40° anniversario di Dino Ciani

image_pdfimage_print

Pochissimi anni prima della sua scomparsa tragica a 32 anni, infatti, Ciani aveva già suonato l’integrale delle 32 Sonate all’Unione Musicale di Torino

Jeffrey-SwannCortina d’AmpezzoA 40 anni dalla prematura scomparsa del pianista Dino Ciani, il Maestro Jeffrey Swann – primo vincitore del premio istituito dal Teatro alla Scala “di Milano intitolato al giovane interprete – sarà il protagonista del concerto commemorativo che si terrà al “Museo d’Arte Moderna “Mario Rimoldi” di Cortina d’Ampezzo, venerdì 28 febbraio ore 21.00. A riguardo del programma della serata , il maestro ha dichiarato: << Ho scelto di suonare un programma di Sonate di Beethoven per il concerto in memoria di Dino Ciani, perché è un repertorio che viene spesso associato con questo artista. Pochissimi anni prima della sua scomparsa tragica a 32 anni, infatti, Ciani aveva già suonato l’integrale delle 32 Sonate all’Unione Musicale di Torino. Forse è il primo pianista italiano ad averlo fatto dopo Busoni e sicuramente il più giovane. Ci rimangono delle registrazioni dal vivo che sono state pubblicate in CD. Poco, ma abbastanza per farci capire quanto questo giovanissimo artista fosse già un grande interprete beethoveniano >>.
Il Festival Dino Ciani, nato per mantenere vivo il nome di questo indimenticabile pianista in uno dei luoghi a lui più cari, dal 2007 porta a Cortina grandi nomi del panorama musicale internazionale e, grazie all’omonima Accademia, dà la possibilità a giovani talenti di tutto il mondo di partecipare a Master Class tenute da famosi musicisti.

In occasione di questo primo concerto del 2014, Jeffrey Swann, in veste di Direttore Artistico, anticiperà anche il programma della VIII Edizione del Festival che si terrà a Cortina dal 31 luglio al 10 agosto p.v.
Il Festival si propone di allargare il proprio ambito, accompagnando ai concerti e agli eventi musicali, che comunque restano il cuore della manifestazione, una serie di altri eventi culturali a tema. Quest’estate il filo conduttore sarà inevitabilmente il Centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale che, com’è noto, ha avuto uno dei propri epicentri nella conca ampezzana.

Programma: Ludwig van Beethoven
Sonata Op. 109 in mi maggiore
Vivace, ma non troppo
Adagio prestissimo
Andante, molto cantabile ed espressivo

Sonata Op. 53 in do maggiore (“Waldstein”)
Allegro con brio
Introduzione: Adagio
Rondò: Allegretto moderato – Prestissimo

  
Cortina d’’Ampezzo – Museo d’Arte Moderna “Mario Rimoldi – Venerdì 28 febbraio 2014 ore 21 

  Redazione
 (25.02.2014)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su https://twitter.com/Bluarte1

 

 

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1