Restaurant Romantik Hotel Turm, charme e taste

image_pdfimage_print

Restaurant Romantik Hotel Turm l’arte come quintessenza del gusto. Nel segno della purezza dello chef Stefan Pramstrahler.

di Antonella Iozzo

Romantik-Hotel-Turm-Esterno-notturnoFiè allo Sciliar (BZ) – Restaurant Romantik Hotel Turm, charme and taste con l’anima. Alto Adige timeless sensations dal cuore antico. Ogni luogo una meraviglia da vivere fino in fondo come Fiè allo Sciliar, quiete musicale ai piedi dell’imponente Sciliar, che incanta e seduce. Ed è proprio qui che la Famiglia Pramstrahler ci accoglie aprendo le porte del Romantik Hotel Turm ed il suo Restaurant.

Storie e pensieri disegnano l’anima del Restaurant Romantik Hotel Turm, arte e passione ne scandiscono il battito, design e contemporaneità ne rilasciano il respiro. È una cadenza del tempo che si distende nella memoria e nelle emozioni. Ma quante sfumature hanno le emozioni? Infinite e se dalla cucina il gesto dello chef e proprietario Stefan Pramstrahler, si eleva in tecnica ed inventiva, il radioso splendore culinario diventa sinfonia per i nostri sensi. L’impercettibile muove il pulviscolo emozionale e l’evocazione diventa visione, arte in tutte le sue sfaccettature. Arte gourmet, arte dell’ospitalità, arte nelle forma di opere pittoriche e scultoree che punteggiano di cultura ogni angolo. Un continuum artistico come fil rouge del buon vivere al Restaurant Romantik Hotel Turm.

Restaurant Romantik Hotel Turm. Luce sul gusto. Le diverse declinazioni della luminosità scolpiscono la sala ristorante e la natura entra in scena attraverso le ampie vetrate che la circondano. Le vette dello Sciliar e le morbide colline a noi più vicine dipingono il profilo di un sogno in divenire, mentre le silenziose sculture, disposte nel giardino esterno, improvvisamente divengono custodi e sentinelle di un istante eterno teso fra gusto e fascino, fra charme e cura per il dettaglio, fra il sorriso del personale e il savoir faire sopra le righe del matre Manuel Röggl.

Restaurant Romantik Hotel Turm. Ambient raffinato, atmosfera calda e accogliente, allure altoatesina, elegante e carica di tradizione modulata in stile e cordialità. Plus di una filosofia che punta all’arte del regalare emozioni uniche ed indimenticabili.

Il candore del bianco, la seduzione del rosso mitigato per i morbidi divani dalle curve avvolgenti che abbracciano l’ospite rapito dalle splendida veduta, il rigore del nero per le poltrone in stile barocco rivisitato. Su ogni cosa il servizio impeccabile e il sorriso Alto Adige.

L’armonia del gusto inizia la sua danza con la verve di una bollicina Rosé – Le Marchesine in perfetto abbinamento con una amuse bouche che prepara le papille gustativa a un viaggio al cuore della semplicità, al vertice della qualità, su tutto l’intima corrispondenza di sensi tra lo chef e la materia prima. Zuppetta calda allo zafferano e pesci pregiati ed è poesia intensa al profumo di mare.

Al Restaurant Romantik Hotel Turm lo Chef Stefan Pramstrahler crea piatti che coinvolgono tutti i sensi in un alchimia di sorprendente delicatezza. È il caso delle “Rosette di Salmerino affumicato con rape, cipolle marinate e riso venere soffiato”, chiarezza gastronomica tesa al massimo livello ed una presentazione curata e giocata sulle proporzioni. Equilibrio, profondità, consistenze diverse giocate sul morbido e croccante che valorizzano la freschezza della materia prima.

Sono sapori che si fanno ascoltare ed è come percepire il gesto dello chef farsi creazione e prima ancora l’idea farsi materia sonora in ogni assaggio della “Bisque d’astice con tartar di gamberi profumata al coriandolo”. Apoteosi di armonia compositiva, dove l’eccellenza del prodotto è vibrante, vitale. La tartar tiepida esalta l’affumicatura poi, si lascia avvolgere dalle vibrazioni vellutate della bisque. Modernità e saggezza divengono alleate e l’eleganza del piatto si eleva in charme del gusto. Nel calice le note seduttive e decise dello Chardonnay Schwarzhaus, Tenuta Strobelhof, mineralità, sentori di frutta bianca, pulizia del palato. Parla la qualità.

La cucina dello chef Stefan Pramstrahler si distingue per una sofisticata e pur semplice armonia dei sapori, consistenze e freschezza. Tensione gustativa e libertà espressiva scoprono il piglio mediterraneo e compongono la “Gallinella alla livornese su polenta alla citronella”, nessun artificio, solo pulizia dei sapori, ogni singolo ingrediente è riconoscibilissimo. Sapidità e acidità si compensano, olive, capperi, pomodoro e poi il mordente con grazia della citronella, il pesce esulta.

Nel calice, questa volta, scopriamo la passione vinicola dello Chef,  con Sauvignon Bubo dal maso Vinicolo Grottner. È un volo planare sul territorio che regala la fragranza di un sauvignon deciso al naso ed estremamente gentile al palato, saten che scivola nella regalità del suo splendore, esattamente come il gufo che lo rappresenta.

Semplicità e leggerezza divengono primo piano e sfondo di una composizione culinaria che rivela the spirit of the chef Stefan Pramstrahler. Menu d’autore per esperienze multisensoriali come memorabili ritratti di cultura del gusto.

Sapori che s’incontrano e rinascono taste of quality “Medaglioni di coda di rospo in mantello di prosciutto crudo su caponata siciliana e schiuma all`anice”, una tavolozza ricca e strutturata che si lascia scoprire nella sua anima semplice, è questione di equilibrio e ricerca ed un pizzico di creatività. Talento che risale le vette del gusto pieno, con il prosciutto, raggiunge la consistenza morbida del pesce, si lascia avvolgere dalle fragranze dell’orto con un’esplosione di sapori intensi per poi affiorare dal gusto unico della schiuma.

Restaurant-Romantik-Hotel-Turm-byluongoRestaurant Romantik Hotel Turm. Nel calice ancora maestria enoica di casa con il Pinot nero Corax, maso vinicolo Grottner, ovvero l’eleganza di una notte stellata che indossa le note di un blues. Corpo morbido e persistenza delicatamente speziata, sentori di sottobosco, di muschio per un rosso rubino dalle sfumature granate che scaldano il cuore e lasciano intuire la bellezza vitale e gioiosa, misteriosa e intrigante che lo contraddistingue. Non è un caso, infatti, se l’etichetta riporta un corvo, simbolo anche del Romantik Hotel Turm, fulgida interpretazione che riassume leggende e tradizione e rinasce istinto vitale sulle ali della libertà. Piacere che incontra piacere nell’ascoltare il matre Manuel Röggl che con viva passione dipinge le nuance di un racconto fatto di storie di famiglia e di ricordi intessuti sul territorio.

Ispirato dall’innovazione, creato per coinvolgere l’ospite, un pre-dessert al centro dello stile: “Fragole fresche con aceto balsamico invecchiato e gelato alla mozzarella di bufala”. La dolcezza diventa setosa e glam in una performance capace di orchestrare aromi e fragranze diverse che esaltano la freschezza e prepara ogni singola papilla gustativa al gran finale “Rabarbaro gratinato al mascarpone con gelato alla crema” morbido e croccante, dolce e intenso, caldo e freddo in una sintesi evolutiva che non tradisce mai l’imprinting della semplicità e della riconoscibilità. Tentazione dolce superlativa con il Passito Gewürztraminer Comtess, St. Michael-Appiano, melodia appagante il desiderio dei sensi.

Restaurant Romantik Hotel Turm l’arte come quintessenza del gusto. Nel segno della purezza dello chef Stefan Pramstrahler.

Romantik Hotel Turm ****S
Piazza Chiesa 9
39050 Fiè allo Sciliar – Alto Adige – IT
T +39 0471 725 014 . F +39 0471 725 474
http://www.hotelturm.it/

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (16/05/2016)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1