Alter Miami, casual, informale, gourmet. Arte culinaria by Kilgore

image_pdfimage_print

Alter Miami, il lato casual della gastronomia, l’essenza gourmet dello chef Bradley Kilgore. Se arte chiama arte quella culinaria ha trovato la giusta location per dipingere l’orizzonte di Wynwood con i colori, le fragrane, i sapori che sin fondono in gusto. 

di Antonella Iozzo

Miami – Casual, informale, gourmet, Alter Miami. L’arte culinaria dello chef Bradley Kilgore indossa un look moderno easy e vivace, in linea con il quartiere in cui si trova, Wynwood, il più artistico ed eclettico di Miami. Con i suoi murales, le gallerie d’arte e le fabbriche di birra artigianale, Wynwood è uno dei volti più originali, colorati e creativi di Miami, non è un caso, infatti, se è riconosciuto a livello internazionale come un importante polo dedicato all’arte, in tutte le sue forme.

Ed è proprio qui che l’Alter conquista i suoi ospiti grazie ad una convivialità fresca e vibrante, ad una location sapientemente ristrutturata ma che ricorda il vissuto di Wynwood con i suoi magazzini e fabbriche abbandonate, ma soprattutto, grazie all’estro e alla tecnica dello chef Bradley Kilgore che si traduce in piatti raffinati, equilibrati e impreziositi da un sapiente uso delle spezie e degli aromi.

Ispirazione Wynwood per un design contemporaneo ed essenziale nella sala, in soluzione di continuità con la cucina a vista e il bar. Luogo ideale per degustare un drink e contemplare il tema in cucina.

Mese in place minimale accompagnata da un servizio che subito conquista per il sorriso, la loquacità e la professionalità, un mix vincente che suggella il piacere del condividere in armonia.

Il menu è una brochure d’artista che propone tasting menu e A la carte, creazioni come opere uniche in una retrospettiva dal titolo “Retrospective fall/2018 – our favorite dishes from 2015 – 2018”. Sono perle incastonate nel tempo capaci di risvegliare le papille gustative con profumi stagionali, accostamenti ricercati, materie prime eccellenti come pregiati frutti di mare, carni e verdura della Florida, influenze asiatiche. Note preziose nate dal piglio creativo e dalla lucida genialità di Kilgore, considerato uno dei più giovani e brillanti chef sulla scena gastronomica di Miami.

Welcome at the Alter Miami con un calice di Delmas, “Cuvee Passion” Brut, Cremant de Limoux, France. Delizioso per accompagnare il “Tzatziki ice cream – aged pumpkin vichysoisse, roasted pepita miso”. Culture che s’incontrano sapori che implodono in perfetto equilibrio. Se la tipica salsa greca, il Tzatziki diventa gelato, la classica vichysoisse francese abbraccia l’America nella versione con la zucca, e il tocco orientale del miso dona complessità ad un piatto fresco e vibrante, ideale per preparare il palato all’esperienza degustativa.

Tasting menu che prosegue con la “Beef tartare – mole cured egg yolk, cactus, plum, pistachio”, non è la solita tartare, ma è l’evoluzione del concept in un trionfo di aromi che accostandosi si elevano in arabesque e poi vorticose piroette. È una danza calibrata dall’uso delle fragranze, per poi ad ogni assaggio riconoscere dolcezza, acidità, nota leggermente piccante, e ancora consistenza e croccantezza. Semplicemente lirico accordo.

 

Lo chef Bradley Kilgore si esprime con una cucina moderna, armoniosa, vibrante e appagante. Vive il tempo e ne flette le intuizioni, le percezioni, le coordinate. Contemporaneo nel gesto, evolutivo nell’anima, il risultato è un gusto dal presente evolutivo.

Ricerca e stagionalità, rigore e creatività binomi che conducono su una sola strada: rispetto per gli ingredienti e qualità, fattori determinati per creazioni come “Soft egg -sea scallop espuma, truffle pearls, siberian caviar” il piatto signature dello chef. Un opera iconica parla del tempo, anzi è senza tempo, ma parla anche del suo autore visionario, lungimirante e con una propensione all’innovazione.

Questo piatto esprime the Kilgore style con una felicità creativa che ci trasporta altrove, verso un esperienza multisensoriale, perché ogni senso ne è coinvolto, basta un assaggio e la sensualità soft dell’uovo dilaga in materia incorporea, toccando la musicalità dell’espuma di capasanta. Intense emozioni vibrano nella complessità del tartufo e la sapidità del caviale siberiano invita a rivivere la scultorea essenza di un capolavoro che ci conduce in un autentico travel conture.

Un tributo al pesce è dato dal “Barramundi – coconut-pandan, thai peanut, shiso-green curry, nuoc cham”, cottura impeccabile, soft e tenera all’interno, croccante all’esterno. Il piatto scuro fa risaltare i colori degli ingredienti come il verde dello shiso. I sapori sono ben definiti e il gioco tra intenso, dolce e leggermente piccante è perfetto nell’avvolgere il barramundi.

Nella piacevolezza dell’Alter Miami lo chef Kilgore ci presenta un piatto classico ed legante che non tradisce le aspettative, “Stuffed quail – cherry olive aigre-doux, toasted oat, hibiscus-pickled pearl onion” una quaglia ripiena che sembra voler evocare un ricordo, il calore di un emozione. Con un tocco moderno e un ottimo contrasto di consistenze, le olive in agrodolce, l’avena, e l’ibisco in salamoia esaltano tutte le potenzialità del piatto con il quale ci piace interagire gustandolo nella sua profondità.

Sweet grand tour che ci conduce in Mexico con “Mexican chocolate – sweet corn ‘flan’, toasted masa gelato, ‘sal de gusano’, pear” un trionfo di sapori che come sinergie nel cosmo gastronomico rilasciano vibrazioni incandescenti. Passione messicana dal cuore caldo e passione che si scioglie nel flan di mais dolce per poi risalire le curve della seduzione, stemperate dal gelato tostato, per giungere fino al richiamo caliente del sal de gusano che sprigiona i propri sapori fra il piccante e il salato.

Cambio di rotta con “Parsnip macaroon – banana bread, almond, parsley, citrus toasted marshmallow”, un amaretto di pastinaca che si apre come una sinfonia, rilasciando una musicalità dalle note ben calibrate tra banana, mandorle e quel fondale vellutato dato dal marshmallow tostato agli agrumi, goloso e accattivante.

Alter Miami, il lato casual della gastronomia, l’essenza gourmet dello chef Bradley Kilgore. Se arte chiama arte quella culinaria ha trovato la giusta location per dipingere l’orizzonte di Wynwood con i colori, le fragranze, i sapori che sin fondono in gusto.  

Alter Restaurant
223 NW 23 St. Miami FL 33127 
Tel. 305 573 5996
http://www.altermiami.com/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (17/11/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1