Banfi Wines al Food Loft di Rugiati. Chef for a Day

image_pdfimage_print

Al Food Loft Milano di Simone Rugiati, Banfi Chef for a Day, una competition in cui i partecipanti si sono cimentati nella scelta del giusto abbinamento tra una selezione di vini della tenuta toscana con alcune ricette proposte da Riccardo Cappelli. 

di Antonella Iozzo

Food-Loft-Milano-Banfi-Chef-for-a-day-Rugiati
Food-Loft-Milano-Banfi-Chef-for-a-day-Rugiati

Milano – Banfi Chef for a Day. Sense web, sense chef per assaporare l’Italia dei grandi maestri del gusto in un evento che ha coinvolto Banfi, nota azienda vinicola di Montalcino, Stosa Cucine, azienda senese tra le cinque realtà più importanti del settore in Italia e Simone Rugiati tra gli Chef più celebri del momento. Una triade toscana quintessenza della comunicazione che porta in tavola la qualità, la passione, il piacere della convivialità.

Attraverso il web Banfi incontra il mondo e il mondo scopre una realtà dinamica, moderna, in linea con le nuove tendenze e in sinergia con il futuro. E’ il momento di creare feeling web, è il momento di interagire con i social media, è il momento che i satelliti della new communication conoscono l’anima e la cultura del gusto in modo coinvolgente e fuori le righe.

Nasce una nuova competition: Banfi Chef for a Day, in cui i partecipanti si sono cimentati nella scelta del giusto abbinamento tra una selezione di vini della tenuta toscana con alcune ricette proposte da Riccardo Cappelli, chef dei due ristoranti di Banfi, la Taverna e la Sala dei Grappoli. Il primo premio del concorso è stata una serata evento presso il Food Loft Milano di Simone Rugiati.

People and event, food and glamour quanto basta, per una serata all’insegna della convivialità. Banfi, lungimirante passione declinata in valore ed esperienza al servizio della qualità vitivinicola, punta su nuove espressioni del comunicare, incontri che uniscono il senso dell’innovazione e il carattere della tradizione. Il risultato? Una celebrazione di stile, di enogastronomia italiana, di simpatia e competenze qualificate che premiamo il successo in crescendo, il prestigio nel tempo.

Location d’eccezione, quindi, il Food Loft Milano di Simone Rugiati uno spazio moderno, trend, dalle linee semplici e pulite, dove il design essenziale e geometrico entra subito in sintonia con il pubblico. Un luogo dove gli eventi firmati Simone Rugiati, scivolano nell’atmosfera informale, creano appeal televisivo e imprimono quella particolare allegrezza cosmica che Rugiati naturalmente e semplicemente rende energia vitale coniugata a professionalità, smile, life, food and wine.

Tra musica e simpatia, la serata assume le forme del format “Cuochi e fiamme” due squadre, infatti, di cui faranno parte anche i primi due vincitori del concorso, si sfideranno nella preparazione di tre gustosi piatti scelti per l’occasione da Simone Rugiati, giudice e conduttore della serata. Vincerà la squadra che totalizzerà più punti al termine delle tre prove. Alla giuria composta da Simone Rugiati, Riccardo Cappelli e da un responsabile Stosa Cucine l’arduo compito di decretare la squadra vincitrice. Dinner con sorpresa che scopre l’entusiasmo dei partecipanti, la qualità degli chef professionisti, il lato eclettico di Banfi che riesce sempre a tradurre in un sorprendente successo ogni idea evolutiva dettata dall’intuito e dall’intraprendenza.

Ospiti, amici di Banfi, responsabili di settore celebrano a Milano le cadenze del rosso Montalcino, le bollicine vibranti, le variazioni su tema che in ogni calice cesella la dedizione alla qualità.

Vini che hanno accompagnato il menu della serata ad iniziare da La Pettegola-Vermentino 2014, profumato e ricco bouquet per l’insalata di gamberoni su letto di mesticanze e anacardi. Intanto il Food Loft divine palcoscenico ed insieme platea, protagonista il cibo tra le abilità culinaria delle due squadre. Simone Rugiati, intrattiene, conduce, conquista il pubblico con un savoir faire travolgente ed accattivante simpatia. Persona e personaggio sono le due facce della stessa medaglia, è straordinario notare come la bravura da chef e le qualità professionali, sono il piatto forte cucinato a fiamma vivace dalla loquace comunicativa di Rugiati.

Due squadre City e Alevè, rispettivamente nelle due cucine City e Alevè si cimentano in itinerari che prevedono cromie vivaci di creatività, manualità e improvvisazione da chef. Lo spettacolo è servito.

Per la squadra City, Alessandra Fiorani, Ristorante Boccondivino, Montalcino e Rosanna Ferraro, vincitrice del concorso Banfi Chef for a Day  aprono le danze con la prova risotto. La squadra Aleve’ risponde con Andrea Massetti, Osteria Brunello, Milano e Giuseppe Scardamaglio, vincitore del concorso Banfi Chef for a Day. A colpi di pentole e mestoli, gli sfidanti rilanciano il piacere di cucinare in un dialogo di armonici contrasti che esaltano affinità e differenze. La verve della serata è una musicalità vibrante plasmata dagli interventi di Rugiati, un eclettico conduttore al comando della simpatia.

Sorsi di ASKA, Bolgheri Rosso DOC 2012, per il pacchero con la ricciola, fluttua in un velluto sonoro che scopre nuovi concorrenti alle prese con il filetto. È la volta per la Squadra City di Andrea Petrignani, Osteria Le Logge, Siena e della sottoscritta, ebbene per una volta la penna di Bluarte si cimenta ai fornelli.  Grazie alla guida e alla bravura dello chef Petrignani, il risultato è niente male. Per la Squadra Alevè Dimitri Contessi, Ristorante Felix, Milano Marittima e Bruno Caprioli, giornalista di Mailander. Giornalisti sulla scena del gusto per renderlo armonioso, bilanciato, delicato e sorprendente quasi quanto una buona recensione.

Sulla rotta dello stare insieme, ampiezza comunicativa di Rugiati va di pari passo con l’ampio respiro dei vini Banfi, che continuano a regalare al mondo dei wine lovers e degli esperti momenti rari e unici. È il caso di Poggio alle Mura Brunello di Montalcino DOCG 2009, intenso e speziato, persistente e rotondo. Una personalità che esalta la tagliata e suggella il palato di nuove emozioni.

E le emozioni scivolano verso il dessert con la terza ed ultima prova Alessandro Lozza, Ristorante La Caprese di Mozzo, per la Squadra City e Marco Rota, cuoco privato Free lance per la Squadra Aleve’, entrambi affiancati da due concorrenti non professionisti estratti tra il pubblico. Dolci tentazioni tra panna e cioccolato, frutti di bosco e sbriciolona si vestono dell’estro fantasioso dei partecipanti. È una festa per gli occhi e il palato, una sinergica corrispondenza di sensi e di essenze che giocano a carte scoperte. Sul podio, tra applausi e consensi, si posiziona la Squadra City, ma è l’armonia e il piacere nel condividere l’amore per il cibo a vincere.

The Banfi nigth al Food Loft Milano di Simone Rugiati che si conclude tra le dolci note del Florus Moscadello di Montalcino Doc Vendemmia Tardiva 2012, percorsi di seducente eleganza per una fragrante serata sospesa tra vitalità e modernità, trait d’union il sorriso. Con Banfi a Simone Rugiati l’audacia e il piacere di condividere la passione per la tradizione e l’innovazione attraverso il gusto. Food enjoy.

Castello Banfi – Il Borgo
Poggio alle Mura- 53024 Montalcino (Siena)
Tel. +39 0577 877524 – Fax. +39 0577 877530
http://castellobanfi.com/it/
http://castellobanfiilborgo.com/it/home/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (30/06/2015)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1