Schiava Classica Per Sé. Carattere innovativo da tradizione

image_pdfimage_print

Schiava Classica Per Sé Elena Walch, personalità autoctona per un classico senza tempo che seduce le vie olfattive introducendo sul finale una scia di cioccolato amaro. Qualità easy e piacevole che ci regala un viaggio sensoriale nel landscape altoatesino di Elena Walch.

di Antonella Iozzo

La passione per la qualità genera emozioni e le emozioni fedeli al tempo traducono le Storie di Famiglia in tradizione evolutiva. Dalla terra al calice il sapore della vita, unico come luogo da dove nasce, inimitabile come il gesto che lo produce.

E se la storia porta con se il senso dell’origine, dell’identità reinterpretata nel rispetto della sua essenza, per l’Azienda Elena Walch la storia si traduce in creazioni dalla voce elegantissima simbolo dell’Alto Adige, stiamo parlando del vitigno autoctono schiava nella versione Elena Walch “Alto Adige Classico Superiore DOC Lago di Caldaro 2017 – Per Sé”.

È l’incipit di una storia in divenire quella di Elena Wach, vini dal carattere autentico, quasi indimenticabili autoritratti del territorio che sanno catturare le nuove tendenze del mercato ed i gusti internazionali. Mineralità declinata in raffinatezza, freschezza in sintonia con la memoria, complessità che conduce alla pulizia formale di un concept come del palato.

Ogni nuova etichetta un sunto di conoscenza ed esperienza che interpreta il proprio passato e il desiderio di traghettarlo nel futuro nelle forme di una bellezza da vivere a piccoli sorsi. Gesti, cuore e ragione per una volta brindano all’unisono al mondo del vino e alle sue prerogative naturalmente con la Schiava, Classico Superiore DOC Lago di Caldaro – Per Sé.

Un vino che si dimostra sempre attuale, che esprime convivialità, joie de vire e capace di sorprendere l’assaggiatore con grande morbidezza e finezza.

Vibrazioni rosso rubino nel calice che danzano nella quiete della risacca per poi implodere nel dramma vivace di una tempesta emozionale. Uno spettacolo visivo, basta ondeggiare il calice e lasciare che la luminosità del giorno scolpisca le movenze liquide della Schiava.

Personalità autoctona per un classico senza tempo che seduce le vie olfattive introducendo sul finale una scia di cioccolato amaro. Ecco allora che se la sintesi perfetta di frutti rossi s’incrociano con garbo rilasciano un perfetto equilibrio fra dolcezza e acidità, il finale avanza con una progressione gustativa calda e appagante. E tutto quello che non ti aspetti da una Schiava, qui diviene evocazione di fragranze in nuvole saten che si trasformano in nastri di luce freschi e vibranti. Non è un caso infatti se alla sua prima vendemmia è stata premiata nella categoria “Schiava Classica” all’edizione 2018 del Trofeo Schiava dell’Alto Adige svoltesi nell’Hotel Vigilius di Lana.

Dalla migliore selezione di uva autoctona schiava un’interpretazione moderna che riesce a coniugare innovazione e trazione, armonia che si avverte ad ogni sorso. La qualità easy e piacevole di “Per sé” disegna la freschezza di momenti da condividere regalandoci un viaggio sensoriale nel landscape altoatesino di Elena Walch.

Castel Ringberg
Via San Giuseppe al Lago,1- Caldaro BZ

Elena Walch
Via Andrea Hofer, 1
Termeno sulla Strada del Vino BZ
Tel. 0471 860172
http://www.elenawalch.com/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (18/07/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1