Ristorante La Torre 22. Vocato alla tradizione, ispirato dal moderno

image_pdfimage_print

Ristorante La Torre 22, tipicità, prodotti del territorio e anima innovativa, quella dello chef Luca Basso, che rende ogni singolo ingrediente protagonista assoluto del piatto. Emozioni culinarie nella piacevolezza del sapore conviviale.

di Antonella Iozzo

 

Dossobuono di Villafranca (VR) – La passione al servizio della ragione. Solo così la forma delle idee può cambiare l’orizzonte del gusto e renderlo massima espressione del vivere contemporaneo secondo il Ristornate La Torre 22 dell’Hotel Veronesi La Torre a Dossobuono di Villafranca, a pochi chilometri da Verona. Un monastero del XVI secolo portato a nuovo splendore dall’attento lavoro di recupero architettonico voluto da Sandro Veronesi, Fondatore e Presidente del Gruppo Calzedonia.

La location è un romanzo in un sol gesto che si apre a molteplici letture tese fra tradizione e modernità. Il silenzio dell’atmosfera rarefatta, data dal vissuto della struttura, s’insinua quasi inconsapevolmente nel sublime geometrico del design firmato dallo Studio Botturi. Sapiente gioco di linee, forme e materia che interpretano le fibre del tempo. Dall’ampia lobby dell’hotel alla corte interna, dal bar al Ristorante La Torre 22, design e personale riscrivono il senso dell’ospitalità. Leitmotive di un concept che pone al centro l’ospite. È una sinfonia carica di human touch, di cura per i dettagli e di ricerca della qualità.

Se l’aurea antica sopita nei muri rivela una bellezza timeless, gli arredi e i decori della sala ristorante vibrano di freschezza moderna e vivacità cromatica nel fascino discreto della sintesi.

Ampie vetrate che regalano una vista impareggiabile sul cortile interno, sono il contrappunto alla fusione romantica e intima emanata dalle due salette, ideali per una serata a due e o per piccoli meeting privati. Colori caldi alle pareti, richiami decorativi dei secoli scorsi e il ritmo sostenuto dell’illuminazione decisamente contemporanea di Catellani e Smith o come la mise en place o le sedie originali Ghost, presenti anche in alcune camere, realizzate su disegno da Sedie Friuli e che ricordano dei piccoli fantasmi. Un originale richiamo ad una leggenda locale che narra di una novizia, Filomena, la quale sosteneva di riuscire a vedere le idee che “uscivano dalla testa” delle persone e prendevano forma come fossero fantasmi.

Tradizione e modernità anche in cucina che si fondono in profondità ed evoluzione. Tipicità, prodotti del territorio e anima innovativa, quella dello chef Luca Basso, che coadiuvato da un team professionale, rende ogni singolo ingrediente protagonista assoluto del piatto.

Rispetto della materia prima, cura per il dettaglio e creatività tecnica interagiscono fra loro in un costante mutamento e rinnovamento che lo chef Basso fonde all’esperienza e all’abilità organizzativa.

L’interazione fra sala e cucina è il plus del Ristorante La Torre 22, mentre la sinergia fra lo staff è la cifra stilistica che si traduce in radiosità italiana, impossibile non rimanerne affascinati.

 

Qualità che entrano inscena sin dalle prime battute con l’invito ad un calice di Lugana I Frati 2017 dell’Az. Ca’ dei Frati, che, fresco, piacevole, minerale, armonico ideale per l’intero menu gourmet.

Il carattere eclettico dello chef basso appare chiaro dalla prima portata “Spiedino di lemongrass con Cernia, Yuzu e airbag di Patate”. Si fondono consistenze diverse, mirabile croccantezza e sostenibile leggerezza della materia prima, un inno alla freschezza della cernia rilanciata dal lemongrass e dal yuzu.

Spirito mediterraneo che volge lo sguardo al moderno, senza mai tradire la propria identità e il più classico degli ingredienti, lo spaghetto diventa una vibrazione jazz, dove l’improvvisazione è una variazione perfettamente studiata e calcolata in ogni dettaglio “Spaghetti selezione “Monograno Felicetti” spadellati all’Aglio, Olio extra vergine d’ Oliva, cornetto fresco su estratto di Ciliegino confit e Tartare di Ricciola”. Accuratezza e abilità si librano dall’ottima cottura della pasta. È un piatto che mostra lucidità di pensiero, ogni elemento ha un ruolo essenziale. Al palato un’esplosione di gusto che conquista per la nota piccante subito appagata dalla freschezza della tartare, morbida e soffice.

Lo chef Basso ci fa viaggiare con i sensi è un esperienza che con la “Aragostella al vapore con pinzimonio di Verdure alla Catalana e salsa Ponzu” inizia dalla vista. Scenografica presentazione che attiva tutti i recettori. Colori vividi, croccantezza, leggerezza, è un piatto fresco, strutturato, dove l’aragostella cotta alla perfezione viene esaltata nella sua interezza e il rimando catalano delle verdure conferisce il contrappunto vivace alla dolcezza del crostaceo. Quasi un piatto trend, la fusione di tecniche diverse e di consistenze diverse lo rende unico ad ogni boccone.

Al Ristorante La Torre 22 è il momento del dessert: “Creatività con dolci dello chef”, una triade di puro piacere goloso. E se i sogni son desideri, questa dolce tentazione è una reale impressione di bontà sconvolgente che inizia da una soffice crema al rum e i marroni per poi proseguire in nuance di delicatezza e ragionamento data da un savarin, morbido e soffice, ben lievitato, con cioccolato bianco e frutto della passione che rilancia con la sua verve. Eclissi totale con l’apoteosi del cioccolato fondente croccante e cremoso che sfalda la passione per poi trasportarci nel gusto acidulo e fresco del lampone. Tutto il resto è tentazione glam nel lirico abbinamento al Merlot Passito di Annafrancesca. Mai stucchevole, sempre chic, per chi sa osare nell’equilibrio di un gusto morbido, tannico e rotondo.

Ristorante La Torre 22, emozioni culinarie nella piacevolezza del sapore conviviale ed ogni momento rinasce incanto, poesia sobria ed informale che cambia le prospettive della serata sfumandone le coordinate, anche se è una cena di lavoro. Ambiente, servizio attento, discreto e preparato, ruotano intorno all’ospite, senza mai cadere nel superfluo o nel pedante, l’attenzione e la classe sono una prerogativa del savoir –faire a 360°.

Ristornate La Torre 22
Hotel Veronesi la Torre
Via Monte Baldo 22
Dossobuono di Villafranca 37062 (VR)
Telefono: +39 045 8604811 Fax: +39 045 8604815
https://www.hotelveronesilatorre.it/hotel-con-ristorante-bar-verona/ristorante-verona-villafranca/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (13/10/2018)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1