Bertani Style. Autentici si nasce.Tradizione si diventa

image_pdfimage_print

Bertani Style. Impressioni di natura, sensibilità intellettiva e sensitiva in 200 ettari di vigneto nelle aree più vocate del Veronese e due cantine storiche, Grezzana, cuore pulsante dell’azienda e Tenuta Novare ad Arbizzano di Negrar.

di Antonella Iozzo

 

Bertani-Tenuta-Novare-OgnisantiGrezzana (VR) – Bertani Style. Autenticità, carattere, tradizione. Timeless concept di un reale in continuo fermento Bertani Domains, il vino.

La storia di un vino e di uno stile, Bertani. Un grande viaggio che rintraccia nel tempo la sua evoluzione. La tradizione diventa passione, la lungimiranza visione, il sentimento forza per sovvertire le regole e proporre inedite intuizioni sorprendentemente moderne e cariche di verità. Bertani Domains, Angelini, il presente della storia nell’evoluzione della propria tradizione

Nel 1857 i fratelli Giovan Battista e Gaetano Bertani a Quinto di Valpantena, zona nord di Verona, creano la casa vinicola Bertani. Le idee prendono forma, il vissuto, l’esperienza di Gaetano maturata in Francia, sostanza. È l’estensione di un concept le cui basi risiedono nelle nuove tecniche apprese dal professor Guyot, tra i maggiori esperti di viticoltura.

Bertani Style. L’innovazione s’innesta al territorio in Valpantena e nel Soave, è una visione dinamica che guarda lontano e comunica lo spirito di un progetto mirato al valore del vino e alla cultura del produrre nel rispetto del terroir.

La visione in divenire dei Bertani ben presto incontra le dinamiche commerciali, la passione sposa la ragione in un fermento razionale che si espande in qualità e professionalità con grandi investimenti nelle vigne ed in cantina. Il valore del vino imbottigliato adesso acquista valenza internazionale, l’esportazione è il passo successivo. Dalla fine dell’Ottocento i vini Bertani raggiungono molte città degli Stati Uniti, sotto il segno di una professionalità che si evolve giorno dopo giorno. È una moderna idea di tradizione e d’impegno professionale che si articola e si sviluppa in progettualità imprenditoriale mirata a conquistare i palati più esigenti e raffinati. Meticolosa cura per i dettagli e ricercatezza rendono i Vini Bertani protagonisti di eventi che segnano la storia, basta dire che il Soave Bertani era presente nel menu per l’incoronazione di Giorgio VI d’Inghilterra nel 1937.

Qualità che nasce dall’impegno, da intuizioni lungimiranti, da innovazioni mirate e ragionate che portano all’introduzione di vigneti specializzati e di nuovi sistemi di allevamento. Una realtà che diventa modello, incipit di una nuova era riconosciuto nel 1870 dall’Accademia di Agricoltura, Arti e Commercio di Verona.

Bertani Style. Un vino, uno stile unico
La storia dell’Azienda Bertani s’identifica con il suo simbolo il “Secco Bertani”, un vino, uno stile unico che nel tempo mantiene inalterate le sue caratteristiche ed i suoi principi. Il “Secco Bertani” Original Vintage Edition è il vino cult, il must che porta nel mondo il made in Italy Bertani. Il “Secco Bertani” si continua a produrre seguendo la tradizione: 80% uve di varietà originali della zona, provenienti dai vigneti posti sulle colline che circondano la sede storica, 20% di altre varietà, come nel 1889. Lunga macerazione, a freddo, sulle bucce, alla quale segue una lunga e lenta fermentazione nelle botti di media misura, tipiche della tradizione veronese. Maturazione lenta per 12 mesi in botti di legno autoctono: ciliegio e castagno.

Bertani-Uva-sui-graticciBertani Style. Tecnica e passione viaggino all’unisono ma la magia del Secco Bertani va oltre, è una sottile musicalità che s’insinua nel cuore e ti accompagna per tutta la visita delle Cantine. È un dolce sussurro che accanto alle botti, diventa sinfonia e comunica rigore e fermezza, intelligenza e spirito imprenditoriale, identità e cultura, origine e tessuto emotivo. Se la tradizione è l’inizio di una storia il “Secco Bertani” è l’anima di una leggenda che indossa la realtà di ieri, di oggi, di domani.

Ma ritorniamo indietro nel tempo, in questo fantastico viaggio immaginario sulle nuance del Bertani Style, insieme l’enologo Andrea Lonardi, ed è così che scopriamo che il futuro è già presente nella mente Bertani. Ogni suo gesto, ogni decisione ridefinisce le coordinate di una visione che è vocazione come l’acquisizione a metà Novecento  di Tenuta Novare, in Valpolicella Classica. La storia Bertani diventa premessa della più autentica e solida cultura del vino, un vino senza tempo che comunica la sua natura e la sua essenza, un vino icona destinato ai posteri: l’Amarone la cui prima annata risale al 1958.

Tenuta Novere, un palcoscenico di vigneti, un dipinto espressionista che mette in evidenza la ricchezza sconfinata della natura. Sul fondale boschi rigogliosi, in primo piano l’ordine sequenziale dei vigneti curati nei minimi dettagli. Sette sorgenti naturali, un alternarsi di suoli, dalle argille del fondovalle ai suoli calcarei ricchi di ferro e manganese fino ai terreni ricchi di basalto, ed un clima mite rendono questo luogo quasi magico e profondamente vocato.

Ferro che ci riporta al passato minerario della zona, realtà ben testimoniata dalle gallerie presenti e ci auguriamo ben presto visitabili. Intrecci di cultura, storia e natura declinati nell’espressività di vini che si evolvono nel segno dell’emozione e incontrano l’uomo nel suo vivere le curve dell’universo.

Solo visitandolo, solo passeggiando lungo i sentieri che costeggiano i vigneti, si può percepire la poesia e le potenzialità di questa terra. Se poi si è accompagnati dall’enologo Lonardi, si percepisce la profondità di una passione elevata a dedizione pura. In ogni sua parola la professionalità, la competenza, l’impegno è epidermide del sentimento che veste la ragioni per progetti in confluenza con lo stile Bertani e tutto ciò che ha rappresentato e continua a rappresentare per l’enologia italiana.

Piccola pausa, ma sentita e dovuta, now the landascapes. Il bosco come quinte di teatro rivela scorci unici, ma, soprattutto, cela vigneti corner di raro pregio. Una visione inaspettata e spettacolare, una tavolozza che esprime ed imprime tutte le declinazioni del fare nel rispetto dell’ambiente. Vigneti coltivati a trapezio, macchia boschiva, cipressi e ulivi, un paesaggio che con-vibra di vitale energia nel risveglio quotidiano del giorno e pazientemente attende l’uomo ed il suo intervento sinergico. Coltivare il valore del futuro è un atto d’amore che parte dalla terra.

Lungo i sentieri Bertani Style
Bertani-realBertani Style. Impressioni di natura, sensibilità intellettiva e sensitiva in 200 ettari di vigneto, nelle aree più vocate del Veronese, due cantine storiche: Grezzana, attuale sede e cuore pulsante dell’azienda e Tenuta Novare, appunto, ad Arbizzano di Negrar, nel cuore della Valpolicella Classica, regno indiscusso dei grandi rossi come l’Amarone e il Valpolicella Classico Superiore.

Due dimore del vino nella confluenza di uno stile, lo stile Bertani. Muri intrisi di storia e di emozioni, di vissuto e di antico sapere che rilascino ad ogni passo il valore del tempo e la costante fulgida idea di moderna evoluzione dei fratelli Bertani. Luoghi che custodiscono il sentimento e l’autenticità di un pensiero divenuto Vino, botti come scrigni di esistenza trascorsa nella consapevolezza che il presente è foriero del domani e il passato artefice del momento che stiamo vivendo. Ambienti che ieri come oggi continuano a suggellare la qualità come il fruttaio, legno e saggezza, canne di bambù e pazienza, natura e gesto dell’uomo, il risultato lo ritroviamo in bottiglia. Ricerca, origine, tradizione, innovazioni, sintesi mai antitetica di un concept che è lo stile Bertani. L’uomo e la natura al centro, la tecnologia al loro servizio solo così il terroir può esprime il meglio di se in un continuum logico con gli aggiornamenti degli impianti produttivi.

La Tenuta Novare racconta, viva e pulsa di storie e pensieri e l’Amarone disegna l’anima Bertani, scandisce la passione e a si apre al domani distendendosi nella memoria futura.

Bertani Style. Ogni passaggio è in sintonia con la natura, come il metodo di appassimento naturale ovvero messa in riposo in fruttaio. È qui che le cadenze del tempo danzano nel pulviscolo sonoro delle condizioni climatiche. Il vino rilascia le cadenze di un lavoro che è culto della tradizione e abita il tempo più di quanto si creda, ecco allora le fermentazioni, a volte superano i 50 giorni, in vasche di cemento della Tenuta di Grezzana. Oggi come ieri, ieri come il domani, un lungo e laborioso lavoro di restauro ,infatti, riporta a nuova vita il vissuto. Immense vasche di cemento tornano a nuova luce e alcune rivestite di vetro diventano intermezzo sentimentale carico di verità storica.

Step by step si giunge alla fascinazione del legno per affinamenti di sei, sette anni in botti di rovere di Slavonia e altri 12 mesi in bottiglia, per un amarone longevo, elegante, unico e inimitabile, dove i profumi sono arte. Ma c’è un posto, dove la fascinazione e la pulsazione del tempo è quasi mistica, visone sublime di una rarefazione pregna di cultura. È lo scrigno che conserva bottiglie del 1928, murate nel periodo della prima guerra mondale e rinvenute nel 1984. Pulviscolo che si deposita come testimone di una realtà diventata icona. È uno spaccato storico che ci comunica il valore immutabile dell’identità e la sua suprema essenza.

Bertani Style. La forza dell’autenticità
La forza dell’autenticità è il valore che contraddistingue il gesto dell’uomo e del produttore. È fedeltà al territorio, è identità, è carattere e personalità che si accordano ad un’integrità morale e intellettiva in linea con strategie di marketing e di sviluppo intraprese.

Fedeli a se stessi nel tempo e in sinergia con i processi innovativi che questo comporta per un’interazione qualitativa tesa al massimo livello. Tradizione, terroir, carattere, note di una partitura che immancabilmente porta in se gli accordi di un’orchestrazione armonica e inspirata. Un atto di lealtà che genera fiducia e pulsa di vocazione.

Degustare i vini Bertani è come degustare la fascinazione storica di una realtà che seduce al tatto, alla vista, al palato. Esperienza multisensoriale che calice dopo calice compone una sinfonia infinita.

E se il “Bertarose” 2015, Chiaretto Veneto IGT è una nuvola vivace nella sua fresca eleganza, il “Soave Vintage”Soave DOC è la nota dominante in un’improvvisazione jazzistica, dove anima soul e cuore blues ci rimandano alla sua storia.  Il Soave è stato uno tra i primi vini italiani ad essere riconosciuto come “tipico e pregiato”, già dal 1931. La tradizione non è un optional ma è la solida base che ci permette di guardare avanti consapevoli del proprio passato. Al naso questo vino ci ricorda tutto questo, le caratteristiche organolettiche sono il sunto della “Garganega”, fermentata in parte sulle bucce, come nei vini rossi, fedele alle sue origini, indossa la forza dell’autenticità.

Bertani-etichettePer rendere ogni giorno un giorno speciale con un calice di rosso che esprime la naturale eleganza easy della semplicità “Valpolicella Bertani” 2015, Valpolicella DOC, volgiamo parlare delle sensazioni organolettiche? Dei sentori di frutta fresca, di ciliegia, della delicata speziatura? Forse meglio lasciar parlare le sensazioni che rilasciano ogni sorso. Convivialità e territorialità nel perfetto equilibrio di un buon vivre la Valpolicella.

L’intensità della Corvina vibra di passione, è un’ode di frutta rossa matura che elogia il terroir. Un Cru, o meglio il Cru di Tenuta Novere “Ognisanti” Valpolicella Classico Superiore DOC. Un nome un rimando al passato carico di identità, di vissuto. È il luogo a parlarci con le testimonianze visibili di una storia in movimento, Ognisanti, l’antica chiesetta che si trova nel mezzo del vigneto omonimo, appartenuta per molti secoli ai frati di San Tomaso, ne è l’emblema. Rosso classico e maturo nel garbo dell’impronta Bertani. 

Esperienza Bertani Style sul fil rouge di uno stile unico e rimasto inalterato nel tempo, “Secco Bertani”, primo vino prodotto dall’azienda intorno al 1870. E se la sua unicità gli valse, agli inizi del ‘900, il brevetto della Real Casa, il suo prestigio continua a essere e a rappresentare l’emblema dell’enologia italiana nel mondo.

Corvina e Merlot s’intrecciano in una progressione gustativa calda e appagante, la mineralità data dai terreni ricchi di ferro e manganese introduce una lunga persistenza capace di rimandarci nel mistero di un’opera d’arte totale.

Momento clou con “Amarone della Valpantena” DOCG e con l’“Amarone Classico” della Valpolicella Classico DOC, 2007. Nel primo calice variazioni sul tema dell’eleganza che flettono le vibrazioni di una modernità equilibrata e morbida che danza il retrò futuribile di una passione mai spenta. Struttura, tannini, sapidità, persistenza, troppo semplice, troppo scontato limitarci alle descrizioni tecniche sull’Amarone Classico. La perfezione non si cambia, la si tramanda con cura e dedizione. Da uve Corvina e Rondinella sulle colline di Tenuta Novare, l’armonia di un grande vino. Impalpabili e vibranti sfumature dalla frutta rossa alle note di liquirizia e spezia per una profondità vellutata ed elegante che avanza discreta e foriera del suo passato.
Bertani Style. Autentici si nasce. Tradizione si diventa. Il vino oltre il tempo.

Bertani Domains
Via Asiago, 1
37023 Grezzana (VR) – Italy
Tel. +39 045 8658444  Fax +39 045 8658400
https://www.bertani.net/it

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (16/06/2016)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1