella Iozzo

Merano –  Si scrive Merano Wine Festival 2019, si legge the iconic event on the world of wine. Oltre 100 eventi in sei giornate con degustazioni eccellenti, approfondimenti sulle tematiche più attuali come innovazione, sostenibilità , un grande omaggio a Gualtiero Marchesi con la proiezione, al Cinema Ariston, del docufilm “Gualtiero Marchesi – The Great Italian”, il brindisi virtuale ai cinquecento anni dalla scomparsa del più grande genio italiano, Leonardo da Vinci, firmato da 950 tra i più importanti produttori del Belpaese oltre al meglio della produzione italiana con un focus internazionale.

Dal 7 al 12 novembre a Merano è andato in scena il Merano Wine Festival 2019 the best of the wine by Helmuth Köcher. E se tra le degustazioni attraggono l’attenzione, le 16 annate in Magnum di Sassicaia, dalla 1985 alla 2016, entrambe giudicate 100/100 da “The Wine Advocate” di Robert Parker, stupiscono. Si fa notare, naturalmente, anche  Cotarella con in degustazioni i vini di 60 cantine d’Italia e del mondo che segue personalmente.

Merano Wine Festival 2019 sempre al passo con i tempi con i talk dedicati all’innovazione, firmati da H-Farm, sulla digital trasformation nella filiera agroalimentare, sul clima e i vitigni resistenti, sulla comunicazione con la “connected reality” come all’e-commerce ed i finanziamenti “smart” nel settore agroalimentare.

Operare nel presente per creare il futuro coinvolgendo gli under 40 che operano nei vari ambiti legati al mondo del vino. È questo l’obiettivo del “Manifesto dei Giovani del Vino Italiano”, contenente le proposte scaturite dal primo Wine Generation Forum, tenutosi l’11 Ottobre 2019 in occasione della Milano Wine Week, e presentato sabato 9 novembre al Teatro Puccini dai quattro principali fondatori del Manifesto, il presidente della Milano Wine Week Federico Gordini, la responsabile della comunicazione di AGIVI Chiara Giannotti, l’enologo Luca D’Attoma e il vicepresidente di AVIGI, Stefano Ricagno.

Il Manifesto si divide in quattro grandi macro aree d’intervento: politico-normativa, commercio, sostenibilità e comunicazione. Quattro tematiche d’importanza strategica che possono rivoluzionare il mondo del vino con interventi mirati come nel campo normativo, revisionare il sistema delle Denominazioni d’Origine (DO), nell’ottica di ridurre i numeri e rendere più efficenti le denominazioni. Essenziale anche l’aspetto commerciale con l’idea di dare vita a marketplace italiani per dare spazio anche alle piccole imprese vitivinicole. Aspetto che si coniuga perfettamente con la comunicazione attraverso le opportunità concesse dalle nuove tecnologie (social, app, blog, etc) selezionando il giusto mezzo di comunicazione e affidandosi a professionisti specializzati.

Merano Wine Festival 2019, la migliore espressione del vino con “Official Selection”, il percorso di degustazione dei vini premiati dal “The WineHunter Award” nella storica Kurhaus. È un’apoteosi di celebrità enoica che stilla nei calici la loro essenza, il loro carattere, il loro terroir. Sfilano bianchi e rossi incorniciati dalle parole del produttore o da un loro rappresentante mentre il consumatore guida alla mano cerca il vino cult secondo la sua conoscenza e sensibilità.

Dentro il Kurhaaus i vini premiati divengono il trait d’union fra produttore e consumatore, orgoglio e delizia che svetta verso quel riconoscimento della propria dedizione che diventa simbolo di qualità. Fuori dal Kursaal, la festa cambia ritmo e diventa trend, conviviale, assolutamente da vivere nel segno dell’eccellenza con il ricco programma di “The Circle”, tra degustazioni e musica, le iniziative di Signorvino,  Tannico, con degustazioni importanti e verticali dedicati a griffe come Krug, Cristal, Sassicaia, Gaja.

Al Merano Wine Festival 2019, se il vino è cultura le Charity Wine Masterclass, degustazioni verticali pensate dal WineHunter Helmuth Köcher in collaborazione con alcuni produttori ed importatori selezionati, rivelano l’intento del dare, il nobile gesto di pensare a chi è meno fortunato devolvendo il ricavato all’associazione Gruppo Missionario di Merano.

Merano Wine Festival 2019, vini over the top con il Award, Platinum Award, Award, Gold e Award Rosso da tenere d’occhio. Conoscerli? Un obbligo che apre i nostri orizzonti e amplifica la conoscenza e a volte trova piacevoli conferme. Degustarli? Un piacere da riservare nella musicalità infinita di un momento da ricordare.

No, non vogliamo elencarli o soffermarci su quelli che hanno fluttuato nei nostri calici. Superfluo? Banale? Scontato? Forse, ma ciò che desideriamo regalarvi è l’emozione di un viaggio nelle fibre più vere e autentico di ogni singolo vino, quelle che vibrano quando si conosce il produttore e poi si assaggia il loro prezioso nettare.
Ecco perché è necessario esserci al Merano Wine Festival, per carpirne la qualità e desiderare di visitare la Cantina.

Ecco che allora si scoprono persone, gesti, passioni che s’intrecciano al terroir e divengono la miglior etichetta del loro vino. E’ quello che succede se si conosce la Tenuta Hans Rottensteiner e si assaggia il loro Lagrein Grieser Riserva Doc 2016, naturalmente premiato con il Gold Award. Si, abbiamo fatto un nome perché è la sintesi di un evoluzione che nel tempo ha plasmato la dedizione e la conoscenza in una realtà che step by step crea vini di qualità nella consapevolezza che il loro valore coltiva la cultura del vino come tradizione che partorisce il futuro.

E faremo anche un altro nome Elena Walch, per la continuità generazionale che ha saputo cogliere il battito del presente ereditato traghettandolo con nobiltà d’animo e ingegno nella nuova era. Le stesse qualità che Elena Walch, La Lady del savoir-fare nel mondo del vino, ha saputo trasmettere a Karoline e Julia, per un arte del vino che nasce da una naturale inclinazione, logica conseguenza, il Bianco Alto Adige DOC Beyond the Clouds 2017, Award Gold

Il vino e la sua natura, cultura, valore sociale, dinamico economico. Tutto il resto è passione ed emozioni che si librano dai calici.  Grazie, Merano Wine Festival!

meranowinefestival.com

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (14/11/2019)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1