Summa16, il mondo del vino secondo Alois Lageder

image_pdfimage_print

Summa16 l’allure del vino ha trovato casa, è un Made Lageder che piace al mondo, dalla voce della natura a quella di Lageder l’unicità diventa simbolo e simbolica interpretazione dell’eccellenza enoica con il plus della sensibilità artistica e dell’ospitalità.

di Antonella Iozzo

Summa_Cason-HirschprunnMagrè (BZ) – Summa16, il mondo del vino secondo Alois Lageder. Dal 9 all’11 aprile 2016 vis a vis con oltre 60 produttori d’eccellenza provenienti da Italia, Germania, Austria, Francia, Nuova Zelanda. Il vino nella sua vera natura si mostra ad un parterre qualificato, rilasciando attraverso incontri, degustazioni, dibattiti, visite guidate ai vigneti e alla cantina, le forme della cultura enoica e quelle del business. Asset di uno sviluppo socio –economico che in questa esclusiva piattaforma dal respiro internazionale, trovano nuovi stimoli e nuovi punti di riflessioni per tracciare le prospettive future del vino.

Il palazzo rinascimentale di Casòn Hirschprunn, proprietà della famiglia Lageder e la storica Tenuta Tòr Löwengang di Magrè (BZ) sono diventati la dimora dal fascino intimo e discreto di un evento che vince per alta qualità, tradizione e lungimiranza, buss-economy che guarda al produttore e si rivolge al mondo comunicando terroir e gesti autentici.

Alois Lageder, un nome, una tradizione, una continuità familiare in sintonia con la natura e la biodinamica che diventano la quintessenza del loro concept. Una filosofia che diventa stile di vita e che pulsa non solo nei loro vini ma in tutta Magrè. Pittoresco affresco, primo piano e sfondo di un evento dedicato al vino. Si, perché il vino non solo è il protagonista assoluto ma detta i tempi, entra in simbiosi con il luogo ne subisce e ne rilascia il fascino. Scorci, stradine tipiche, graziose fontane stillanti il silenzio musicale e poi i saloni rinascimentali, gli affreschi, i soffitti a cassettoni o con travi a vista avvolgono nella loro teatralità carica di charme, il sentiment del vino e trasportano l’assaggiatore e il produttore verso quell’interazione di sensi che, se da un lato tocca le corde del marketing, dall’altro cede, lentamente, all’emozione sensoriale.

Summa_Weinprasentation_GranarE’ come trovarsi in un luogo sospeso nella bellezza paesaggistica altoatesina ed i vini improvvisamente rinascono anima e cuore, mente e gesto. Summa ascolta il mondo che cambia e  prolunga la durata dell’evento di un giorno, apre le porte a molti ristoratori ed enotecari e nella giornata di domenica ha molti wine lovers.

 Il successo è palpabile, immediato, è come se nuova linfa dipingesse una felice combinazione di elementi che intersecandosi fra loro regalano a ciascuno di noi un attimo atemporale, dal vino al vino il valore umano è fondamentale per la Famiglia Lageder e Summa ne distende l’essenza. Decisamente palpabile, quasi a volerci venire incontro durante una piacevole sosta ai tavolini all’aperto. Relax, convivialità, coffè breack e i nostri sensi rivivono le sensazioni organolettiche avvertite ad ogni assaggio e le storie di vita che si celano dietro ogni etichetta.

Summa16 l’allure del vino ha trovato casa, è un Made Lageder che piace al mondo, dalla voce della natura a quella di Lageder, l’unicità diventa simbolo e simbolica interpretazione dell’eccellenza enoica con il plus della sensibilità artistica e dell’ospitalità. Ecco allora che la visita ai vigneti in carrozza diventa romantica evocazione, la visita ai giardini pace interiore e musicalità dell’anima, le degustazioni intuizioni ed esplorazioni, sperimentazione e fascinazione come la degustazione in cantina “Vini Cometa, impulsi innovatori della nostra enologia”, condotta a rotazione anche da Alois e Alois Clemens Lageder. Sono vini lavorati con metodi sperimentali, per esempio lasciati sulle bucce per oltre tre mesi, messi in botti da 10 ettolitri con i raspi o lasciati riposare in botti di acacia, legno che esalta naturalmente i profumi di sambuco, caratteristici del Sauvignon, affinamenti singoli.  Interessante l’evoluzione dell’incrocio Manzoni o del Pinot grigio per un rosé che non ti aspetti.

Summa_PalazzoSperimentazione e tradizioni non antitesi ma sintesi di un saper e voler guardare lontano. Idee che si sono tramutate in ricerca e nuove espressioni come la scelta  trent’anni fa di piantare delle varietà non autoctone, ma tipiche di regioni più meridionali quali Viognier, Petit Manseng, Assyrtico, Roussanne, Marsanne oppure Tannat, intuizione che ci ha permesso di osservare la reazione di questi vitigni sottoposti ai cambiamenti climatici.

Summa16 cambia l’approccio al vino e percepisci la profondità, la complessità di un mondo che nasce dalla vite e si estende in stile di vita, in filosofia, in marketing, in cultura e convivialità. È come vedere ciò che già sappiamo e consociamo con occhi diversi.

È con questi nuovi occhi incontriamo i produttori, come l’Azienda Anselmi e la sua garganica in purezza, un tributo al terroir. La trentina Foradori, Pol Roger Champagne, il must è nella sua natura. Si cambia decisamente tono con il tedesco Gut Hermannsberg, Nahe, Riesling autentico e assoluto. Ritorno in Italia con la Tenuta PetroloToscana, un rosso intenso e corposo, e per proseguire il Chianti classico dell’Azienda Querceto di Castellina declinato in eleganza. Oltre la percezione bordolese Tenuta Guado al Tasso, Marchesi Antinori. Ci spostiamo in Meremma con Monteverro, uno chardonnay e tre rossi dalla suprema impronta. Più di sessanta espressioni, più di sessanta grandi realtà.

La convivialità a Summa16 tocca le sfere del gusto con Davide Scabin, la semplicità e la felicità creativa in piatti che parlano ai sapori ed esaltano la pasta Felicetti di cui è testimonial. Per la gioia del palato l’esperienza culinaria entra nella tradizione e ne trasporta l’essenza con stile e garbo grazie a  Raimund Frötscher di Hannah&Elia fine cooking great events di Bressanone (BZ).

Easy ed informale, la tentazione diviene sempre più audace fino a giungere al cuore caldo e avvolgente delle amatissime frittelle di mele, una bontà delle contadine di Magrè che conquistano everybady with joie de vivre. Summa16 dal cuore del vino al cuore del gusto.

Producers Summa16

Alois Lageder 
Grafengasse 9, 39040 Magre’ sulla strada del vino BZ 
Telefono:0471 809500
http://www.aloislageder.eu/

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (23/04/2016)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1