Ristorante Mamì, autentica, entusiasmante, vivace cucina italiana

Ristorante Mamì, Hotel Meliá Milano, il presente visto dalla tradizione racconta il domani nel gusto dell’italianità.

di Antonella Iozzo

MilanoRistorante Mamì, autentica, entusiasmante, vivace cucina italiana. Una fantastica storia di sapori e profumi per far viaggiare i nostri sensi portandoli a scoprire tradizioni capaci di raccontare le infinite sfumature della cucina italiana. Una sinfonia che rilascia in chiave moderna la musicalità del suo prezioso vissuto culinario.

Il Ristorante Mamì è l’anima gastronomica del rinnovato Hotel Meliá Milano a pochi passi da CityLife uno dei quartiere più dinamici della city.

Milano icona di design e lifestyle al Ristorante Mamì indossa il contemporaneo e svela le forme cult degli anni 50 e 60. È un inno alla dinamicità calibrata e armoniosa di un concept che sa dialogare con la poesia della natura nel suo rigoglioso quanto carezzevole soft touch. Sono angoli verdi che ridefiniscono i canoni della bellezza fino ad incontrare la danza di un insieme di bonsai che nella loro semplicità formano un albero per un armonia in curva che rilascia serenità e quiete musicale.

Una poetica espressione in perfetta sinergia con la linearità essenziale degli arredi felice combinazione di elementi ed emozioni ben orchestrati da una luminosità imperante grazie alle ampie finestre. Luminosità che diventa intima e raccolta quando piccole lampade da tavole entrano in scena e creano atmosfera.

Il Ristorante Mamì con ingresso, indipendente, è la location ideale per chiunque voglia vivere un’esperienza di cucina italiana autentica nel mordente di una tradizione e evolutiva in sinergia con la textura emotiva di ricordi che profumano di buono.

 

Pulsazioni gastronomiche che riflettono le dinamiche del nostro presente divenendo memoria del domani. Una cucina che sa volgere lo sguardo al suo passato, alla tradizione per amplificare e ampliare le prospettive di una cultura culinaria in costante dialogo con i cambianti che ci attraversano.

Solo così l’arte della cucina italiana può esprimere la sua storia, il suo immenso patrimonio gastronomico diverso in ogni Regione, unico per qualità, originalità e interpretazione. È l’Italia del gusto che trionfa nella contemporanea espressività del Ristorante Mamì e dello chef Pio De Filippo.
Ristorante Mamì
, nel suo nome l’essenza di un’italianità che con- vibra di sentiment e carattere, di sapore di casa e ritratti del tempo. La cucina dello chef Pio De Filippo è tutto questo, è gusto, innovazione, tradizione, storia e presente nell’incontro di profumi e fragranze che deliziano raccontando.

Una favola culinaria che inizia con la “Battuta di Fassona alla Piemontese, maionese all’acciuga, croccante al finocchietto selvatico, fiori di cappero e cipolla in agrodolce” materia prima di assoluta qualità che dialoga con la salinità dell’acciuga e del cappero per poi lasciarsi avvolgere dalla dolcezza della cipolla, tocco “d’artista” la spirale di grissino e tarallucci tipici pugliesi. Una note croccante che completa il piatto.

 

Servizio attento, cordiale con il plus del sorriso segue con dedizione l’ospite senza mai essere invadente, la sua è un’iperbole di ospitalità mai ostentata. Nel calice la Ribolla Gialla, Bastianich, ottima acidità e mineralità e spiccata persistenza. Ideale anche per il “Polpo bicolore arrostito, insalatina di ceci neri, crema di ceci bianchi” ottima consistenza del polpo, perfetta accordo con la cremosità dei ceci. Ogni elemento ha il suo perché è un continuo rilancio di fragranze che conquista le papille gustative.

Tra tecnica e creatività, l’istinto da chef di Pio De Filippo gioca con l’intuizione e la semplicità diventa ambasciatrice di gusto, di una materia prima sapientemente esaltata: “Tomino piemontese e asparagi grigliati” nota dominante la croccantezza degli asparagi e la voluttuosa cremosità del tomino. Contrasti che s’incontrano, sapori che si completano. Presentazioni sempre raffinate e calibrate che trovano nuove forme espressive in un perfetto accordo cromatico.

Le proposte del Ristorante Mamì e dello chef De Filippo si declinano in modo impeccabile tra innovazione e rispetto della miglior tradizione offrendo ai propri ospiti una cucina di alta qualità, elegante, easy, e riconoscibile. È il caso del “Raviolo gigante farcito con Ricotta fresca, Primo Sale e Maggiorana, su salsa di Pomodoro fresco e Basilico”.

 

La manualità, l’esperienza, la passione dello chef Pio De Filippo si fondono in un raviolo artigianale che evoca “casa” vissuto e convivialità. Il ripieno poi è una melodia di sapori che esplodano al palato e lasciano alla loquacità dolce e avvolgente del pomodoro il compito di traghettare l’esperienza del gusto oltre l’emozione. Cuore italiano in un inno alla salsa di pomodoro che diventa identità. Nel calice l’Alto Adige Müller Thurgau, Michei 2018, fresco, dinamico che invita a nuovi sorsi

“Filetti di Sogliola al vapore aromatico, crema di Piselli e Tuorlo d’Uovo fritto” la leggerezza gioca con la purezza dei sapori è sublima ricerca e senso artistico. Il risultato è un piatto che sfoggia un naturale equilibrio, una sinergia che nel conferire il carattere finale rinasce armonia.

Ristorante Mamì, cultura gastronomica che lancia una sguardo verso il nuovo. Una cucina elegante, essenziale, ispirata. Variazione contemporanea che ci conduce al dessert “Cheesecake al Cioccolato bianco glassata al Limone di Amalfi e Biscotto alle Mandorle”, sweet étoile che seduce nel duplice ruolo di fascinazione golosa e sapiente arte pasticcera nell’orchestrare le diverse consistenze e le diverse fragranze.  Enjoy !
Ristorante Mamì, Hotel Meliá Milano, il presente visto dalla tradizione racconta il domani nel gusto dell’italianità.

Ristorante Mamì
Hotel Meliá Milano,
Via Montebianco, 60P01, 20149 Milano
Telefono: 02/444 06 740
https://www.ristorantemami.com/
https://www.melia.com/en/hotels/italy/milan/melia-milano/index.htm

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (02/05/2022)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1