Milano Wine Week, finance and lifestyle l’altro lato dell’Eccellenza

image_pdfimage_print

Milano Wine Week, la nuova piattaforma del vino in una trasformazione quotidiana di fashion finanza e lifestyle. L’arte di rilanciare creando sistema, la cultura del vino come mestiere.

di Antonella Iozzo

Milano – Milano Wine Week, l’inclinazione fashion and business del vino. Dal 7 al 14 ottobre 2018 la City ospita la prima edizione della Milano Wine Week, una settimana dedicata alle eccellenze del vino.

Da un’idea di Federico Gordini, già fondatore di Milano Food Week, Vivite e di Bottiglie Aperte, Milano Wine Week, si presenta come un festival poliedrico e multisfaccettato sul mondo del vino.

La cultura del vino come mestiere, per risultati che esprimono l’essenza di un prodotto vivo e pulsante che comunica territorialità e identità, tradizione e storia, coesione sociale e sviluppo economico, innovazione ed evoluzione turistica. Da dove il vino si produce a dove il vino indossa le dinamiche del marketing e della comunicazione, della convivialità più trend e del lato business, welcome Milano Wine Week, che ha richiamato flotte di visitatori con gli eventi del week end come Bottiglie Aperte il 7 e l’8 presso il Superstudio  Più, di via Tortona e che alza il sipario a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa Italiana con la conferenza d’apertura.

Il saluto del Presidente della Milano Wine Week, Federico Gordini, è un preludio solido e concreto su ciò che intende essere la manifestazione, dare al vino quell’appeal, quella connotazione milanese che si traduce nell’inconfondibile capacità di dettare i ritmi del successo, e il riconoscimento in ambito internazionale della massima espressione dell’Italia, oltre che alla moda e al design, anche in questo settore. Il vino a Milano? Se al primo impatto può sembrare un’idea folle, ad uno sguardo più in profondità si rivela genialmente efficace e attuale nel dare al settore quel rilancio e quell’impulso che ha reso nel tempo il Made in Italy emblema della creatività e della credibilità vera e autentica.

Fare cultura è un’inclinazione che implica passione, conoscenza e comunicazione in una sinergia d’intenti che promuova, divulghi e affascini con format che implicano soluzioni e sviluppi in linea con i tempi. Obiettivo della Milano Wine Week che ha chiamato in campo la Fashion Week, e la Design Week e sul palcoscenico di Palazzo Mezzanotte Carlo Capasa, Presidente della Camera della Moda e l’architetto e designer Mario Bellini, sottolineano l’importanza di questa manifestazione e la genialità di un idea che mira ad avvicinare il consumatore non solo con esperienze degustative ma in modo molto più ampio e completo ponendolo al centro del vortice culturale, economico e sociale che ruota intorno all’universo vino.

Creare feeling e intesa, fra imprenditori e partner d’eccezione sulla rotta di uno sviluppo che immancabilmente non può che generare crescita è il punto di partenza per essere in rete con il mondo; e Federico Gordini è riuscito a circondarsi da una solidissima trama di mail sponsor ad iniziare da Borsa Italiana, il cui amministratore delegato Raffaele Jerusalmi, nel salutare il pubblico in sala si è detto entusiasta del progetto. Come da lui stesso sottolineato Borsa Italina da sempre crede nel settore vinicolo tanto da avviare quindici anni fa un percorso per identificare le necessità del settore, una lungimiranza che nel corso del tempo ha visto due società vinicole quotate, e la creazione del circuito Elite, con 11 società quotate. Una dimostrazione di come Borsa Italiana rappresenta un fondamentale punto d’incontro fra eccellenza e finanza. Altro Main Sponsor fondamentale DHL Italia, rappresentata dal CEO Alberto Nobis, farà da spalla alla Milano Wine Week. Trait d’union fra i diversi step aziendali nonché fra azienda e consumatore finale, guardare lontano è nella sua natura, valore aggiunto di una cultura del fare che rende la Milano Wine Week motore fenomenale per la crescita del settore.

Now la tradizione enoica italiana entra in scena con i suoi protagonisti più veri. A Palazzo Mezzanotte parla il vino con Antonio Capaldo, Presidente Feudi San Gregorio, Matteo Lunelli Presidente Cantine Ferrari, Vittorio Moretti Presidente Consorzio Franciacorta, Ettore Nicoletto Amministratore Delegato Gruppo Santa Margherita, Riccardo Pasqua CEO Cantine Pasqua, Cristina Ziliani Presidente Gruppo Berlucchi, Domenico Zonin, Presidente Zonin 1821, in un dibattito moderato da Luciano Ferraro, giornalista del Corriere della Sera. Punti di vista, riflessioni, soluzioni e nuove prospettive ridefiniscono i canoni classici dell’essere vino. Le diverse figure professionali che ruotano intorno a questo mondo, le diverse problematiche, i diversi aspetti dall’export all’informazione, passando per il coinvolgimento dei giovani e la sinergia fra le cantine in un continuum che rilancia investimenti e idee. Molto sentito ‘intervento di Cristina Ziliani per la quale è imprescindibile l’istruzione, imparare a conoscere il proprio territorio, il senso dell’origine, il valore del gesto che trasforma la tradizione in storia evolutiva dal quale nasce il domani, come per dire dalla vigna al calice l’essenza di ciò che coltiviamo. Un progetto che prevede l’insegnamento nella scuole e visite scolastiche alle Aziende.

Ma da Moretti a Nicoletto, da Pasqua a Capalbio e ancora Lunelli, Zonin, tutti concordano nel fare sistema, trasformando i punti forza di ognuno in un nuovo player per un benessere futuro dagli immensi orizzonti, semplificato da una burocrazia molto più snella e diretta, come auspica Capalbio.

Più di un’ora d’interventi per entrare nell’anima del vino visto da Milano e di Milano visto attraverso i calici di ogni produttore. Si parte da qui e si prosegue con il Wine Forum dove sono stati dibattute tematiche come l’internazionalizzazione degli investimenti e la promozione del prodotto nel mondo.

Milano Wine Week, la nuova piattaforma del vino in una trasformazione quotidiana di fashion finanza e lifestyle. L’arte di rilanciare creando sistema.

http://www.milanowineweek.com/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (10/10/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1