Auener Hof Mood

image_pdfimage_print

Auener Hof Dinner –home dove il piacere del viaggio gastronomico rappresenta il preludio del gustare la vita allargando i propri orizzonti. Solo 10 camere per essere più vicini ai sogni dell’ospite e soddisfarli. Dalla natura all’anima, in un sol gesto il piacere del vivere. 

di Antonella Iozzo


Auener-Hof-Panorama-JacuzziSarentino (BZ)  –
Desideri ad alta quota che diventano paradisi gourmet, sotto il segno di Gisela e Heinrich Schneider. Una storia che indossa la passione e respira la tradizione alberghiera della famiglia Schneider iniziata con il nonno di Gisela e Heinrich e proseguita poi con il papà Albert, appassionato di sci, che insieme a sua moglie costruì l’Auener Hof, in quest’angolo di natura a due passi dal cielo. Ci troviamo in Val Sarentino, il respiro del vento, il silenzio delle montagne, il bisbiglio loquace della natura una sinfonia capace di trasportandoci verso lontane dimensioni sospese nel tempo, verso infinti orizzonti di quiete e di riverbero emozionale.

Nel 1998 Gisela e Heinrich Schneider assumono la direzione della struttura, inizia una nuova era. Design, charme, comfort e gastronomia stellata, nel 2008 l’Auener Hof ha ricevuto la prima stella Michelin, s’integrano vicendevolmente riuscendo a dare vita un mondo sensibile capace di comunicare una bellezza da vivere con ogni senso. Poi,  nel 2015 il ristorante è stato valutato per la prima volta con 3 cappelli da Gault Millau.

Istinto e immaginazione guidano un attento e accurato restauro che risveglia l’incanto sopito nel tempo. Tutto sembra accedere in funzione della natura, ne risulta una perfetta combinazione di ambientalismo costruttivo e creatività architettonica ed il bosco, il verde, l’immensità del cielo diventano parte viva della scena.

New entry nel prestigioso circuito Relais & Châteaux
Auener-Hof-terrasseNew entry nel prestigioso circuito Relais & Châteaux, è un luogo accogliente, caloroso, un’intima dimora che impersona il carattere familiare, è una Casa Ristorante dove il piacere del viaggio gastronomico rappresenta il preludio del gustare la vita allargando i propri orizzonti.

Sentirsi come a casa propria, percepire il luogo in modo intimo, beneficiano delle premure e della discrezione di Gisela, è come entrare lentamene in un luogo magico dove il tempo si ferma, ed i sogni risvegliano l’anima nell’incantevole esclusività del momento.

Solo 10 camere per essere più vicini ai sogni dell’ospite e soddisfarli. Legni nobili, arredi curati, tocchi d’arte e intensa luminosità connotano 10 sinfonie armonizzate con il cantico della natura. Improvvisi tocchi di colore scendono dalle tele d’artista e accendono l’eleganza discreta delle camere, mentre il rigore lineare ed essenziale degli arredi definiscono lo stile. Nel nitore di queste dimore la semplicità diventa essenza di lusso intesa come estensione del dolce naufragare nell’immenso. Legno di pino ma soprattutto cirmolo dall’ottimo effetto rilassante. La Suite Cirmolo Deluxe è, infatti, completamente arredata con questo tipo di legno, quando si dice il culto del benessere è nell’aria.

Auener-Hof-suiteIn ogni camera modernità e tradizione diventano estetica e reinterpretano la filosofia dei proprietari: condurre quasi per mano l’ospite nell’antro dei sogni e lasciare che diventano ricordi preziosi sulla tavolozza cromatica dell’Auener Hof. Intense sensazioni che descrivono il tappeto sonoro di una semplicità che diventa lusso, essenzialità, rispetto per l’ambiente. Concept che diventano dinamiche gestionali provvedendo per esempio al riscaldamento dell’intero hotel solamente con stufe a pellet che non emettono CO2, mentre la corrente viene generata da fonti idriche altoatesine.

Lo stato naturale della felicità
Auener-Hof-superior-roomLo stato naturale della felicità è l’Armonia con se stessi e con il mondo che ci circonda, all’Auener Hof accade ogni giorno con una deliziosa colazione con prodotti biologici, marmellate fatte in casa e formaggi prodotti nei masi locali. Il sole irradia la sala e il sorriso di Gisela è un raggio di cordialità e buon umore che scalda il cuore. Muesli fatti in casa, deliziosi quanto delicati, strudel di mele, arte fattesi autenticità e fragranza in ogni boccone ed è come se il piacere sorride alla vista e viceversa.

E se Gisela è una perfetta sommelier che cura personalmente la cantina, un vero scrigno che offre la più grande scelta di vini dell’Alto Adige, vere rarità, preziosi nettari di piccoli viticoltori locali e perle nazionali ed internazionali da scoprire in abbinamento alle creazioni culinarie dello Chef Heinrich Schneider, non è un caso se nel 2008 l’Auener Hof ha vinto il premio per la cultura del vino dell’Alto Adige. Il Restaurant Terra è un elegia di sapori legati al territorio, è la voce della natura che attraverso le sue spezie e le sue erbe compone nel gesto dello Chef trionfi di leggerezza e al contempo profondità gustativa.

Wellness con vista
Auener-Hof-relaxWellness con vista al piano superiore dell’Auener Hof, una vasca idromassaggio ci permette di dialogare con la natura. È uno spettacolo unico, il rosso del tramonto, la luce radente o intensa del giorno e quel lirico accordo con il paesaggio che suggella la quiete musicale del luogo. Armonie irresistibili come impressioni dell’anima che vivono sulla pelle e d’improvviso il nostro corpo scopre l’empatia con lo spirito. Feeling nato su uno dei dondoli della zona relax o nell’intimità delle saune, una finlandese e una alle erbe, per due persone. Il lusso è anche questione di spazio … interiore. E poi i massaggi, come il massaggio con la quarzite argentea, la pietra primordiale. Un vero e proprio rituale solenne e misterioso che nutre il mondo invisibile per una rinascita a 360.
Auener Hof, dalla natura all’anima passando per l’equilibrio dei sensi, in un sol gesto il piacere del vivere.

Auener Hof – Dining home
Frazione Prati, 21 – 39058 Sarentino BZ, Italia
tel. +39 0471 623055
www.auenerhof.it/it/hotel-alto-adige.htm

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (29/07/2015)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1