Tommasi Family Estates, l’autenticità indossa il wine sentiment

image_pdfimage_print

Tommasi Family Estates, la vocazione come mestiere, la passione come fedele alleata di una professionalità e di una consapevolezza che creano capolavori da degustare con i sensi e luoghi da vivere nel segno della più alta ospitalità.

di Antonella Iozzo

Pedemonte di Valpolicella ( VR) – L’eccellenza? Una meta, un modo di essere che coincide con una filosofia ben precisa: perseveranza in un progetto, severità nelle scelte, valore del tempo. L’identità sigla il DNA di una Famiglia e quello di Tommasi Family Estates, stilla l’autenticità di un tradizione che si tramanda di generazione in generazione. Dal 1902 Tommasi Viticoltori sigla il connubio perfetto fra territorialità, lungimirante passione e ospitalità.

La forza delle idee apre nuove direzione e la forza di esplorare nuovi percorsi è una caratteristica che già affiora nell’animo di Giacomo Tommasi nel 1902 quando captato il fermento che gravitava intorno al vino già alla fine dell’800, decide di nobilitare il nettare di Bacco. Il piacere del simposio e lo spirito conviviale ne dispiegano la poesia cambiando le sorti della Famiglia Tommasi. Giacomo Tommasi da semplice mezzadro per i Conti Campostrini ad artefice di un progetto che ben presto trova una sua ragion d’essere nel segno dei tempi che cambiano precorsi con grande sapienza e competenza da nonno Giacomo, dal suo gesto vero e fortemente radicato nel mestiere di fare il vino s’intreccia con la cultura del comunicarlo nello spirito dell’accoglienza e della cordialità.

Nel 1926 il primo passo, l’apertura di una trattoria a Parona seguita nel 1937 da un ristorante in centro a Verona. Quasi una contaminazione di arti, vino, ospitalità, gastronomia come risultato unico di un concept che ha sempre fatto riferimenti ai valori imprescindibili, quali famiglia, tempo, autenticità, origine, modulandoli in un’armonica partitura capace di rilanciare la musicalità in calici di eccellenza by Tommasi Viticoltori che continuano a srotolare nastri di luce nell’orizzonte dell’accoglienza con la nascita negli anni ’90 di Villa Quaranta Wine hotel arricchita successivamente da una SPA e un Centro Congressi.

Tutto nasce dal vino, dall’amore per la terra, quella estensione particolarmente vocata a nord-ovest di Verona, chiamata Valpolicella classica. Tra la pianura, i monti Lessini e il Lago di Garda, uno dei paesaggi veneti più affascinanti e fortemente inclini alla coltivazione della vite.

Ed è proprio qui, dove la forza del paesaggio sublima la vista e le caratteristiche geografiche, geologiche e climatiche rendono la Valpolicella classica luogo ideale per vini d’eccellenza che l’Azienda Tommasi Viticoltori ha sede, a Pedemonte.

Tommasi Family Estates, innovazione, visione dinamica, passione
Innovazione, visione dinamica, passione e dedizione sono sempre stati le costanti della progettualità by Famiglia Tommasi che si è concretizzata, a partire dal 1997, con l’acquisizione di terreni ad elevata vocazione viticola. Ecco allora che la proprietà allarga le sue prospettiva con 195 ettari di vigneto: 90 ettari per la produzione di vini pregiati nelle zone D.O.C. di Verona e 105 ettari nella zona della Valpolicella Classica, dove terroir preziosi, da sempre custodi di quelle proprietà uniche e impossibile da ottenere altrove, che rendono la qualità superlativa testimonial di un fare e di un sapere enoico artigiano che si tramanda da secoli, sono zone come “La Groletta”, “Conca d’Oro” e “Ca’ Florian”.

 

Ma la propensione a ridefinire gli asset produttivi è una dote innata per la Famiglia Tommasi che non conosce confini e sempre nel 1997 con il progetto Tommasi Family Estates ha inizio un viaggio oltre regione che conduce verso l’acquisizione di nuove realtà in regioni d’Italia particolarmente vocate, quali Toscana con il Podere Casisano a Montalcino e Poggio al Tufo in Maremma, Puglia a Manduria con la Masseria Surani, e in Lombardia nell’Oltrepò Pavese con Tenuta Caseo.

Tommasi Family Estates dal cuore della Valpolicella Classica, il wine sentiment incontra the architecture inspiration e la Cantina si rivela nella sua dimensione di estetica con un anima quella della Famiglia Tommasi. Una Promenade che inizia con la spazialità geometrica e armonica del Wine Shop, funzionalità moderna come porta d’accesso ad un sopralluogo virtuale nelle altre Cantine signature della famiglia Tommasi. Una sorta di Grand Tour che culmina con l’assaggiò ed è come toccare la visione nella percezione organolettica di ogni singolo sorso.

 

Tradizione e tecnologia continuano a stringere alleanze amplificano la percezione sensoriale di un wine tour che step by step ci posiziona direttamente nei differenti terroir. Basta un click e dalla Valpolicella voliamo sulle morbide colline toscane e poi nel landascapes carico di brezza marina della Puglia, così via fin quando il reale assume le forme della bottaia Magnifica, con la botte più grande al mondo, la Galleria di affinamento e la Cantina Storica. Non c’è il minimo dubbio ci troviamo in Valpolicella, e quel dolce naufragar di profumi che rimandano alla tecnica dell’appassimento, un particolare metodo della Valpolicella classica, che consiste nel “seccare” le uve prima della pigiatura.
È una fase molto critica e delicata, legata anche al ciclo delle stagioni. I grappoli vengono scelti con cura prediligendo quelli con gli acini non troppo vicini tra loro, in modo da favorire il circolo dell’aria durante la permeanza nel fruttaio, adagiate nelle “Arele”, patrimonio storico della Valpolicella, tipici graticci di legno e bambù. L’Appassimento dura in media 100 giorni, secondo la percentuale d’acqua contenuta in origine nelle uve. È l’acqua, infatti, ad “evaporare” dagli acini che, per un ottima qualità devono rimanere intatti. Per questo motivo lo spessore della buccia è fondamentale e le uve Corvina, Corvinone, Rondinella, Molinara e Oseleta sono particolarmente indicate.

Un lungo lavoro l’appassimento che porta in se l’amore del gesto, la dedizione e quel lirico accordo tra mente e cuore che si evolve poi nella voce dell’Amarone. Tradizione, territorio, interpretati da ciascun produttore con profondo rispetto, e la famiglia Tommasi con carattere e nobiltà d’animo distende una partitura che racconta una storia fattasi cultura del vino tra identità e idee creative nel valore del tempo. La profondità dell’Amarore Tommasi come un ritratto d’artista rilascia tutto questo. Sfiorare con gli occhi le botti di rovere di Slavonia, dove l’Amarone riposa per almeno tre anni è come percepire la quiete musicale del suo lento fluire.

Una seduzione che interpreta lo stile Tommasi, quello sospeso tra storia, modernità e presente anteriore capace di librarsi come un allure calda e avvolgente, corposa e vellutata nel rosso intenso e carico dell’Amarone. Profumi eleganti e raffinati, basta chiudere gli occhi per avere un’anticipazione organolettica che sospende le note di frutta rossa matura e spezie in un finale persistente e assoluto. Effetto wine tour della Cantina Storica che si conclude nel reale contemporaneo con vista della sala degustazione, un ode di versatilità ideale per incontri, meeting, wine tasting e cooking show grazie ad una cucina perfettamente attrezzata.

Tommasi Family Estates. A Wine Tasting like a Grand Tour d’Italie
Linee moderne e toni chiari disegnano una degustazione che si apre con il Pinot Nero Brut Rosé – Tenuta Caseo, Oltrepò Pavese. Una Tenuta “residenza” del Pinot nero, esprimendone l’essenza più profonda con una produzione dalla complessa finezza. Un Brut Rosé che nasce dall’eleganza del Pinot nero. Sapidità e freschezza intrecciano una persistenza aggraziata dalle note dei piccoli frutti di bosco. Qualità che si elevano nella sfera sensoriale a soft touch di appagazione organolettica con il Pinot Nero IGT 2013, in purezza.  Rosso rubino luminoso che si apre come un ventaglio olfattivo con note di ribes, ciliegia e mora per completarsi con sentori speziati di vaniglia, liquirizia e pepe. Un tappeto sonoro armonico e avvolgente che continua a rilasciare calde emozioni nel lungo persistenze finale.

 

Un Grand Tour tutto italiano che approda in Basilicata con una Cantina, quella di Paternoster, che salda la storia al territorio con grande spirito lungimirante. Tommasi continua a traghettarne nel domani il valore intrinseco coniugando innovazione e origine nel segno della professionalità. Caratteristiche che emergono dalla Falanghina IGT Vulcanico 2018 – Paternoster, intensa e fragrante, conquista il palato per la sua trama minerale che svetta in una piacevolezza vibrante.

Si rimane nel Sud ma si cambia registro con il Primitivo di Manduria Riserva DOC “Dionysos” 2013 -Masseria Surani, Puglia. Solare ed intensa voce autoctona dai profumi maturi che precedono un palato largo e ricco. Forza ed eleganza declinati in raffinatezza con un tannino capace di farsi ricordare per il suo sorso deciso ma mai invasivo.

La forza dell’autenticità diventa scelta di carattere in Toscana con Alicante IGT 2015 -Poggio al Tufo a Pitigliano, in provincia di Grosseto, un importante sito Etrusco, a 350 metri sul livello del mare. Ed è qui, che nasce un vino di grande personalità, Alicante boushet in purezza. Un vitigno particolare, che si lascia ricordare per quella sua complessità stimolante e accattivante che conquista il palato lentamente. Se il rosso rubino ammalia la vista, l’olfatto e le papille gustative subiscono il fascino indiscreto di un eleganza fruttata e articolata.

Ma quando si dice Toscana, immancabilmente la mette corre sulle colline di Montalcino e Tommasi Family Estates ci presenta il Brunello di Montalcino DOCG 2013 – Casisano. Una superlativa interpretazione del vitigno per eccellenza di Montalcino, il sangiovese grosso. Una sinfonia complessa e maestosa da degustare con l’anima. Struttura e mineralità e contrasti si esaltano a vicenda per poi cedere il passo ad una finezza che si evolve in un paso doble con la fragranza delle note fruttate speziate rimando sospeso nel finale persistente e setoso.

Tommasi Family Estates si rivela, calice dopo calice, forma ed essenza della miglior tradizione enoica, capace inoltre d’innervare l’innovazione aprendosi ad immensi orizzonti con una preziosa wine collection che seduce il palato dei wine lovers e degli esperti del settore.
Tommasi Family Estates, la vocazione come mestiere, la passione come fedele alleata di una professionalità e di una consapevolezza che creano capolavori da degustare con i sensi e luoghi da vivere nel segno della più alta ospitalità.

Tommasi Viticoltori
Via Ronchetto 4
37029 Pedemonte di Valpolicella VR
Telefono +39 045 7701266 Fax +39 045 6834166
https://www.tommasiwine.it/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (13/09/2019)

 

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1