Gourmet Festival night a Castel Fragsburg

image_pdfimage_print

Gourmet Festival 2014 per celebrare i 60 anni di Relais & Châteaux. Appoitment d’inizio novembre a Castel Fragsburg Merano. Pennellate di eleganza discreta e misurata, fascinazione charme, evocazioni lontane, tutto il resto è intima poesia che accarezza le corde dell’anima.
di Antonella Iozzo

Castel-Fragsburg-Merano-Haller-Dietrich-De-Luca-OrtnerMerano (BZ) – Relais & Châteaux, emozioni che rivelano i piaceri della vita in un viaggio intorno al mondo tra gusto, charme e stile. 500 hotel e ristoranti gastronomici compongono l’Associazione Relais & Châteaux, un corollario unico che ci rivela l’essenza dell’ospitalità e dell’unicità.
l Gourmet Festival 2014 celebra 60 anni di prestigio e di eccellenza, di passione e impegno al servizio della joie de vivre con 32 taste event in altrettanti Relais & Châteaux italiani. Esperienza di sensi firmata, ogni qualvolta, da due Grands Chefs o giovani talentuosi cuochi Relais & Châteaux che deliziano gli ospiti sublimando un percorso gastronomico fra tradizione e creatività, fra originalità e tipicità.
Appoitment d’inizio novembre a Castel Fragsburg Merano, pennellate di eleganza discreta e misurata, fascinazione, evocazioni lontane, tutto il resto è intima poesia che accarezza le corde dell’anima. Sul calar della sera la magia del crepuscolo suggella la location che regala ai suoi ospiti una vista meravigliosa sulla città di Merano. Castel-Fragsburg-Merano-SalaScenografico palcoscenico per un opera prima, nelle forme della raffinatezza e della preziosità culinaria sostenuta dal calore, punteggiato di discrezione e sobrietà, del proprietario e maître de maison Alexander Ortner. Poche ma significative parole nel segno ampio dell’ospitalità per presentare gli interpreti di un’esclusiva arte culinaria: Luis Haller (Castel Fragsburg, Merano), Heribert Dietrich Hotel Walserhof, Klosters, Svizzera) due stelle nel firmamento Michelin e Raffaele De Luca Chef pasticcere di Castel Fragsburg. Sul proscenio, stillano gocce suadenti di piacere dal perlage fine e persistente naturalmente champagne Pommery, che introduce i grandi vini fermi della Cantina altoatesina Manincor e della Tenuta zur Sonne, Jenins, Svizzera, rispettivamente, attraverso l’enologo e direttore Helmuth Zozin e la produttrice Francisca Obrecht.
Luis Haller e Heribert Dietrich, fusion di sensi e di talenti che implodono in una felice combinazione di sapori capaci di esaltarsi a vicenda. Dalla Svizzera all’Italia e viceversa, è sempre il territorio a parlare, a titillare il palato con nuance olfattive e gustative ispirate dalla creatività e dalla tecnica in sintonia con l’esperienza.
Castel-Fragsburg-Merano-RomboL’atmosfera di Castel Fragsburg risplende di luce e di armonia, di serenità e bellezza, è un’evocazione che richiama la seduzione del gusto con un aperitivo che intreccia delicatezza e morbidezza: cubo di istrione affumicato su patate e arance, per iniziare. Sapori che si compensano con note decise e acidule, in contrasto il Sandwich di bresaola caratterizzato da materica corposità che richiama la mini-polpetta di carne, succulenta e golosa. Frammenti che arretrano con la vaporosa musicalità del consommé di fagiano, petali di luce trattenuti da una leggera crosta di pane. Al suo frantumarsi in mille frammenti di piacere l’anticipazione gustativa è all’apice.
La naturale eleganza dello Chef Haller, delinea la prima portata, “Rombo e uovo croccante, piselli, pelle di pollo, fondo di camomilla e granchi”. Sinuosa modernità di un artista del gusto che lascia respirare il rombo per poi avvolgere nella cremosità dell’uovo croccante. Intensità stemperata dall’impalpabile nuvola di camomilla e granchi, rêverie et impressioni, capaci di scivolare, inconsapevolmente, nelle più nascoste sensazioni. Ad accompagnare questa creazione il Sauvignon Tannenberg 2013, Manicor, presentato dall’enologo Zozin. Flutti leggeri e morbidi che nascono da mille sentori e compongono un bouquet elegante e gradevole.
Castel-Fragsburg-Merano-CastagnaTutte le sfumature dell’autunno, tutte le emozioni di una stagione che apre le sue palpebre ai ricordi, al calore di un abbraccio, all’essenza della terra che rilascia i suoi frutti. Sembra questa la premessa dalla quale è partito lo chef Dietrich, per “La castagna pregiata. Schiuma di castagne assortite con purè di sedano e guancia di vitello brasata. Scaglie di tartufo”. Passione avvolgente che dilaga in un tramonto di sapori integri, consistenti, note che vanno assaporate fino in fondo. La croccantezza suadente delle castagne è inebriata dalla schiuma che trionfa imperiosa grazie a sua maestà il tartufo, forte, deciso, pericolosamente seducente che richiama a sé la guancia di vitello in una elegia saten che ricade nella leggerezza del purè di sedano. Poi, tutto rinasce romantica evocazione con gustose caldarroste. Taste evolution con lo Schiller 2012, Tenuta zur Sonne. Un rosé particolarissimo, vibrante ed evocativo, come spiega la produttrice, la Sig.ra Francisca, Pinot nero, Pinot bianco e Chardonnay, gli conferiscono carattere e personalità e note olfattive eleganti e aromatiche.
Castel-Fragsburg-Merano-CervoUna serata di classe che scivola come seta, come un sogno sull’orizzonte del desiderio. Il candore del bianco veste la sala, le stelle la notte delle emozioni e il servizio impeccabile, attento e riservato, culla gli ospiti nella panacea dei sensi. La tradizione ispira gli Chefs e si lascia respirare a sua volta da interpretazioni che ne elevano il sapore. È un inoltrarsi nello incipit culturale della storia del tempo, quella che appartiene tutti noi , quella che si apre a molteplici letture, quella che suggerisce profonde riflessioni. Un passato coniugato al presente ne “La bietola ed il salmerino”. Composizione di Capuns e Salmerino su funghi autunnali” proposto dallo Chef Dietrich. Un piatto della tradizione del Cantone dei Grigioni, quindi, rivisitato e rivalutato. Materia prima adagiata e avvolta nelle foglie di bietola, semplicemente, naturalmente, ed un profumo di sottobosco con i funghi che risveglia il palato. Ogni sapore emerge nella sua interezza e lo Chradonnay 2012 della Tenuta zur Sonne, strutturato e armonico, sembra ricondurci ai profumi della memoria. Un sunto di tradizione e metodo che nasce dal respirare l’anima dei vigneti. È questo che ci trasmette la Sig.ra Francisca, nelle sue parole, il valore del tempo, la ricerca costante della qualità, l’impegno di mantenere e comunicare ai posteri la preziosità di una piccola Tenuta, lungimirante, e vocata alla qualità.
Castel-Fragsburg-Merano-Dessert-HallerSinergie enogastronomiche accendono la passione altoatesina dello Chef Haller, e l’essenza della terra entra in scena. Pulsione creativa, pulsazione regionale per il “Duetto di cervo con birra Sixtus, ciliegie Kornel e zucca in due tessiture”, una nuova espressività traccia le linee guida della creazione culinaria, pennellate di natura irrorano di arancio il fondale del gusto, è la zucca che dolcemente introduce la spalla di cervo, succulenta e dalla cottura perfetta. Il suo cuore roseo delizia ogni papilla gustativa, scioglievolezza persistente che trova il giusto mordente nell’acidità delle ciliegie. È come se i toni gravi di una partitura srotolassero l’essenza del cibo in un velluto sonoro che esulta ad ogni sorso di Cassiano 2012, Manincor. Merlot, Cabernet Franc, Tempranillo, Syrah. Un blend aromatico e persistente, giustamente tannico ed equilibrato, che rappresenta l’eleganza raffinata della Cantina Manincor, l’enologo Zozin, infatti, sottolinea come la ricercatezza, la sapienza e la dedizione sono tra i punti cardini della Cantina. Castel-Fragsburg-Merano-Dessert-DietrichE per chi ama il sottile ricamo di un fascino sopra le righe, il Pinot nero Monolith 2012,Tenuta zur Sonne. In un sorso tutta la fragranza della frutta rossa matura, e il periplo di una vinificazione che ne forma e ne custodisce il carattere.
Ultimo atto di un memorable portraits dell’eccellenza enogastronomica è affidato alla meraviglia dei dessert. Lo chef Haller ci sorprende con un “Tartufo sbagliato in espuma tiepida di riso al latte e foglia d’oro” servito in un calice in … orizzontale. Loquace presentazione che seduce l’occhio e inviata all’assaggio. Attitude sofisticata quanto basta per una meraviglia dei sensi che svetta nella vastità delle sensazioni. Il cioccolato fondente del tartufo è imperioso sembra quasi voler scolpire le coordinate del gusto, in controcanto la di diafana inconsistenza dell’espuma che lo Chef Haller, nota dopo nota trasforma in soffice radiosità, candore baciato dalla foglia d’oro, regale elegia, distesa in una lussuosa empasse emozionale.
Lo Chef Heribert Dietrich, gioca su una musicalità diversa e crea una suite dai toni freschi e riconducibili alla sinfonia della natura “Canederlo di formaggio fresco di capra con noci grattugiate su ragout di mele e sambuca con gelato alla panna agra” bucolica evanescenza vestita di luce che fiorisce di mitigata intensità nel formaggio, in accordo melodico con le mele e la purezza del sambuco, candori liberi e fecondi che dipingo l’anima sfaccettata dello Chef, quanto degli ingredienti. Castel-Fragsburg-Merano-TortaElisir di dolci, passioni che esultano con “Le Petit 2012”, Manincor. Petit Manseng dai riflessi dorati che avvolge ogni papilla, rotondo e solare, grazie ad un giusto equilibrio di zuccheri e acidi che le donando la giusta freschezza e suadenza.
Tesori gastronomici che culminano con una degustazione di formaggi Capriz. Una vera onda di gusto tra prelibatezze in tutte le sue varianti dal vaccino al caprino, presentati dai produttori. Diverse stagionature per diverse perle, da assaporare nella ricchezza dei suoi aromi.
Castel Fragburg night che si accende di sorrisi con la torta dedicata al Festival Gourmet 2014, creata dallo Chef pasticcere Raffaele De Luca. Omaggio all’Italia, riprodotta in una dolce scultura ricoperta di cioccolato bianco sulla quale piccoli dolci stemmi Relais & Châteaux, indicano i luoghi dei vari Relais italiani. Mai l’Italia è stata così dolce, mai lo stivale ha trasportato alla sua bellezza paesaggistica negli umori di una delizia estetica di pan di spagna, cioccolato e lampone.
Nel segno Degli Chefs Luis Haller e Heribert Dietrich, l’anima del Festival Gourmet ha scandito l’arte dell’ospitalità di Castel Frangsburg.
Castel Frangsburg, splendido ed esclusivo, un paradiso che ridefinisce la sublime tensione dell’infinito in un istante eterno di bellezza da vivere nell’immensità dei sensi. Esclusivi si nasce, unici si diventa.

Castel Fragsburg
Via Fragsburg 3  – Merano –Italy
T +39 0473 244071  ⋅  F +39 0473 244493  
www.fragsburg.com

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (07/11/2014)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1