Jams Restaurant NYC, performance di sapori tra freschezza e semplicità

image_pdfimage_print

Jams Restaurant New York una performance di sapori capace di rilasciare tutto il piacere del cibo nel concept dello chef Jonathan Waxman: stagionalità vr freschezza, qualità vs bontà.

di Antonella Iozzo

New York – Jams Restaurant at 1 Hotel Central Park New York, il sapore della freschezza, il gusto della stagionalità secondo lo Chef Jonathan Waxman, nominato “Best Chef in New York City” by the James Beard Foundation.

Manhattan, Sixth Avenue, a due passi da Central Park Sud, luogo iconico per eccellenza che pulsa di quella vitalità vibrante e di quel fascino senza tempo che solo New York può rilasciare.

In questa cornice il Jams Restaurant conquista i suoi ospiti grazie ad un ambiente dinamico, naturalmente moderno ed easy. Muri in mattoni, cucina a vista, arredi in legno e una quercia recuperata come testimone di un natural style anticipato dalla facciata completamente ricoperta di edera. Natural style che ritorna nel concept dello chef Jonathan Waxman: stagionalità vs freschezza, qualità vs bontà.

Al Jams Restaurant l’atmosfera si tinge di nuova luce, è un’iperbole di armonia che deborda la personalità della location. Una gradevole sensazione cadenzata dal sorriso e dall’affabilità dello staff sempre lieto a spiegare il menu, a coinvolgerli nella scelta dei piatti a rendere l’esperienza gastronomica momento ricco di piacevolezza.

Decori green e finestre dal soffitto al pavimento per un primo piano sulla Sixth Avenue, che incornicia ogni piatto come una favola newyorkese da sorseggiare lentamente come il perlage del Raventos Blanc De Nit, Rose, un brut catalano, fresco e minerale con delicate note di pompelmo, lampone e brioche. Perfetto con olive marinate e noccioline speziate che ne esaltano l’aromaticità.

Il menu cambia ogni mese per rispettare i canoni di una stagionalità che diventa espressione di natura e nel mese di marzo una delicata brezza primaverile si eleva da “Marinated baby artichokes”, un giardino su fondo di ricotta affumicata, insaporita da meyer lemon e olive di Castelvetrano. Sfumature deliziose che cesellavano la tenerezza dei carciofi, il tutto da accompagnare con pane di lievito madre tostato.

 

Sfumature e delicati contasti anche per il “Tuna Poke” cubetti di tonno crudo nella cremosità dell’avocado che trovano la verve nel contrasto con la soia e il ravanello. Un contrappunto sonoro accompagnato dalle taro chips. Quasi un background orientale nella tensione gustativa internazionale.

Jams Restaurant, una cucina moderna che seduce subito il palato e che entusiasma la vista con la vivacità dei colori che solo la materia prima di qualità può rilasciare. Lo chef Jonathan Waxman con le sue proposte ci conduce in un viaggio di fragranze e consistenze come con la pasta “Capricci”, ottima cottura e un ragù di costine al vino rosso che si scioglie in bocca, rilasciando tutto il sapore di una tradizione reinterpretata con leggerezza e tecnica.

La semplicità per lo chef Waxman è una carta vincente, un fil rouge che raggiunge il trionfo del gusto con il piatto segnature “Jams Chicken Plate”. Pollo della Goffle Road Farm che rilascia ad ogni assaggio la genuinità di una carne fresca, leggera e morbida. La tecnica ed il gesto dello chef non hanno fatto altro che esaltarne le naturali qualità. Cottura perfetta, lenta che rende il pollo dorato e succulento, esaltato dalla gustosissima salsa verde. La libertà espressiva dello chef, tesa fra modernità e rispetto per la materia prima, si riflette anche nei dessert come la “Macadamia e Coconut Tart”, crema di noce di cocco ricca e golosa nel mordente della frutta esotica che invita a nuovi assaggi, e i sensi sorridono.

Jams Restaurant una performance di sapori tra freschezza e semplicità capace di rilasciare tutto il piacere del cibo in un’atmosfera easy e conviviale mentre la notte fiorisce come note jazz sotto il cielo di una vibrante New York.

Jams, 1414 6th Avenue, New York
Ny, 10019, United States
Tel. 212.703.2007
http://www.jamsrestaurant.nyc

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (13/02/2020)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1